Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Reale Rischio Congenito Oncologico’

Lettera Aperta all’ On. Beatrice Lorenzin e all’On. Valeria Fedeli. Le nostre Università non godono di molta stima all’Estero.

“Le nostre idee non sono altro che strumenti intellettuali che ci servono a penetrare i fenomeni. Occorre perciò cambiarle quando hanno esaurito la loro funzione, come si cambia un bisturi quando è stato usato troppo a lungo”.  (Claude Bernard)

 

Onorevoli Ministri della Salute e dell’Informazione-Università-Ricerca, se le nostre, una volta celebri, Università non godono di stima all’Estero un motivo deve pure esserci.

 

http://www.topuniversities.com/university-rankings/world-university-rankings/2014

QS World University Rankings 2014/15

=182 Alma Mater Studiorum – University of Bologna
=202 Sapienza University of Rome
229 Politecnico di Milano
238 University of Milan
245 University of Pisa 4
=262 Università di Padova
=305 University of Rome “Tor Vergata”

Il politicamente corretto Claude Bernard ha tentato di indirizzare voi e i vostri predecessori sulla giusta via. Purtroppo, il cambiamento di paradigmi comporta sempre sacrifici ingenti a danno del potere economico conservatore, alla guida della Medicina attuale a partire da 1948, quando a a Framingham, USA, per sponsorizzazione si concludeva un   ben pensato Study: ” The Framingham Heart Study was sponsored by the NHLBI”, si legge in una mail in mio possesso, inviatami dal National Heart Blood Institute.

In Italia nessuna autorità competente considera le mie teorie degne di attenzione, a differenza di quanto accade in tutti gli altri Paesi del mondo, anche se moltissimi miei concittadini, su mio consiglio, con la Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante si stanno, o si sono già, salvati la vita, come riferirò domenica 22 Gennaio in due conferenze a Milano, Hotel Michelangelo, http://www.eurodream.net/eventi/reali-rischi-congeniti-e-salute-dr-sergio-stagnaro-e-dr-mario-siniscalchi_349.html

Nella voluta ignoranza, suicida/omicida, del fatto che non siamo nati tutti uguali – Stagnaro Sergio.  Not all mice are created equal! BioMedCentral Physiology, 3 December, 2009. http://www.biomedcentral.com/1472-6793/9/21/comments#384660 – i Maestri del Pensiero Medico continuano a fingere erroneamente che tutti possono essere colpiti dal cancro. Ne consegue la necessità del costoso e insignificante screening per tutti. Nessuna autorità competente, infatti, osa parlare di Prevenzione Pre-Primaria http://www.sisbq.org/qbs-magazine.html e Primaria semeiotico-biofisico-quantistica.

Sarebbe sufficiente insegnare ai Medici il Reale Rischio Congenito di tumore maligno, dipendente dal Terreno Oncologico, per fermarne l’epidemia in continuo aumento, l’ insostenibile spesa per il SSN, il Terrorismo Psicologico Jatrogenetico, e la Strage degli Innocenti, che interessa a pochi in questo Paese, Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004.   http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm

Senza alcuna spesa, usando un comune fonendoscopio, il Medico di MG. con la sola Manovra di Terziani di rapida attuazione, in tre minuti potrebbe diagnosticare la presenza di un Reale Rischio Congenito e classificarlo specifico, oncologico, oppure aspecifico:Sergio Stagnaro. Early bedside Diagnosis of Pancreas Cancer, starting from its Oncological Terrain-Dependent, Inherited Real Risk. Veronesi’s Sign. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/veronesi_sign.pdf; Slide Presentation  at URL http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cancropancreas_2015.pdf

Una volta fatta la corretta diagnosi di Reale Rischio Congenito di cancro o di altra patologia, CVD/CAD, T2DM, la non costosa Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante provvederà ad eliminarlo:

Caramel S., Marchionni M., Stagnaro S. Morinda citrifolia Plays a Central Role in the Primary Prevention of Mitochondrial-dependent Degenerative Disorders. Asian Pac J Cancer Prev. 2015;16(4):1675. https://www.researchgate.net/publication/273147071_Morinda_citrifolia_Plays_a_Central_Role_in_the_Primary_Prevention_of_Mitochondrial-dependent_Degenerative_Disorders

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25743850 [MEDLINE]

Nel Metalogicon, Giovanni Salisburensis fa dire al suo Maestro Bernardo:“If I have seen farther than others, it is by standing on the shoulders of giants”.

