Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Terapia Quantistica della litiasi’

Lithiasis Quantum Therapy. Lezione N. 1. INTRODUZIONE.

La calcolosi, indipendentemente dalla sede biliare, urinaria, prostatica, salivare, vaso-parietale, etc., é una malattia molto diffusa non solo nella popolazione adulta, ma anche in quella pediatrica.

Per esempio, la calcolosi renale, nefrolitiasi, è una delle patologie più comuni. Si stima che circa il 10% della popolazione abbia avuto nel corso della propria vita un episodio di calcolosi urinaria. Gli uomini sono colpiti più frequentemente rispetto alle donne. La prevalenza di nefrolitiasi aumenta notevolmente dopo i 40 anni e continua ad aumentare fino ai 70 anni.

Alla “Quantum Therapy” della  litiasi, in generale, e precisamente alla guarigione della Costituzione Litiasica e del relativo Reale Rischio Congenito, è dedicata una serie di lezioni,  esclusivamente rivolte ai Pazienti e ai loro Medici, a condizione che non siano Medici dipendenti dal Laboratorio e dal Dipartimento delle Immagini, come i “Professori”.

Mi spiego meglio, devono essere Medici che, fatta CLINICAMENTE la diagnosi, solo in seguito si avvalgono della corroborazione del Laboratorio e del Dipartimento delle Immagini, strumenti diagnostici  preziosi se posti al SERVIZIO della Clinica!

Oltre 50 anni di esperienza clinica mi permettono di affermare che la litiasi, indipendentemente dalla sua sede, è una patologia frequente, causa di coliche veramente dolorose,  motivo di ansia continua per il malato, di perdita di ore lavorative e – da non trascurare – di notevoli spese per il SSN.

La Medicina attuale, nonostante i sedicenti progressi epocali, non è riuscita a ridurre né la frequenza né l’incidenza di  questa patologia grave. Essa ha soltanto ottenuto qualche positivo risultato nella terapia della malattia in atto, mostrando, se ve ne fosse ancora il bisogno,  la predilezione dell’attuale Weltanschauung medica per la TERAPIA nel totale oblio della Prevenzione Pre-Primaria, secondo la Manuel’s Story, http://www.sisbq.org/sbq-magazine.html, e Primaria della litiasi.

E’ mia opinione che questa situazione,  tragica  per il paziente, e non onorevole per la presente Medicina, sia dovuta a molte cause, tra cui soprattutto la disponibilità  attuale di strumenti (litotritori di ultima generazione…) e di farmaci (urolitici che dovrebbero  sciogliere i calcoli …), che osano vantare una terapia efficace.

Purtroppo, ignorando la Semeiotica Biofisica Quantistica, i “Professori” non possono conoscere il senso ed il significato della Costituzione Litiasica, da me scoperta venti anni or sono (sic!), e tanto meno riconoscerla con un fonendoscopio, quantificarla e monitorarla sotto terapia (Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., La “Costituzione Colelitiasica”: ICAEM-a, Sindrome di Reaven variante e Ipotonia-Ipocinesia delle vie biliari. Atti. XII Settim. It. Dietol. 20, 239, 1993; Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., La “Costituzione Colelitiasica”: ICAEM-a, Sindrome di Reaven variante e Ipotonia-Ipocinesia delle vie biliari. Atti. XII Settim. It. Dietol. ed Epatol. 20, 239, 1993).

Pertanto, invito  i “Professori” a non perdere il loro tempo prezioso nel leggere  le prossime Lezioni sulla Lithiasis Quantum Therapy, anche se rappresentano una svolta originale e significativa nella lotta alla litiasi, indicando come attuare  l’efficace prevenzione  sia pre-primaria sia primaria,  rivolta alla normalizzazione dell’Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica, su cui è fondata la Costituzione Litiasica e ad eliminare il Reale Rischio Congenito di calcolo, dove è  localizzato.

Per comprendere le prossime Lezioni, finalizzate alla “futura” – ma già iniziata – sconfitta della malattia litiasica, localizzata in qualsiasi sistema biologico, e alla pratica e precisa applicazione delle necessarie operazioni descrittive, da me via via  illustrate, oltre all’onestà intellettuale, cioè umiltà, occorre una mente aperta al nuovo che abbia dimostrato di aver superato i controlli severi, rigidi ma onesti, usati dalla struttura, la Medicina Accademica, che necessita di inesauribile arricchimento esterno per sopravvivere: Stagnaro S., Vecchio e Nuovo nella Scienza. Tempo Medico. 315,16,67

Cloud dei tag