Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Reale Rischio Congenito di Cancro del seno’

Pannicolo Adiposo della Mammella nel Terreno Oncologico: sconosciuto Fattore di Rischio di Cancro al Seno.

Nel sito della SISBQ, alla Url http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tessuto_adiposo_cancro_mammella_agg2.pdf, sono in rete tutti gli articoli pubblicati precedentemente su La Voce di SS che riferiscono i dati della mia ricerca clinica sui rapporti, geneticamente orientati, finora mai considerati nella Letteratura mondiale, tra Pannicolo Adiposo Mammario (PAM) e Cancro del Seno, raccolti in individui a partire dai primi anni di vita (1).

Esiste un generale accordo tra gli AA. sul fatto che le mammelle voluminose rappresenterebbero un fattore di rischio per il cancro del seno, ma nessuno ha mai studiato le relazioni sicuramente esistente tra PAM cancro mammario.

In realtà, non mancano lavori sulla associazione cellule adipose e cancro del seno, ma la loro analisi, riferita tardivamente al cancro ormai in atto, è alquanto criticabile perché gli Autori di questi articoli ignorano la Semeiotica Biofisica Quantistica (2, 3). Come ho scritto ad alcuni di questi Colleghi, la rilettura delle loro ricerche in chiave SBQ è alquanto interessante ed utile per comprendere la vera natura delle relazioni sicuramente esistenti tra PAM e tumore maligno della mammella a partire dalla nascita, cioè dal I stadio di Reale Rischio Congenito, Dipendente dal Terreno Oncologico.

Localmente è presente sicuramente un eccesso di citochine, metalloproteinasi, IL-6 e IL-1β secrete da adipociti modificati dalla co-presenza di cellule tumorali, che a loro volta sono influenzate nel senso della stimolazione alla crescita aggressiva. Tuttavia, questi eventi sono tardivi. Nella mia ricerca, infatti, ho preso in considerazione gli eventi, di natura strutturale e funzionale, a carico del PAM nei primi anni di vita nel sano, a partire dalla nascita, dividendo i soggetti con solo Terreno Oncologico da quelli con Reale Rischio Congenito di Ca del Seno.

Come ho riferito nei precedenti articoli (1), la maggior produzione di citochine infiammatorie da parte anche degli adipociti, dimostrata clinicamente con la Semeiotica Bifisica Quantistica, http://www.semeioticabiofisica.it/semeioticabiofisica/Documenti/Ita/C%20Reactive%20Protein.doc, è spiegata in termini di Microangiologia Clinica, analogamente a quanto descritto nella nostra Teoria Microcircolatoria dell’Aterosclerosi (4-8).

In breve, già nel Terreno Oncologico, ma specialmente nella sede del RRC di cancro del seno, la microcircolazione di base è attivata secondo il tipo II – che può esitare lentamente nel tipo III se non si interviene tempestivamente con la terapia quantistica (4). Ne consegue la singolare situazione microcircolatoria nota come “blood-flow centralization“, descritta col termine di “maldistribuzione del flusso microcircolatorio” dal mio Maestro. Prof Sergio B. Curri (10, 11).

Le consegue stasi e ipertensione microvascolare ingravescente nel versante venulare e capillare dell’Unità Microvascolotessutale, associate all’ipossia istangica rlativa, provocano danno endoteliale con successivo reclutamento di cellule infiammatorie circolanti, passaggio dal sangue al PAM di monociti circolanti destinati a diventare macrofagi, aumentata produzione di RL, formazione di colonie di cellule linfatiche B, con le note ripercussioni sul locale processo flogistico (5-9).

La valutazione SBQ del livello tessutale adiposo (PAM) di citochine e PCR ha fornito dati di notevole interesse non soltanto diagnostico, a partire dai primi decenni di vita (11):

A) nel sano, il Tempo di Latenza (TL) del Riflesso ungueale PAM-Gastrico aspecifico è 10 sec. esatti;

B) nell’individuo con Terreno Oncologico, ma senza Reale Rischio Congenito di cancro del seno, il TL è ridotto a 8 sec.;

C) nell’individuo con Terreno Oncologico e Reale Rischio Congenito di cancro del seno, il TL è ulteriormente abbassato a 6 sec. per scendere a 4-5 sec. nel quadrante sede del reale rischio.