Il cancro ha paura solo della Prevenzione Pre-Primaria e Primaria!

Nel sito dell’Istituto Europeo dei Tumori, https://www.ieo.it/it/SCIENCE-IN-SOCIETY/Le-nostre-iniziative/5-per-mille/ si legge: “Il Cancro ha paura dell’IEO”.

A mio parere, sulla base dei fatti e non delle parole,  non è assolutamente veritiera una simile affermazione.

Eccone la dimostrazione: se si presenta all’IEO per un esame di Prevenzione Primaria Oncologica (a pagamento, come sta scritto in una mail in mio possesso) un individuo giovane, in apparente buona salute, ma con Reale Rischio Congenito di Cancro al Pancreas, dipendente dal Terreno Oncologico, nessuno dei numerosi Colleghi  del celebre istituto lo sa riconoscere, nonostante esami di Laboratorio e del Dipartimento delle Immagini.

Se il Prof Umberto Veronesi e il Prof Roberto Orecchia, attuale Direttore dell’IEO, non dovessero condividere quanto sopra, potremmo realizzare finalmente  presso l’IEO  la mia visita per mettere a punto una Conferenza su questo argomento, “interrotta” dal loro silenzio. Questo il titolo della  mia Conferenza: La Diagnosi Clinica di Cancro del Pancreas a Partire dal suo Reale Rischio Congenito, cioè dalla nascita, è Facile.

——– Messaggio Inoltrato ——–
Oggetto: R: Grazie per farmi felice.
Data: Thu, 16 Apr 2015 16:13:53 +0000
Mittente: Orecchia Roberto <roberto.orecchia@ieo.it>
A: Sergio Stagnaro <dottsergio@semeioticabiofisica.it> ……………

Più corretto, cioè rispettoso dell’adequatio rei et intellectus,  dunque, è scrivere  Il cancro ha paura soltanto della Prevenzione Pre-Primaria (Manuel’s Story, http://www.sisbq.org/qbs-magazine.html) e Primaria!

Sergio Stagnaro and Simone Caramel. BRCA-1 and BRCA-2 mutation bedside detection and breast cancer clinical primary prevention. Front. Genet. | doi: 10.3389/fgene.2013.00039. http://www.frontiersin.org/Cancer_Genetics/10.3389/fgene.2013.00039/full [MEDLINE]

Se la realtà è questa ed io posso dimostrarla su pazienti degenti nel famoso istituto milanese, se mi inviteranno, allora perché Oncologi, “professori”, Docenti Universitari, il Ministro della Salute con i suoi esperti in Oncologia, il Presidente del CSM,  i giornalisti non parlano altro che di Radioterpia, Chemioterapia e di Intervento Chirurgico sui pazienti oncologici, nel desolante oblio dell’oblio dei familiari della linea materna degli stessi pazienti?

Credo di avere usato un linguaggio, chiaro, univoco, facilmente metabolizzabile da parte anche dello scolaretto di Gregory Bateson.

Se esiste la possibilità di fermare, senza spesa e su vastissima scala, l’epidemia di cancro, intervenendo su individui arruolati razionalmente, cioè positivi per il Terreno Oncologio ed eventuali Reali Rischi Congeniti dipendenti dalla predisposizione al tumore maligno, evitando in tal modo il presente Terrorismo Psicologico Jatrogenetico – l’unica jatrogena è la madre del Medico! – perché dobbiamo assistere da parte dei sopra-nominati alla esibizione di un comportamento suicida-omicida?

Sergio Stagnaro and Simone Caramel. The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Oncological Primary Prevention. Bentham PG.,Current Nutrition & Food Science ISSN (Print): 1573-4013; ISSN (Online): 2212-3881. VOLUME: 9, ISSUE: 1; DOI: 10.2174/1573401311309010011;
http://www.eurekaselect.com/106105/article.

To be continued.

Cosa Caratterizza la Prevenzione Primaria SBQ del Cancro al Seno? Seguito

Nel  precedente articolo su La Voce di SS. ho illustrato in modo semplice il processo diagnostico  semeiotico-biofisico-quantistico finalizzato alla selezione razionale degli individui da arruolare nella selezione per la Prevenzione Primaria del Cancro al Seno.

