Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Perché il Cuore è rara sede di cancro’

DOMANDA oncologica. il Glicocalice in fisiologia e patologia. Dati Preliminari.

All’inizio del 2000,  del Glicocalice  i Medici sanno soltanto ch’è un mantello di rivestimento della superficie esterna della membrana cellulare, di cui rinforza la struttura.

Dominio degli istologi, il glicocalice  è stato finora oggetto di superficiale conoscenza da parte dei Medici.  Infatti, a mia conoscenza (Google.com), nessun Autore  al  mondo, per quanto dotato della più spregiudicata fantasia e  leonardesca creatività scientifica,  ha mai sognato di poter valutare il glicocalice delle cellule di TUTTI  i sistemi biologici con un semplice fonendoscopio! (1-9)

In realtà,  finora erano pochi gli Autori che conoscevano e descrivevano le proprietà del glicocalice, essenziali per la vita biologica, analogamente a quanto accaduto negli ultimi quattro decenni per l’endotelio.

Grazie alla Semeiotica Biofisica Quantistica è possibile oggi valutare clinicamente il GLICOCALICE, incluso quello ONCOLOGICO che a noi interessa per rispondere alla DOMANDA oncologica, con favorevoli ripercussioni sulla pratica quotidiana del medico e sulla Prevenzione Pre-Primaria, secondo la Manuel’s Story, e Primaria.

Le informazioni offerte dallo studio clinico del modo di essere e di funzionare del glicocalice  – come scriverò nei prossimi lavori SE, e solo SE, oncologi e cosiddette Autorità sanitarie invieranno i loro commenti, dimostrando interesse all’argomento, sono essenziali ai fini della diagnosi delle fasi veramente iniziali dell’oncogenesi: la lenta evoluzione del Reale Rischio Congenito, Dipendente dal Terreno Oncologico,  verso il cancro, che si manifesterà magari dopo decenni.

Depositaria delle verità scientifica, la  Medicina Medievale, Serva dell’Economia in CRISI,  indifferente alla necessità e urgenza di lottare efficacemente con strumenti nuovi  contro le epidemie in aumento di cancro, diabete mellito e cardiopatia ischemica,  insistendo nel pubblicizzare inutili e costosi screening,

Anche lo scolaretto di G. Bateson sa bene che  struttura e funzione sono i poli della stessa equazione; se si modifica anche di poco l’uno, pure l’altro risulta modificato!

Il glicocalice  (1-9) è strutturato a partire da informazioni originate nel genoma frattalico, sia nucleare sia mitocondriale, conservate nel relativo disegno, “schema”, finalizzato alla formazione del glicocalice  e delle altre strutture cellulari.

Una eventuale mutazione nello “schema” –  mit-DNA e  n-DNA –  si ripercuote negativamente sul “processo” di costruzione del glicocalice .  Di conseguenza, la  “struttura”  del glicocalice risulterà patologicamente modificata, con negative ripercussioni sull’intenso inter-scambio di informazioni tra cellula e istangio di Comel.

Ne consegue che l’accertamento di una alterazione funzionale del glicocalice, per quanto iniziale, minima, informa sulla relativa modificazione strutturale ed indirettamente sulla correlata diminuzione della dimensione frattalica del genoma sia nucleare sia mitocondriale. DNA nucleare e DNA mitocondriale notoriamente  co-operano nella strutturazione  e nella conservazione delle componenti cellulari.

In conclusione, la Valutazione Clinica  Semeiotico-biofisica-quantistica del glicocalice  oncologico (1, 9)  informa sul primo evento dell’oncogenesi: il Reale Rischio Congenito, Dipendente dal Terreno Oncologico, inizia la lenta evoluzione verso il cancro.

To be continued ……  a patto che  l’argomento interessi  i lettori, particolarmente gli Oncologi e le cosiddette Autorità sanitari!

Bibliografia.

1) Simone Caramel and Sergio Stagnaro The role of glycocalyx  in QBS diagnosis of Di Bella’s Oncological Terrain http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/oncological_glycocalyx2011.pdf

2) Simone Caramel and Sergio Stagnaro Quantum Biophysical Semeiotics of Oncological Inherited Real Risk of Myelopathy: The diagnostic role of glycocalyx. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/qbs_myelopathy_glycocalyx_english.pdf

3) Sergio Stagnaro. Glycocalix Quantum-Biophysical-Semeiotic Evaluation plays a Central Role in Demonstration of Water Memory-Information. www.sisbq.org. 19 July, 2011.http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/wmi_glycocalyx.pdf

4) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2011). Skeletal Muscle Cell Glycocalix Evaluation during  CFS Treatment corroborates Andras Pellionisz’s Recursive Fractal Genome Function Principle. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cfsglycocalyx.pdf 

5) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2011). The genetic Reversibility in Oncology, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/reverse_oncology.pdf

6) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012) New ways in physical Diagnostics: Brain Sensor Bedside Evaluation. The Gandolfo’s Sign. January, 2012. Journal of Quantum Biophysical Semeiotics. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/bsbe.pdf

7) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012) Quantum Biophysical Semeiotic Bedside Diagnosis of Tako-Tsubo Cardiomyopathy.  The central Role played by CAEMH-Dependent GERD in precipitating the transient cardiac Dysfunction.  www.sisbq, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics,http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/takotsubo.pdf. ; http://stagnaro-wwwsemeioticabiofisicait.blogspot.com/2012/02/quantum-biophysical-semeitic-bedside.html

8) Sergio Stagnaro.  Il Glicocalice nella Diagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica di Terreno Oncologico di Di Bella. 15 febbraio 2011, www.melatonina.it, http://www.melatonina.it/farma/approfondimenti.php ; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/glicocaliceoncologico.pdf; http://www.fcenews.it, http://www.fceonline.it/images/docs/glicocalice oncologico valutazione.pdf

9) Sergio Stagnaro.  Il Glicocalice nella Diagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica di Terreno Oncologico di Di Bella. 15 febbraio 2011, www.melatonina.it, http://www.melatonina.it/farma/approfondimenti.php ; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/glicocaliceoncologico.pdf; http://www.fcenews.it, http://www.fceonline.it/images/docs/glicocalice oncologico valutazione.pdf

Annunci

ASCO: Riflessioni sulla Risposta al “Perché il cuore e il muscolo scheletrico sono raramente colpiti dal Cancro”.

A seguito del primo “Comment” nel sito dell’American Society of Clinical Oncology, riferito nel post di ieri, su richiesta di colleghi,  lodevolmente curiosi,  in un secondo messaggio, ho anticipato oggi  COME deve essere strutturata la risposta alla domanda, affascinante e motivo di curiosità, per essere anche e soprattutto utile nella lotta al cancro mediante la Prevenzione Pre-Primaria (Manuel’s Story  http://www.sisbq.org/sbq-magazine.html) e Primaria.

Dalla lettura del secondo commento risulta chiaro che la risposta deve evidenziare innanzitutto la coerenza interna ed esterna della teoria presentata.

Per esempio, è possibile ed autorizzato riformulare il ruolo del mit-DNA e del n-DNA nel processo oncologico, ma non si può negare che il genoma, sia nucleare sia mitocndriale, reciti un ruolo di primo piano nell’insorgenza del cancro.

Inoltre, le descrizioni operative, contenute nella risposta, necessarie per falsificare o corroborare la teoria, devono essere formulate in modo estremamente chiaro e semplice, tale da permettere a qualsiasi medico – dotato di un fonendoscopio –  di  applicarle con facilità.

E’ chiaro infatti che se l’Autore si limitasse – per mostrare la verità “scientifica” di quanto afferma nella teoria – a descrivere la “Valutazione Clinica SBQ del Glicocalice del Miocita e della Cellula Muscolare del Muscolo Scheletrico”,  illustrando, con dovizia di particolari, il comportamento della Vasomozione delle piccole arterie ed arteriole, secondo Hammersen, prima di base e subito dopo “simultaneamente” all’inizio del Test del Picco Acuto della Secrezione Insulinica (o Melatoninica o Adiponectinica…), non darebbe vita,  purtroppo, ad un dialogo ma un monologo, noioso ed irritante per molti lettori medici!

Inoltre, la risposta deve necessariamente fornire adeguate misure terapeutiche, non costose e semplici, per normalizzare le congenite alterazioni che, secondo l’Autore, rendono possibile l’insorgenza del cancro in ben note condizioni di rischio ambientale ma esclusivamente in individui arruolati  razionalmente nella prevenzione primaria, sulla base della presenza del TO.

In caso contrario, alla conoscenza teorica della condizione necessaria, ma non sufficiente, dell’oncogenesi – certamente apprezzabile e degna di segnalazione dal punto di vista scientifico – al momento non seguirebbe in pratica nessun beneficio per l’umanità.

22 July, 2012-07-22

http://connection.asco.org/Forums/forumid/8/postid/646/scope/posts.aspx#646

Re: Why heart and skeletrich muscle are less frequently involved by Cancer.
 
Edit   Reply
The question “Why heart and skeletrich muscle are less frequently involved by cancer?” , while lung, mamma, prostate, a.s.o., are frequently site of malignancy,  is really fascinating and intriguing.  I expect that Author’s answer will prove to be easy to understand, so that every physician, around the world, will be able to falsify, or corroborate, it with a stethoscope. On the other hand, in my opinion, such a answer  must  be convincing of the true of his original statements. In a few words,  the answer has to demonstrate, first of all,  inner and outer coherence of Author’s  theory. In addition, it must provide the physicians with precise operational descriptions, unavoidable to falsify or corroborate the theory, using a simple stethoscope. Moreover, the answer, though CLINICAL in nature, has to highlight the underlying, till now unknown,  causes of oncogenesis, from the molecular biological view-point. Finally, the answer has to supply therapeutic measures, simple and no expensive, to apply on very large scale in individuals, rationally selected on the base of Oncological Terrain, efficacious in normalising the heritable alterations of mit-DNA and n-DNA, necessarily present!