Da quanto sopra riferito, appare evidente che il Medico può disporre di un ulteriore segno SBQ per la diagnosi, diagnosi differenziale (12) e il monitoraggio terapeutico del Terreno Oncologico e del Dipendente Reale Rischio Congenito di cancro del seno. Infatti, il livello tessutale mammario di citochine, cioè il Tempo di Latenza del Riflesso ungueale PAM-Gastrico aspecifico (= ossigenzione istangica) di 10 sec., permette al Medico  di escludere rapidamente e clinicamente una lesione maligna.

In conclusione, se i dati riferiti sopra saranno corroborati su vasta scala, il PAM nel Terreno Oncologico rappresenta un fattore, finora sconosciuto, di rischio di cancro del seno, che scompare parallelamente al relativo Reale Rischio Congenito sotto Terapia Quantistica, auspicabilmente instaurata nei primi due decenni di vita.

 

Bibliografia.

1) Sergio Stagnaro (2014).   Ruolo del Tessuto Adiposo della Mammella nell’Insorgenza del Cancro del Seno. http://www.sisbq.org. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tessuto_adiposo_cancro_mammella_agg2.pdf

2) CNRS (Délégation Paris Michel-Ange). Adipose cells and breast cancer: A dangerous combination April 5, 2011. http://www.sciencedaily.com/releases/2011/04/110405102034.htm

3) Béatrice Dirat, Ludivine Bochet, Marta Dabek, et al. Cancer-Associated Adipocytes Exhibit an Activated Phenotype and Contribute to Breast Cancer Invasion. Cancer Res April 1, 2011 71; 2455-65. http://cancerres.aacrjournals.org/content/71/7/2455

4) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). Allegra’s* Syndrome plays a central Role in bedside clinical Diagnostics. www.sisbq.org, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/allegrassyndrome.pdf

5) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). Quantum Biophysical Semeiotics Microcirculatory Theory of Arteriosclerosis www.sisbq.org, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/ats_qbs__mctheory.pdf

6) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). The Role of Inherited Vasa Vasorum Remodeling in QBS Microcirculatory Theory of Atherosclerosis, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics.

7) Sergio Stagnaro and Simone Caramel.  The Key Role of Vasa Vasorum Inherited Remodeling in QBS Microcirculatory Theory of Atherosclerosis. Frontiers in Epigenomics and Epigenetics. http://www.frontiersin.org/Epigenomics_and_Epigenetics/10.3389/fgene.2013.00055/full  [MEDLINE]

8) Sergio Stagnaro (2012). Teoria Microcircolatoria SBQ dell’Aterosclerosi. Evidenza Sperimentale del Ruolo Centrale dei Vasa Vasorum, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics.

9) Sergio Stagnaro.   Two Clinical Evidences corroborating Microcirculatory QBS Theory of Atherosclerosis. Lectio Magistralis, IV Meeting of Quantum Biophysical Semeiotics International Society, May 4-5, 2013, Porretta Terme, Bologna, Auditorium, Hotel Santoli. Journal of QBS, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/atherotheory_evidences.pdf

10) Sergio B. Curri. Le Microangiopatie. A cura di Inverni della Beffa, 1986.

11) Sergio B. Curri. La Pannicolopatia mammaria da Stasi.Le Microangiopatie. Parte seconda. Ed. Inverbi della Beffa, 1992

 

11) Sergio Stagnaro.   VALUTAZIONE SEMEIOTICO-BIOFISICA DELLE PROTEINE DELLA FASE ACUTA. ASPETTI TEORICI E PRATICI, http://www.semeioticabiofisica.it/semeioticabiofisica/Documenti/Ita/C%20Reactive%20Protein.doc

Pannicolo Adiposo della Mammella nel Terreno Oncologico: sconosciuto Fattore di Rischio di Cancro al Seno.

Nel sito della SISBQ, alla Url http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tessuto_adiposo_cancro_mammella_agg2.pdf, sono in rete tutti gli articoli pubblicati precedentemente su La Voce di SS che riferiscono i dati della mia ricerca clinica sui rapporti, geneticamente orientati, finora mai considerati nella Letteratura mondiale, tra Pannicolo Adiposo Mammario (PAM) e Cancro del Seno, raccolti in individui a partire dai primi anni di vita (1).

Esiste un generale accordo tra gli AA. sul fatto che le mammelle voluminose rappresenterebbero un fattore di rischio per il cancro del seno, ma nessuno ha mai studiato le relazioni sicuramente esistente tra PAM cancro mammario.