Che senso ha terrorizzare donne – e uomini! – che non sono colpite dal Terreno Oncologico oppure positive al TO ma senza reale rischio di tumore della mammella?

Una volta accertato col Segno di Sideri (= pizzicotto cutaneo-sottocutaneo intenso di un punto qualsiasi di una mammella: nel sano, simultaneamente non compare il Riflesso gastrico-aspecifico) l’esistenza del Reale Rischio Congenito di Cancro al Seno si passa alla IV Fase del procedimento selettivo, che permette di riconoscere la mammella sede del RRC di cancro,  impiegando il Segno di Alice  (= pressione “intensa” della mano prima sopra una mammella e poi sopra l’altra: nel sano simultaneamente il margine inferiore del fegato rapidamente si abbassa di circa 5 cm. per la durata di 10 secondi esatti).

L’impiego semplice e veloce di questi segni il Medico riconosce l’eventuale sede e gravità del Reale Rischio Congenito del Cancro al Seno, che sfugge alla indagine del più sofisticato Dipartimento delle Immagini.

To be continued …

.

 

 

 

 

Benigno o Maligno? Diagnosi Differenziale di un Nodulo Mammario col Fonendoscopio.

Nell’articolo pubblicato in LA VOCE di SS. “Diagnosi differenziale SBQ in un secondo tra Nodulo Mammario benigno o maligno, https://sergiostagnaro.wordpress.com/2014/08/02/diagnosi-differenziale-sbq-in-un-secondo-tra-nodulo-benigno-e-maligno/, ho scritto che, durante la pressione intensa (= compressione delle AVA Gruppo II, A e B, secondo Bucciante),applicata sopra un polpastrello digitale, avviene quanto segue:

Nel sano, dopo un Tempo di Latenza di 10 sec. esatti, compare un Riflesso polpastrello digitale-gastrico aspecifico di Intensità non superiore ai 2 cm. , la cui  Durata è  maggiore di 3 sec. e minore di 4 sec.  Riportati questi valori parametrici del “riflesso” (in realtà NON si tratta di riflesso…) sopra un sistema di assi cartesiani, con l’intensità del “riflesso” gastrico aspecifico sopra l’ordinata in cm. e i tempi sopra l’ascissa in secondi (In modo didattico, nella mia Conferenza a Milano avrei spiegato i meccanismi  emorelogico-microcircolatori alla base di  questi valori parametrici).

Al contrario,  nel Reale Rischio Congenito di Cancro, e ovviamente nel Cancro in atto, si osserva un diagramma “spostato a sinistra” , notoriamente  segno aspecifico di patologia, ed un tipico PRIMO “riflesso” dopo un Tempo di Latenza di 3 sec. (Non c’è contraddizione con la Realtà non-locale: avrei spiegato anche questo nella Conferenza…).

I valori parametrici, di cui sopra,  sono comprensibilmente in funzione della gravità della sottostante malattia, come sa pure lo scolaretto di Gregory Bateson. To be continued …”

Ed ecco la continuazione, se questo segno è negativo ovviamente il nodulo mammario è benigno. Al contrario se dopo 3 sec. compare un Riflesso g.a. di circa 5 sec. il Medico deve procedere esercitando la pressione digitale  di “media” intensità  sopra il nodulo del seno.

Se la lesione è benigna, dopo un Tempo di Latenza >  9,5 sec. nella donna e > 12,5 sec. nell’uomo e < 8 e rispettivamente 11 sec. (NN: TL =  9,5 sec. nella donna e 12,5 sec. nell’uomo).

Al contrario, in presenza di tumore maligno, anche iniziale, il Tempo di Latenza  è di 3-5 sec., immediatamente seguito da Contrazione Gastrica tonica.

Valori intermedi si osservano nel Reale Rischio Congenito di Cancro del Seno all’inizio oppure  in evoluzione.

Una domanda sorge spontanea: “Perché ai Medici e ai non Medici non sono fatte conoscere questi progressi della Medicina, che eviterebbero il Terrorismo Psicologico Jatrogenetico,  gli inutili e costosi accertamenti che rendono insostenibile la spesa sanitaria, ormai in rosso,  e ristabilirebbero il corretto rapporto Medico-Paziente,  ricuperando il Medico la perduta dignità professionale.

