Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Omeopatia Scienza’

La Blue Therapy in un commento in rete nel NYTimes. L’Omeopatia è Scienza!

Ho appena inviato una mail ad un giustamente famoso Farmacologo italiano, l’unico a me simpatico tra i “Professori” italiani,  e  del quale apprezzo i commenti,  non sempre condivisi, informandolo sia su quanto segue, sia sull’articolo che avrei scritto in La Voce di SS.

http://well.blogs.nytimes.com/2012/10/03/do-exercise-programs-help-children-stay-fit/?comments#permid=85

“Physical exercise and diet can surely maintain fit both young and old people, through action mechanisms at endothel level. However, because not all individuals are born equal, tomorrow’s physicians have to be able bedside recognise since individual’s birth every constitutions, prescribing – if necessary – the technically speaking Blue Therapy”.

Ho tolto alcuni refusi che  avrebbero reso ancora più  disgustoso il mio orrendo inglese!

Aver accettato e messo in rete il commento significa che nella Redazione del celebre NYTimes esiste qualcuno che conosce la Blue Therapy! Vi assicuro di non avere sul NYTimes la stessa forte influenza che ho sulla Redazione del miglior quotidiano ligure!

Per quanto mi risulta, la Blue Therapy altro non è che una terapia fisica, fondata sulla Energia-Informazione (EHF), in grado di ristrutturare i sistemi biologici geneticamente alterati, per esempio, i centri neuronali del PNEI, mediante un meccanismo d’azione, affascinante e complesso, che corrobora il Principio della Funzione Ricorsiva del Genoma Frattalico, su cui si fonda.

Un mese fa, lasciando  Porretta Terme, la “mia catulliana Sirmione”,  resa tale dagli amici Santoli,  mi  sono portato a casa una bottiglia di plastica contenente l’acqua della Puzzola, sorgente N° 1 (la sorgente N° 2 è ugualmente efficace!).  Vicino a questa bottiglia ho collocato due bicchieri d’acqua del rubinetto: uno per mio uso e consumo e l’altro per la mia compagna-badante  (lei abusivamente si considera mia moglie).

Morale della favola: dopo un mese dalla partenza da Porretta Terme, l’acqua della bottiglia e quella dei due bicchieri, collocati vicino per almeno mezz’ora,  continua ad essere terapeuticamente attiva, come dimostra la Semeiotica Biofisica Quantistica!  Secondo il  singolare Stagnaro-Pensiero, esiste un simultaneo interscambio di Energia, di tipo catalitico, tra acqua della bottiglia ed acqua dei bicchieri.

Infatti, la EI è “comunicata, trasportata” senza consumo di TEMPO, simultaneamente, e di ENERGIA!

Ho invitato il simpatico ed ottimo Farmacologo a criticare il commento, sopra riferito,  in rete nel sito del NYTimes. Se ciò dovesse avvenire, doverosamente lo riferirò nel prossimo artticolo.

La Memoria dell’Acqua spiegata ai Bambini dell’Asilo Infantile. Lettura Ferragostiana.

Mentre passeggio, sento la Madre Superiore dell’Asilo del mio paese, Riva Trigoso, che rimprovera Luigino, 5 anni:

“Luigino, non hai memoria? Ti ho detto ieri che la pipì si fa nel vasino e non per terra nell’angolo della stanza. Non imitare tua nonna;  poverina è alzheimeriana”.

L’Asilo Infantile di Riva Trigoso ospita prevalentemente  geni in erba, come tra poco comprenderete.

Entro per  recitare la parte del “Deus ex machina”.

Luigino, incavolato come il pugile Cammarelle appena dopo il vergognoso verdetto olimpico, rosso in viso, precisa che sua nonna soffre di Demenza Senile Arteriosclerotica, che – a differenza della M. di Alzheimer – risponde ancora al Test del Picco Acuto di Secrezione Insulinica, sebbene in modo statisticamente non significativo.

Saluto sorridendo la Madre Superiore,  simpatica, intelligenete e colta, e rivolto a tanti silenziosi pargoli che mi circondano,  inzio umilmente, come vuole la circostanza,  il mio SERMONE:

“In Verità, in Verità vi dico, figlioli miei, (per evitare equivoci, affermo di aver curato i loro bis-nonni, nonni e genitori e pertanto li sento tutti miei figlioli!) che anche l’acqua ha memoria, come dimostra la seguente evidenza sperimentale. Se in un ambiente silenzioso valutate con un fonendoscopio la microcircolazione nell’area limbica, per esempio, nelle circonvoluzioni pre – frontali e limbiche, osservate una microcircolazione – vasomotility e vasomotion – con identica durata di 6 sec.  sia della diastole sia della sistole delle piccole arterie, arteriole e capillari nutrizionali”.

A questo punto, una bimba dai capelli biondi e ondulati, alza la mano per pormi una domanda, subito accolta.

“Allora posso valutare anche la microcircolazione nelle amigdale e nel nucleo sopra-chiasmatico?”

Affermativo, risponde in mia vece  il pensoso Luca,  figlio di un docente di Filosofia in un Liceo Classico.

“Se a questo punto accendete la radio sintonizzandola su una emittente che trasmette musica (i bambini dell’Asilo di Riva Trigoso conoscono tutte le Radio italiane che trasmettono  musica), negli stessi centri nervosi, appena ricordati, osservate  simultaneamente attivazione microcircolatoria associata, tipo I”.

Ovviamente non spiego i motivi di tutto ciò, perché sarebbe una  inutile perdita di tempo ed una offesa alla loro intelligenza!

“A questo punto, collocate un bicchiere d’acqua  vicino alla radio che  trasmette musica, e lasciatelo almeno dieci minuti.  Successivamente, spenta la radio, i centri limbici sono ancora attivati come in precedenza, specialmente se – ma non è indispensabile affatto – agitate l’acqua del bicchiere con un cucchiaino”.

Sono certo che i miei dotti ascoltatori ripeteranno l’esperimento nel pomeriggio, appena tornati a casa, dove un fonendoscopio non manca mai. Qualsiasi riferimento ai Medici Laboratorio-Dipendenti è puramente casuale. NdR!

Sto per  congedarmi, quando  Artemisia, tre anni compiuti,  ad alta voce mi domanda ” Finora sapevo per esperienza diretta che l’omeopatia è una Scienza. Perché  i “Professori” sono contrari?”.

“Questa domanda è bella”, rispondo,” ma non rivolgerla a me”.

Mi allontano sperando che Artemisia non invii mail ai “Professori”.   Loro non rispondono alle critiche: sono “Professori” !

Tag Cloud