In realtà, non mancano lavori sulla associazione cellule adipose e cancro del seno, ma la loro analisi, riferita tardivamente al cancro ormai in atto, è alquanto criticabile perché gli Autori di questi articoli ignorano la Semeiotica Biofisica Quantistica (2, 3). Come ho scritto ad alcuni di questi Colleghi, la rilettura delle loro ricerche in chiave SBQ è alquanto interessante ed utile per comprendere la vera natura delle relazioni sicuramente esistenti tra PAM e tumore maligno della mammella a partire dalla nascita, cioè dal I stadio di Reale Rischio Congenito, Dipendente dal Terreno Oncologico.

Localmente è presente sicuramente un eccesso di citochine, metalloproteinasi, IL-6 e IL-1β secrete da adipociti modificati dalla co-presenza di cellule tumorali, che a loro volta sono influenzate nel senso della stimolazione alla crescita aggressiva. Tuttavia, questi eventi sono tardivi. Nella mia ricerca, infatti, ho preso in considerazione gli eventi, di natura strutturale e funzionale, a carico del PAM nei primi anni di vita nel sano, a partire dalla nascita, dividendo i soggetti con solo Terreno Oncologico da quelli con Reale Rischio Congenito di Ca del Seno.

Come ho riferito nei precedenti articoli (1), la maggior produzione di citochine infiammatorie da parte anche degli adipociti, dimostrata clinicamente con la Semeiotica Bifisica Quantistica, http://www.semeioticabiofisica.it/semeioticabiofisica/Documenti/Ita/C%20Reactive%20Protein.doc, è spiegata in termini di Microangiologia Clinica, analogamente a quanto descritto nella nostra Teoria Microcircolatoria dell’Aterosclerosi (4-8).

In breve, già nel Terreno Oncologico, ma specialmente nella sede del RRC di cancro del seno, la microcircolazione di base è attivata secondo il tipo II – che può esitare lentamente nel tipo III se non si interviene tempestivamente con la terapia quantistica (4). Ne consegue la singolare situazione microcircolatoria nota come “blood-flow centralization“, descritta col termine di “maldistribuzione del flusso microcircolatorio” dal mio Maestro. Prof Sergio B. Curri (10, 11).

Le consegue stasi e ipertensione microvascolare ingravescente nel versante venulare e capillare dell’Unità Microvascolotessutale, associate all’ipossia istangica rlativa, provocano danno endoteliale con successivo reclutamento di cellule infiammatorie circolanti, passaggio dal sangue al PAM di monociti circolanti destinati a diventare macrofagi, aumentata produzione di RL, formazione di colonie di cellule linfatiche B, con le note ripercussioni sul locale processo flogistico (5-9).

La valutazione SBQ del livello tessutale adiposo (PAM) di citochine e PCR ha fornito dati di notevole interesse non soltanto diagnostico, a partire dai primi decenni di vita (11):

A) nel sano, il Tempo di Latenza (TL) del Riflesso ungueale PAM-Gastrico aspecifico è 10 sec. esatti;

B) nell’individuo con Terreno Oncologico, ma senza Reale Rischio Congenito di cancro del seno, il TL è ridotto a 8 sec.;

C) nell’individuo con Terreno Oncologico e Reale Rischio Congenito di cancro del seno, il TL è ulteriormente abbassato a 6 sec. per scendere a 4-5 sec. nel quadrante sede del reale rischio.

Da quanto sopra riferito, appare evidente che il Medico può disporre di un ulteriore segno SBQ per la diagnosi, diagnosi differenziale (12) e il monitoraggio terapeutico del Terreno Oncologico e del Dipendente Reale Rischio Congenito di cancro del seno. Infatti, il livello tessutale mammario di citochine, cioè il Tempo di Latenza del Riflesso ungueale PAM-Gastrico aspecifico (= ossigenzione istangica) di 10 sec., permette al Medico  di escludere rapidamente e clinicamente una lesione maligna.

In conclusione, se i dati riferiti sopra saranno corroborati su vasta scala, il PAM nel Terreno Oncologico rappresenta un fattore, finora sconosciuto, di rischio di cancro del seno, che scompare parallelamente al relativo Reale Rischio Congenito sotto Terapia Quantistica, auspicabilmente instaurata nei primi due decenni di vita.

 

Bibliografia.