To be continued…

 

Mio Commento all’Articolo del Prof Paolo Veronesi su L’Huffington Post

Alla seguente URL potete leggere l’articolo del Prof. Paolo Veronesi in cui viene tracciata la “nuova” via di lotta al cancro: http://www.huffingtonpost.it/paolo-veronesi/nella-lotta-al-cancro-ce-ancora-molto-da-fare-e-molto-e-stato-fatto_b_2620972.html?utm_hp_ref=italy.   5 febbraio 2013.  Prof. Paolo Veronesi

Chirurgo senologo,  Presidente Fondazione Umberto Veronesi

Di seguito il mio commento:

Egregio Prof. Paolo Veronesi,

il seguente commento sarà in rete nella versione integrale – lo spazio concessomi nel sito de L’Huffington Post  è limitato –   quanto prima in La Voce di SS www.sergiostagnaro.wordpress.com,  in modo che  certamente sarà letto dai miei numerosi Amici.

Per commentare il suo articolo scelgo la via più efficace per sottolineare tutti i punti che non condivido di quanto lei ha scritto. Virgolettate  sono le sue più significative affermazioni, seguite dalla mia critica.

“Secondo le ultime statistiche elaborate lo scorso anno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nei prossimi 25 anni il numero di nuovi casi di tumore diagnosticati ogni anno raddoppierà”.

Perché non usare il presente: raddoppia?    E’ una ammissione generale che il Cancro, come la CVD e il DM tipo 2, è una epidemia in aumento!

Ciò significa, a mio parere, che c’è qualcosa che non funziona affatto nella presente lotta al cancro, dove stranamente è ignorata la prevenzione Pre-Primaria, secondo la Manuel’s Story, http://www.sisbq.org/qbs-magazine.html, e Primaria:

Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2013). The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Oncological Primary Prevention.  Bentham PG., Current Nutrition & Food Science  ISSN (Print): 1573-4013;  ISSN (Online): 2212-3881. VOLUME: 9,  ISSUE: 1; DOI: 10.2174/1573401311309010011;  http://www.benthamscience.com/contents-JCode-CNF-Vol-00000009-Iss-00000001.htm

“Ma molto di buono è stato fatto in questi anni. Oggi, grazie alla ricerca, siamo arrivati a guarire il 60 per cento dei tumori. Negli anni ’70 erano il 40 per cento. E in alcuni casi i successi sono ancora maggiori. Per il carcinoma della mammella, ad esempio, la guarigione è prossima al 90 per cento (e diventa oltre il 95 per cento se diagnosticato in fase preclinica). Tanto c’è da fare invece per alcuni tumori che ci lasciano impotenti. In ogni caso la “diagnosi precoce” fa la differenza”.

Cosa intende, Prof. Paolo Veronesi, col termine guarire? Non intenderà  mica affermare  che i colpiti da cancro stanno ancora soffrendo dopo 5 anni dall’inizio della terapia?

Affermare poi che nel “carcinoma della mammella, ad esempio, la guarigione è prossima al 90 per cento (e diventa oltre il 95 per cento se diagnosticato in fase preclinica)”  è veramente troppo per uno come me che ha esercitato la Medicina come Medico di Famiglia per 44anni.   Infine, affermare, come fa lei,  che “In ogni caso la “diagnosi precoce” fa la differenza” è la palese dimostrazione che lei ignora  – uno tra i pochi al mondo dopo oltre una DECADE dalla sua scoperta – il Reale Rischio Congenito di Cancro, Dipendente dal Terreno Oncologico:

Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Cancro della mammella: prevenzione primaria e diagnosi precoce con la percussione ascoltata. Gazz. Med. It. – Arch.  Sc.  Med. 152, 447, 1993

Stagnaro Sergio. There is another clinical, and overlooked tool, reliable in breast cancer prognosis evaluation, 2005   http://www.biomedcentral.com/1471-2407/5/70/comments#204473

Stagnaro Sergio.   World Journal of  Surgical Oncology. “Genes, Oncological Terrain, and Breast Cancer”, 2005, http://www.wjso.com/content/3/1/45/comments#205475

Stagnaro Sergio. A new way in the war against breast cancer, fortunately Breast Cancer Res 2005,. http://breast-cancer research.com/content/7/2/R210/comments

Stagnaro Sergio. Bedside Biophysical-Semeiotic Diagnosis of Breast Cancer, since initial Stage.  International Seminars in Surgical Oncology 2007, http://www.issoonline.com/content/4/1/21/comments

Altre voci le può trovate nella Bibliografia del mio sito  www.semeioticabiofisica.it

“Per giungere all’obiettivo (la sconfitta del cancro, NdR!)  bisognerà necessariamente evitare i tumori “prevenibili” dichiarando guerra al fumo e studiando strategie per prevenire i tumori causati dalle infezioni. Curare i tumori già oggi “curabili” elaborando specifici programmi di diagnosi precoce. Garantire a tutti l’accesso alle cure e agli esami diagnostici”.

