Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Reale Rischio Congenito di Cerebropatia’

NARCOLESSIA, UNA DIAGNOSI CLINICA RAPIDA E FACILE SE IL MEDICO CONOSCE LA SBQ

Quanto segue vuole essere un PUGNO ALLO STOMACO a IL Metodo Scientifico UNICO, ipotetico-deduttivo e quindi “dogmatico”, e alle su VESTALI, come spiegherò meglio nel prossimo articolo, in cui illustrerò in dettaglio la diagnosi clinica  SBQ della Narcolessia.   Come sempre, sono disponibile, alle mie note condizioni, a confrontarmi con qualsiasi “professore” su quanto sostengo di seguito, frutto di  un ragionamente  sperimentale “kantiano”.
Ecco il commento da me posto coraggiosamente (V. sopra) e responsabilmente in https://www.facebook.com/narcolessiaitalia:
“Quanti di voi sono stati informati dai Medici che la diagnosi di Narcolessia è “clinica” e il tempo richiesto è di 15 secondi?  (Errore per eccesso: sono sufficienti 5 secondi. NdR!), www,sisbq.org. In breve, nel sano, la pressione digitale di media intensità, applicata sopra il globo oculare prima di Dx e poi di Sn (palpebre chiuse, ovviamanente!) è seguita dal fisiologico riflesso gastrico aspecifico dopo un Tempo di Latenza di 8 sec. esatti. Al contrario, in caso di Narcolessia, a partire dalla nascita, il riflesso compare, stimolando entrambi gli occhi, dopo soli 3-4 sec. (Diagnosi Differenziale: nell’epilessia il riflesso NON è mai patologico bilateralmente!) La Terapia Quantistica – come agisce in TUTTI gli altri Brain Disorder Inhertied Real Risk – si presenta come la possibile terapia che guarisce la narcolessia: Ipotesi O da falsificare. Vi invito pertanto a leggere la Terapia Quantistica in:
Marco Marchionni, Simone Caramel, Sergio Stagnaro. Inherited Real Risk of Alzheimer’s Disease: bedside diagnosis and primary prevention.Frontiers in Neuroscience, in http://www.frontiersin.org/Aging_Neuroscience/10.3389/fnagi.2013.00013/full;
Marco Marchionni, Simone Caramel, Sergio Stagnaro. “Quantum Biophysical Semeiotics Bedside Diagnosing Inherited Real Risk of Brain Disorders: Boezio’s Sign”. Neurodegenerative Disease Primary Prevention. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/boeziosign_2013.pdf;
Sergio Stagnaro. Sindrome di Rett: Dagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica e Prevenzione Pre-Primaria e Primaria. www.sisbq.org. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/sindromedirett.pdf
La SISBQ è ben felice di collaborare con l’Associazione Italiana Narcolettici, se sono d’accordo! In ogni caso chi è affetto da narcolessia si sottoponga da SE STESSO a questa terapia NON costosa, priva assolutamente di effetti secondari. I benefici si dovrebbero (notate il condizionale) nel primo mese di cura, ma la ristrutturazione cerebrale avviene notoriamente in 9 mesi. Questo commento lo trovate anche nel blog https://www.facebook.com/pages/Semeiotica-Biofisica-Quantistica/219462041468111“.NB! NOn ho mai visto in vita mia un caso di narcolessia, mentre purtroppo ho incontrato individui di tutti i ceti sociali che dormono stando in piedi, camminando come sonnambuli, e facendo carriera. Quanto scrivo è la conseguenza di una recente esperienza kantiana, originata a seguito dell’ennesimo Terrorismo Psichico Jatrogenetico: “Mala Tempora currunt” in Medicina.

Staminali nella Terapia della Sclerosi Multipla? Il Punto di Vista della Semeiotica Biofisica Quantistica.

Da Il Secolo XIX del 30 maggio 2012.  Sclerosi, al via i test con le staminali; http://www.ilsecoloxix.it/p/magazine/2012/05/30/APq3eicC-sclerosi_test_staminali.shtml#axzz1wXebB1Ik.

“Roma – Dalle cellule staminali adulte arriva una nuova speranza di cura per la sclerosi multipla (Sm), malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale e, solo in Italia, conta oltre 65mila malati. Partirà infatti la prossima settimana, con l’arruolamento dei pazienti, la sperimentazione clinica sull’uomo basata sull’utilizzo di cellule staminali mesenchimali adulte contro la Sm. L’annuncio arriva dal responsabile del Centro sclerosi multipla dell’università di Genova, Antonio Uccelli, in occasione del congresso promosso dall’Associazione italiana sclerosi multipla per celebrare la Giornata mondiale della Sm”.

Se esistesse un dialogo tra i Ricercatori anche in Italia, il Prof Antonio Uccelli e i suoi collaboratori potrebbe essere informato dell’esistenza delle Costituzioni Semeiotico-Biofisico-Quantistiche e relativi Reali Rischi Congeniti, veicolati  anche dalle cellule staminali: http://www.sisbq.org/sbq-magazine.html

Inoltre, esiste, sebbene ignorato dai cattedratici italiani, il Reale Rischio Congenito di Cerebropatia e in particolare della Sclerosi Multipla: Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012) New ways in physical Diagnostics: Brain Sensor Bedside Evaluation. The Gandolfo’s Sign. – 2012, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/bsbe.pdf.

Se si prova ad utilizzano le staminali per tentare di combattere la SM, contro cui oggi non esistono medicine, allora PRIMA possibile vengano selezionati i soggetti a rischio reale congenito ma privi al momento della patologia da prevenire, da arruolare nello studio, impiegando però cellule staminali che non veicolano costituzioni patologiche: http://www.sisbq.org/sbq-magazine.html.

Perché aspettare il 2050?

Tag Cloud