1) Sergio Stagnaro (2014).   Ruolo del Tessuto Adiposo della Mammella nell’Insorgenza del Cancro del Seno. http://www.sisbq.org. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tessuto_adiposo_cancro_mammella_agg2.pdf

2) CNRS (Délégation Paris Michel-Ange). Adipose cells and breast cancer: A dangerous combination April 5, 2011. http://www.sciencedaily.com/releases/2011/04/110405102034.htm

3) Béatrice Dirat, Ludivine Bochet, Marta Dabek, et al. Cancer-Associated Adipocytes Exhibit an Activated Phenotype and Contribute to Breast Cancer Invasion. Cancer Res April 1, 2011 71; 2455-65. http://cancerres.aacrjournals.org/content/71/7/2455

4) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). Allegra’s* Syndrome plays a central Role in bedside clinical Diagnostics. www.sisbq.org, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/allegrassyndrome.pdf

5) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). Quantum Biophysical Semeiotics Microcirculatory Theory of Arteriosclerosis www.sisbq.org, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/ats_qbs__mctheory.pdf

6) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). The Role of Inherited Vasa Vasorum Remodeling in QBS Microcirculatory Theory of Atherosclerosis, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics.

7) Sergio Stagnaro and Simone Caramel.  The Key Role of Vasa Vasorum Inherited Remodeling in QBS Microcirculatory Theory of Atherosclerosis. Frontiers in Epigenomics and Epigenetics. http://www.frontiersin.org/Epigenomics_and_Epigenetics/10.3389/fgene.2013.00055/full  [MEDLINE]

8) Sergio Stagnaro (2012). Teoria Microcircolatoria SBQ dell’Aterosclerosi. Evidenza Sperimentale del Ruolo Centrale dei Vasa Vasorum, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics.

9) Sergio Stagnaro.   Two Clinical Evidences corroborating Microcirculatory QBS Theory of Atherosclerosis. Lectio Magistralis, IV Meeting of Quantum Biophysical Semeiotics International Society, May 4-5, 2013, Porretta Terme, Bologna, Auditorium, Hotel Santoli. Journal of QBS, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/atherotheory_evidences.pdf

10) Sergio B. Curri. Le Microangiopatie. A cura di Inverni della Beffa, 1986.

11) Sergio B. Curri. La Pannicolopatia mammaria da Stasi.Le Microangiopatie. Parte seconda. Ed. Inverbi della Beffa, 1992

 

11) Sergio Stagnaro.   VALUTAZIONE SEMEIOTICO-BIOFISICA DELLE PROTEINE DELLA FASE ACUTA. ASPETTI TEORICI E PRATICI, http://www.semeioticabiofisica.it/semeioticabiofisica/Documenti/Ita/C%20Reactive%20Protein.doc

12) Sergio Stagnaro (2014).   Diagnosi Differenziale Clinica, Semeiotico-Biofisico-Quantistica, in 10 Secondi, tra Nodo Benigno e Maligno. La Voce di SS. https://sergiostagnaro.wordpress.com/2014/10/09/diagnosi-differenziale-clinica-semeiotico-biofisico-quantistica-in-10-secondi-tra-nodo-benigno-e-maligno/

Se anche il Ministro della Salute ignora Il Reale Rischio Congenito di Cancro del Seno, questa Epidemia continuerà!

Alla seguente pagina nel sito del Ministero della Salute potete trovare una tale abbondanza di informazioni sulla prevenzione del cancro del seno che verrebbe da pensare che non si tratti di una Epidemia in aumento, ma di una patologia sconfitta per sempre: http://cerca.ministerosalute.it/search?q=tumore+del+seno&btnG.x=13&btnG.y=4&client=default_frontend&proxystylesheet=default_frontend&site=default_collection&output=xml_no_dtd&filter=p&alias=%3C%25%3Drequest.getServerName%28%29%25%3E

 

 

Sarà poi vero che al Ministero della Salute nessun esperto in Oncologia conosce il Reale Rischio Congenito dei Cancro del Seno?

 

 

 

 Alla URL  http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=947&area=Salute%20donna&menu=tumori

 

tra i fattori di rischio del cancro del seno potete leggere – come da velina –  quanto segue:

 

La familiarità
Sono state identificate alcune caratteristiche genetiche ereditarie che espongono le donne a un elevato rischio di sviluppare, nel corso della vita, un tumore alla mammella. Si consiglia pertanto alle donne con storia familiare di carcinoma mammario di sottoporsi a specifici esami del sangue (a pagamento e privatamente? NdR!)  per verificare se abbiano o meno ereditato una modificazione dei geni BRCA1 o BRCA2, potenzialmente pericolosi. Prima e dopo gli esami sarebbe opportuno parlare con una persona esperta che possa aiutare a comprendere i potenziali benefici e rischi dei risultati di un test genetico. Un potenziale beneficio derivante dal test consiste nell’opportunità di prendere decisioni consapevoli sul proprio comportamento, sia dal punto di vista medico che personale”.