Senza ripetermi,  affermo che simili apologetiche dello screening  – prevenzione secondaria del cancro, attuata da sempre inevitabilmente in modo riduttivo, inutile e dispendioso, come dimostra la presente epidemia di cancro, è la tipica espressione di un conservatorismo oncologico, che definire desolante è un eufemismo.

Fino a quando gli Oncologi continueranno a  ignorare  l’esistenza del Reale Rischio Congenito di Cancro, Dipendente dal Terreno Oncologico,  conditio sine qua non dell’oncogenesi, diagnosticato quantitativamente alla nascita con un fonendoscopio ed eliminato – ha capito benissimo: CANCELLATO –  a partire dalla nascita con la Blue Therapy, (www.sisbq.org e lavoro citato su Bentham PG., Current Nutrition & Food Science  ISSN (Print): 1573-4013;  ISSN (Online): 2212-3881. VOLUME: 9,  ISSUE: 1; DOI: 10.2174/1573401311309010011;  http://www.benthamscience.com/contents-JCode-CNF-Vol-00000009-Iss-00000001.htm),  continuerà l’attuale Strage degli Innocenti, nella generale indifferenza.

“Ecco la strategia per raggiungere l’obiettivo entro il 2025. Ma per attuarla serve l’aiuto di tutti e della politica in particolare: ad essa chiediamo di promuovere e rafforzare sistemi sanitari sostenibili invertendo l’attuale tendenza. Solo così potremo centrare l’obiettivo”.

Prof. Paolo Veronesi, può incominciare lei a  dare il buon esempio, passando dalle facili parole ai fatti concreti, i soli che cambiano la Storia: faccia suo il mio personale contributo alla lotta al cancro,  per esempio, studiando prima, per applicare poi, l’insegnamento della Manuel’s Story.  Mi consideri a sua disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.

Il Re è Nudo: Vaccinazione anti-HPV e Prevenzione Primaria del Cancro Cervicale !

Dopo il Framingham Heart “Econocmic”  Study,  nell’orizzonte farmaco-terapeutico, pochi anni or sono, apparve una seconda  possibilità di dar inizio ad un’altrettanto epocale impresa: l’eliminazione del cancro cervicale mediante il vaccino anti papillomavirus,  fornito da due grandi Case Farmaceutiche!

Furono poste le basi “scientifiche” della storica impresa,  accompagnata  dall’attribuzione di un Premio Nobel a chi ha “dimostrato” che il papillomavirus è la “causa” di questo tumore maligno.

In verità la Scienza, storia della correzione di teorie sbagliate, non dimostra assolutamente nulla. Infatti, se così fosse   l’uomo conoscerà un giorno la Verità, finirà il progresso scientifico e in eterno si potrà giocare a carte!

A Natale, navigando in internet mi sono imbattuto in un illuminante articolo del 2009,  scritto dal Professor David Kerr  (fondatore di AFROX (the Africa-Oxford Cancer Consortium) e Professore del Cancer Medicine at the University of Oxford) e in miei commenti critici nei confronti delle sue affermazioni.

David Kerr on preventing cervical cancer in Africa

30 Mar, 09 | by BMJ Group, http://blogs.bmj.com/bmj/2009/03/30/david-kerr-on-preventing-cervical-cancer-in-africa/

I think we have reached a pivotal moment in the fight to prevent cervical cancer in Africa.  This week I organised an international meeting in Oxford, bringing together representatives of the First Ladies of Nigeria and Uganda, African health ministers, pharmaceutical companies, and leading cervical cancer doctors, to map out a strategy for cervical cancer prevention in Africa. At the end of the meeting, the delegates signed the Oxford Declaration committing, for the first time, to global cooperation to eradicate cervical cancer in Africa.