In Rete La Lettera Aperta a Genetisti Molecolari e Oncologi: “PERCHE’ …?

Nel sito www.sisbq.org, alla URL  http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/laogm2012.pdf , è in rete la “Lettera Aperta ai Genetisti Molecolari e agli Oncologi” sul perché, accanto a sistemi biologici frequentemente colpiti da cancro, altri  sono raramente sede di tumore maligno.

Il contenuto della Lettera è oggetto di discussione (V. il post di ieri) nel sito de Il Gionale, nel blog della intelligente giornalista Gioia Locati, l’unica che ha colto l’importanza della domanda, secondo lo spirito kantiano.

Non illustro “Sinn u. Bedeutng”  del riferimento alla  considerazione in cui Kant teneva la DOMANDA, prima ancora della Risposta,  perché offenderei l’intelligenza dei destinatari della Lettera Aperta, tra cui vi sono candidati al Nobel!

SE il cuore e i muscoli scheletrici, a differenza del polmone, mammella, prostata, etc., sono una rara sede di cancro, ALLORA  deve esserci un PERCHE’ a spiegazione di questo FATTO, che nessun Autore nega, ma tutti accettano,  analogamente al PERCHE’  ricordato quotidianamente alla mia compagna  (moglie?), a proposito di un imprecisabile legame affettivo, sentimentale, che al momento non ricordo a causa della senile apoptosi neuronale-cerebrale, ma che ci “tiene uniti ancora”).

La RISPOSTA  condivisile alla Domanda che pongo potrebbe – condizionale! – aprire una nuova via di lotta all’EPIDEMIA  del cancro, in  continuo aumento.

SE riusciamo a spiegare, con un fonendoscopio, strumento inevitabile per utilizzare in pratica la scoperta su vastissima scala,  arruolando anche i miliardi di poveretti sparsi nel mondo, positivi per il Terreno Oncologico, che non si possono permettere le spese per sottoporsi ad indagini genetiche costose…, fondate sulla STATISTICA…,, il perché la cellula  del cuore e dei muscoli scheletrici è raramente sede di cancro, mentre la cellula di polmone, prostata, mammella, etc., è frequentemente colpita da cancro, ALLORA  – mia previsione audace perché confutabile  – saremo in grado UN GIORNO di far nascere a Riva Trigoso Manuel (http://www.sisbq.org/sbq-magazine.html) e ad Amburgo Charity Alisha privi di Terreno Oncologico,  anche se nati da MADRI positive per la predisposizione al tumore maligno, ovviamente guarite PRIMA dell’inizio della Gravidanza!

To be continued….

Per Vincere il Cancro sconfiggere prima Oncologi e Giornalisti?

Il titolo di questo  post sembra, a prima vista, una domanda pazza. Tuttavia, a ben riflettere, è una domanda oltremodo sensata e ben fondata, alla luce dei FATTI seguenti.

Nel blog di Gioia Locati nel sito de Il Giornale, alla URL http://blog.ilgiornale.it/locati/,  l’ottima giornalista ha messo in rete, il 18 luglio 2012,  una notizia tratta da una “Lettera Aperta a Genetisti Molecolari e Oncologi”, da me anticipata anche, ma non solo,  a questi destinatari via mail.

Mentre gli Oncologi e i Giornalsti, a cui ho fatto conoscere senso e significato della Lettera Aperta senza rivelare la mia interpretazione fisiopatologica e patogenetica, non mi hanno risposto “more solito”  – taccio del comportamento dei genetisti molecolari, per motivi ovvii – la giornalista Gioia Locati acutamente ha colto l’importanza dell’argomento da me affrontato, intitolando la notizia:  Perchè il cuore non si ammala di cancro?

In poche e chiare parole, se sappiamo rispondere a questa domanda in modo sicuro, definitivo, avremo compiuto un enorme passo avanti nella lotta al cancro: intendo chiaramente la lotta fondata sulla Prevenzione Pre-Primaria, secondo la Manuel’s Story (http://www.sisbq.org/sbq-magazine.html ) e Primaria!

Al momento, eccetto l’intervento chirurgico tempestivo,  non esiste una sola terapia in grado di GUARIRE il cancro in atto!

La domanda da me sollevata  riguarda appunto il perché alcuni sistemi biologici , come il cuore e il muscolo scheletrico, sono raramente colpiti dal tumore maligno, mentre altri, come polmone, prostata, mammella,  sono notoriamente sede frequente di cancro, una EPIDEMIA in continuo aumento, nonostante l’opera incessante dei “Professori” di troppi Istituti per lo Studio del Tumore sparsi nel mondo, delle peer-reviews, di cui alcune considerate BIBBIE della Medicina, ed infine dell’inesauribile lavoro dei giornalisti, finalizzato ad annunciare le ultime scoperte TERAPEUTICHE contro il cancro, nell’oblio dell’oblio della Prevenzione Pre-Primaria,  e Primaria.

Al blog indicato sopra chiunque può partecipare con commenti: personalmente detesto quelli anonimi!

 

 

Tag Cloud