 

 

 

A nulla servirebbe dire al Ministro transeunte della Salute che esistono cancri del seno in donne, ed UOMINI senza mutazioni genetiche del BRCA1 e BRCA2  ma causate dalla presenza della proteina EMSY che inibisce l’azione protettiva dei due gettonati geni.  

 

 

 

Una dovuta domanda al Ministro, alle cosiddette Autorità sanitarie, ai “Professori” e agli Assessori, Regionali, Provinciali e Comunali competenti in materia sanitaria:

 

“Perché non parlate del Reale Rischio Congenito del Cancro del Seno, Dipendente dal Terreno Oncologico, diagnosticato con un semplice fonendoscopio a partire dalla nascita ed eliminato con terapia quantistica?”

 

 

 

Sergio Stagnaro.  Il Segno di Dachà. Il Reale Rischio Congenito di Cancro del Seno.  18 gennaio 2011. www.sisbq.org. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/segno_di_dach.pdf

 

Sergio Stagnaro. Lettera Aperta al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sulla Prevenzione Pre-Primaria e Primaria del Cancro del Seno. www.masterviaggi.it; M.V. Anno X – Nr.  330 del 26.04.2011 http://www.masterviaggi.it/news/categoria_news/41243-prevenzione_pre-primaria_e_primaria_del_cancro_del_seno.php

 

Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Cancro della mammella: prevenzione primaria e diagnosi precoce con la percussione ascoltata. Gazz. Med. It. – Arch.  Sc.  Med. 152, 447, 1993.

 

Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2013). The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Oncological Primary Prevention.  Bentham PG., Current Nutrition & Food Science  ISSN (Print): 1573-4013;  ISSN (Online): 2212-3881. VOLUME: 9,  ISSUE: 1; DOI: 10.2174/1573401311309010011http://www.ingentaconnect.com/content/ben/cnf/2013/00000009/00000001/art00011  

 

Sergio Stagnaro and Simone Caramel.  BRCA-1 and BRCA-2 mutation bedside detection and breast cancer clinical primary prevention.  Front. Genet. | doi: 10.3389/fgene.2013.00039.  http://www.frontiersin.org/Cancer_Genetics/10.3389/fgene.2013.00039/full [MEDLINE]

 

 

Da quanto precede, si comprende meglio la causa delle mastectomie bilaterali a scopo preventivo di donne alle quali sono state diagnosticate le mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2, nell’oblio della Proteina EMSY: la mala informazione sui progressi della Medicina, oggi Medievale e Serva dell’Economia.

 

 

To be continued …

Mastectomia per Angelina Jolie: ennesima sconfitta della presente Medicina Medievale.

I mass-media, velina-dipendenti, riportano oggi doverosamente con copia-incolla  la notizia secondo cui Angiolina Jolie si è sottoposta all’asportazione di entrambe le mammelle per prevenire il cancro del seno.

Jolie sul NYTimes: ” …  the truth is I carry a “faulty” gene, BRCA1, which sharply increases my risk of developing breast cancer and ovarian cancer”.

Preciso che il cancro della mammella colpisce anche donne senza mutazioni del BRCA1 e del BRCA 2, ma positive per la proteina EMRY:  ulteriori informazioni chiedetele ai “Professori”.

Domando: <<Perché, Angelina, non ti sei fatta togliere anche  le ovaia?>>. In realtà hai fatto benissimo a tenertele….. secondo il parere di un amico mio, alquanto strano, ma esperto in Diagnostica Psicocinetica.