Cervical cancer is the leading cause of cancer deaths for women in Africa. It is a disease which affects women in the prime of their lives, but most are unable to get any treatment and, far too often, they suffer a painful death as the only form of palliation available is paracetamol.

In the UK we are on the road to eradicating cervical cancer with the introduction of the HPV vaccine, but in Africa there is virtually no support to protect women from cervical cancer. There was great excitement from the delegates about the impact that the introduction of the HPV vaccine could have in Africa. Until now the costs of doing this have been prohibitive, as a course of vaccine jabs costs £300 per girl, and so it was way beyond the budget of all African governments.

.…………………………………………..

My First Comment:

Sergio Stagnaro • 4 years ago

CONFIDENTIALLY:

“Dear Prof David Kerr see my NEWS on Italian website www.katamed.it, at URL
http://www.katamed.it/Notizia….

Kind regards”.

My Second Comment:

Sergio Stagnaro • 4 years ago

Dear Professor David Kerr,

there is a fundamental bias in some of your statements, as I wrote formerly, even on www.nature.com HPV and Cervical Cancer? What is unfortunately overlooked.
As I wrote to both Nobel Prize Harald zur Hausen, as well as to Royal Swedish Academy of Science, I cannot agree with the reason of the recent Nobel Prize, although admit frankly that all researches on the relation between HPV and cervical cancer, and the primary prevention with anti HPV vaccine against cervical cancer is honestly performed in a worthy manner, especially from day-to-day practice viewpoint. However, I have been underscoring, unfortunately un-hearded, that in all researches on the relation between papillomavirus (16, 18 types) and cervical cancer there is a fundamental bias, overlooked distressingly, and disheartening. As a matter of fact, all around the world Oncological Terrain and cervical cancer INHERITED REAL RISK are unfortunately overlooked by both physicians, including oncologists, and peer-reviews Editors, with some worthy exceptions, due to a lot of reasons, really easy to understand, in my opinion (1-7, 14, 15) See also my website.

As a consequence, in spite of its complications, readable in large Literature, vaccination campaign against HPV to prevent cervical cancer in ALL young women has to be performed exclusively in those, surely involved by such as disorders, i.e. at real risk of cervical cancer. In Italy,too, as you surely know, is going on an expensive campaign against Cervix Carcinoma by means of HPV vaccination, adviced to ALL young women aged from 12 to 20 years. Really, NOT ALL individuals CAN be involved by malignancy, according to Oncological Terrain and Oncological Inherited Real Risk theory, largely accepted by few, farsighted, open-minded Editors, analogously to diabetes and CAD. All inherited real risks are characterized by microcirculatory remodelling, wherein newborn-pathological, type I, subtype a) Oncological, and respectively, subtype b) aspecific, Endoarteriolar Blocking Devices play a central role (1-13). Nowadays, doctor can bedside assess both Oncological Terrain and Oncological Congenital Real risk in a few minutes, with the aid of a simple stethoscope, as I have demonstrated in details in papers published in famous peer-reviews (1-7, 14).
References
1. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Ed. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory.it 2. Stagnaro Sergio. New bedside way in Reducing mortality in diabetic men and women. Ann. Int. Med.2007. (URL NO accepted by BMJ.com)
3. Stagnaro Sergio. Bedside Evaluation Tobacco’s actions on Biological Systems. The Lancet, October 13, 2007,(URL NO accepted by BMJ.com)
4. Stagnaro S. Genes and Cancer: a clinical view-point. The Oncological Terrain. BioMed Central Informatics. (URL NO accepted by BMJ.com) 2004
5. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Oncological Terrain, conditio sine qua non of Oncogenesis: (URL NO accepted by BMJ.com)
6. Stagnaro Sergio. “Genes, Oncological Terrain, and Breast Cancer”, World Journal of Surgical Oncology. 2005, (URL NO accepted by BMJ.com)
7. Stagnaro Sergio. Cancer Risk Factors and Oncological Terrain. 2006. (URL NO accepted by BMJ.com)
8. Stagnaro Sergio. Without Oncological Terrain oncogenesis is not possible. CMAJ. 23 March 2007 (URL NO accepted by BMJ.com)
9. Stagnaro Sergio. GPs , Biophysical Semeiotics, and bedside cancer diagnosis. 08 July 2007, International Seminar of Surgical Oncology, (URL NO accepted by BMJ.com)
10. Stagnaro Sergio. Oncological Terrain and Inherited Oncological Real Risk: New Way in Malignancy Primary Prevention and early Diagnosis. International Seminars in Surgical Oncology, 2007. (URL NO accepted by BMJ.com)
11. Stagnaro Sergio. Bedside Biophysical-Semeiotic Diagnosis of Breast Cancer, since initial Stage. International Seminars in Surgical Oncology 2007, (URL NO accepted by BMJ.com)
12. Stagnaro Sergio. What about Oncological Terrain. thescientist.com 2007. (URL NO accepted by BMJ.com)
13. Stagnaro Sergio. Oncogenesis is possible exclusively in individuals Oncological Terrain-positive. thescientist.com 2007. http://www.the- scientist.com/blog/print/53498…
14. Stagnaro Sergio. Overloking Oncological Terrain and oncological Real Risk, no paper is up-dated! 18 January 2008 Ann. Intern Med. (URL NO accepted by BMJ.com)
15) Stagnaro Sergio. Quantum Biophysical Semeiotics and Cancer Inherited Real Risk www.nature.com:URLs not accepted by bmj.com

(On request, I’ll send them)

Come si può leggere sopra, motivi tecnici inerenti il blog del BMJ non permisero a chi scrive di mettere in rete le varie URL ; pertanto ho aggiunto la mia disponibilità a  fornire direttamente io le precise indicazioni!

Prima di tutto, chiedo a chi legge una riflessione sui motivi che hanno portato all’accettazione e poi alla pubblicazione delle mie critiche da parte del Prof. David Kerr e degli Editori del BMJ!

Sono passati appena tre anni; nonostante alcuni tentativi di rilanciare la campagna per la prevenzione del cancro cervicale nei Paesi Occidentali mediante vaccinazione anti HPV, praticamente nessuno ne  parla più.

E non si parla neppure più dell’umanitaria impresa di prevenzione in Paesi sottosviluppati, come il Madagascar  (In LA VOCE, dedicai un Post al Prof. Umberto Veronesi, incaricato da quel governo di presiedere l’organizzazione della Vaccinazione nellabellissima isola: https://sergiostagnaro.wordpress.com/2012/04/page/2/), e nemmeno del Premio Nobel, a cui scrissi senza ottenere risposta quando transitoriamente godeva della Gloria Mundi, effimera come la mimosa.

“Veritas Filia Temporis”, come scriveva Aulo Gellio nel II sec. d. C., nel senso ch’è il tempo a svelare e far trionfare la Verità, non certamente a crearla!

DOMANDA oncologica. il Glicocalice in fisiologia e patologia. Dati Preliminari.

All’inizio del 2000,  del Glicocalice  i Medici sanno soltanto ch’è un mantello di rivestimento della superficie esterna della membrana cellulare, di cui rinforza la struttura.

Dominio degli istologi, il glicocalice  è stato finora oggetto di superficiale conoscenza da parte dei Medici.  Infatti, a mia conoscenza (Google.com), nessun Autore  al  mondo, per quanto dotato della più spregiudicata fantasia e  leonardesca creatività scientifica,  ha mai sognato di poter valutare il glicocalice delle cellule di TUTTI  i sistemi biologici con un semplice fonendoscopio! (1-9)

In realtà,  finora erano pochi gli Autori che conoscevano e descrivevano le proprietà del glicocalice, essenziali per la vita biologica, analogamente a quanto accaduto negli ultimi quattro decenni per l’endotelio.

Grazie alla Semeiotica Biofisica Quantistica è possibile oggi valutare clinicamente il GLICOCALICE, incluso quello ONCOLOGICO che a noi interessa per rispondere alla DOMANDA oncologica, con favorevoli ripercussioni sulla pratica quotidiana del medico e sulla Prevenzione Pre-Primaria, secondo la Manuel’s Story, e Primaria.

Le informazioni offerte dallo studio clinico del modo di essere e di funzionare del glicocalice  – come scriverò nei prossimi lavori SE, e solo SE, oncologi e cosiddette Autorità sanitarie invieranno i loro commenti, dimostrando interesse all’argomento, sono essenziali ai fini della diagnosi delle fasi veramente iniziali dell’oncogenesi: la lenta evoluzione del Reale Rischio Congenito, Dipendente dal Terreno Oncologico,  verso il cancro, che si manifesterà magari dopo decenni.