Ho letto la notizia desolante,  ennesima dimostrazione  della sconfitta della presente Medicina  Serva dell’Economia, nel sito del  NYTimes, a cui ho subito inviato il seguente commento:

http://www.nytimes.com/2013/05/14/opinion/my-medical-choice.html?_r=0

Sergio Stagnaro

Riva Trigoso Genoa Italy

Angelina Jolie’s distressing story highlights the bleak condition of the present Medicine, and especially of oncology. Unfortunately Angelina Jolie’s Physicians ignore what does it means Oncological Terrain-Dependent, Inherited Real Risk of breat cancer. If it is bedside recognised from the birth, such a heritable risk, transmitted exclusively by mother, is easily and quickly removed by Quantum Therapy, without loosing money: The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Oncological Primary Prevention. Bentham PG., Current Nutrition & Food Science ISSN (Print): 1573-4013; ISSN (Online): 2212-3881. VOLUME: 9, ISSUE: 1; DOI: 10.2174/1573401311309010011; http://www.ingentaconnect.com/content/ben/cnf/2013/00000009/00000001/art00011; BRCA-1 and BRCA-2 mutation bedside detection and breast cancer clinical primary prevention. Front. Genet. | doi: 10.3389/fgene.2013.00039.  http://www.frontiersin.org/Cancer_Genetics/10.3389/fgene.2013.00039/full   [MEDLINE].
I am ready to provide NYTimes Editors further, detailed information.

Successivamente ho inviato questo  commento a Il Giornale , invitando la Redazione  a permettermi di scrivere un articolo … per la carta stampata …  per spiegare i motivi  scoraggianti alla base di questo ennesimo vergognoso ed intollerabile  episodio di una Medicina non aggiornata. In verità,  non so nemmeno se  metteranno in rete il commento!
Il fatto: “La star ha  ereditato dalla sua mamma il gene alterato BRCA 1 che, nell’87 per cento dei casi, predispone al tumore”, da Il Giornale, Blog di Gioia Locati, http://blog.ilgiornale.it/locati/2013/05/14/angelina-jolie-la-sua-paura-e-la-nostra/.
Come avranno stabilito che la mutazione del BRCA1 “può” causare il cancro del seno (87%) e dell’ovaio (50%)? Potere della Staistica.
Ancora la Jolie: “My doctors estimated that I had an 87 percent risk of breast cancer and a 50 percent risk of ovarian cancer, although the risk is different in the case of each woman”.
Distressing!
Pensate che nella mia datata Intervista a IL GIORNALE http://www.ilgiornale.it/news/io-l-idraulico-corpo-sento-rischio-tumore.html   e in un articolo di Gioia Locati, in rete nel blog sopra citato,  è scritto – inutilmente –  cosa significa Terreno Oncologico e Reale Rischio Congenito di cancro.
E continuano a chiamarla informazione.
Prendiamo, per esempio,  il caso di una donna – ogni riferimento alla bellissima Angelina, che si trova negli USA …, è puramente casuale! –   colpita da Terreno Oncologico e dal Reale Rischio Oncologico di cancro del seno al solo quadrante inferiore esterno della mammella destra.  La mammella destra invece  NON presenta  RRC di cancro del seno!
Naturalmente i “Professori” di tutto il mondo, ignorando la SBQ,  non conoscono nulla di tutto questo!
La donna  risulta  positiva  al gene alterato  BRCA 1 (non sappiamo nulla della mutazione del  BRCA 2   e  della Proteina EMRY!):   i “Professori” le dicono che nell’87 per cento può essere colpita da cancro al seno e con minor frequenza alle ovaie  (non sanno che il RRC di cancro è nella mammella destra, quadrante inferiore esterno, ovviamente !?!).
Siamo in presenza di un avvilente Terrorismo Psicologico Jatrogenetico, causata dal mancato aggiornamento dei Medici, tollerato dagli Ordini, dal Ministro della Salute, dalle competenti Autorità Sanitarie, e dalla Magistratura.
Il fatto tragico è che  la donna non chiede ai “Professori”  se lei è da collocare scientificamente  nel restante 13%, cioè  di donne non a rischio!   Certamente  non saprebbero risponderle, ma la domanda è doverosa!
Vi invito tutti – inclusa la bellissima Angelina – alla lettura dell’articolo 

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

Sergio Stagnaro and Simone Caramel.  BRCA-1 and BRCA-2 mutation bedside detection and breast cancer clinical primary prevention.  Front. Genet. | doi: 10.3389/fgene.2013.00039.  http://www.frontiersin.org/Cancer_Genetics/10.3389/fgene.2013.00039/full [MEDLINE]

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Sarebbe interessante conoscere  l’autorevole punto di vista del massimo oncologo italiano sull’affare Angelina Jolie e sulla mancata Prevenzione Primaria delle figlie della star.
To be continued ………..

Tag Cloud