Depositaria delle verità scientifica, la  Medicina Medievale, Serva dell’Economia in CRISI,  indifferente alla necessità e urgenza di lottare efficacemente con strumenti nuovi  contro le epidemie in aumento di cancro, diabete mellito e cardiopatia ischemica,  insistendo nel pubblicizzare inutili e costosi screening,

Anche lo scolaretto di G. Bateson sa bene che  struttura e funzione sono i poli della stessa equazione; se si modifica anche di poco l’uno, pure l’altro risulta modificato!

Il glicocalice  (1-9) è strutturato a partire da informazioni originate nel genoma frattalico, sia nucleare sia mitocondriale, conservate nel relativo disegno, “schema”, finalizzato alla formazione del glicocalice  e delle altre strutture cellulari.

Una eventuale mutazione nello “schema” –  mit-DNA e  n-DNA –  si ripercuote negativamente sul “processo” di costruzione del glicocalice .  Di conseguenza, la  “struttura”  del glicocalice risulterà patologicamente modificata, con negative ripercussioni sull’intenso inter-scambio di informazioni tra cellula e istangio di Comel.

Ne consegue che l’accertamento di una alterazione funzionale del glicocalice, per quanto iniziale, minima, informa sulla relativa modificazione strutturale ed indirettamente sulla correlata diminuzione della dimensione frattalica del genoma sia nucleare sia mitocondriale. DNA nucleare e DNA mitocondriale notoriamente  co-operano nella strutturazione  e nella conservazione delle componenti cellulari.

In conclusione, la Valutazione Clinica  Semeiotico-biofisica-quantistica del glicocalice  oncologico (1, 9)  informa sul primo evento dell’oncogenesi: il Reale Rischio Congenito, Dipendente dal Terreno Oncologico, inizia la lenta evoluzione verso il cancro.

To be continued ……  a patto che  l’argomento interessi  i lettori, particolarmente gli Oncologi e le cosiddette Autorità sanitari!

Bibliografia.

1) Simone Caramel and Sergio Stagnaro The role of glycocalyx  in QBS diagnosis of Di Bella’s Oncological Terrain http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/oncological_glycocalyx2011.pdf

2) Simone Caramel and Sergio Stagnaro Quantum Biophysical Semeiotics of Oncological Inherited Real Risk of Myelopathy: The diagnostic role of glycocalyx. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/qbs_myelopathy_glycocalyx_english.pdf

3) Sergio Stagnaro. Glycocalix Quantum-Biophysical-Semeiotic Evaluation plays a Central Role in Demonstration of Water Memory-Information. www.sisbq.org. 19 July, 2011.http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/wmi_glycocalyx.pdf

4) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2011). Skeletal Muscle Cell Glycocalix Evaluation during  CFS Treatment corroborates Andras Pellionisz’s Recursive Fractal Genome Function Principle. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cfsglycocalyx.pdf 

5) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2011). The genetic Reversibility in Oncology, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/reverse_oncology.pdf

6) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012) New ways in physical Diagnostics: Brain Sensor Bedside Evaluation. The Gandolfo’s Sign. January, 2012. Journal of Quantum Biophysical Semeiotics. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/bsbe.pdf

7) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012) Quantum Biophysical Semeiotic Bedside Diagnosis of Tako-Tsubo Cardiomyopathy.  The central Role played by CAEMH-Dependent GERD in precipitating the transient cardiac Dysfunction.  www.sisbq, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics,http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/takotsubo.pdf. ; http://stagnaro-wwwsemeioticabiofisicait.blogspot.com/2012/02/quantum-biophysical-semeitic-bedside.html

8) Sergio Stagnaro.  Il Glicocalice nella Diagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica di Terreno Oncologico di Di Bella. 15 febbraio 2011, www.melatonina.it, http://www.melatonina.it/farma/approfondimenti.php ; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/glicocaliceoncologico.pdf; http://www.fcenews.it, http://www.fceonline.it/images/docs/glicocalice oncologico valutazione.pdf

9) Sergio Stagnaro.  Il Glicocalice nella Diagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica di Terreno Oncologico di Di Bella. 15 febbraio 2011, www.melatonina.it, http://www.melatonina.it/farma/approfondimenti.php ; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/glicocaliceoncologico.pdf; http://www.fcenews.it, http://www.fceonline.it/images/docs/glicocalice oncologico valutazione.pdf

Tag Cloud