Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Mia lotta al glioblastoma’

Glioblastoma: la mia lotta non condivisa dalla Società Italiana di Neurologia per carenza metodologica.

Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa. (Einstein)

Fallimento completo  dell’attuale lotta al Glioblastoma.

A. (Istituto dei Tumori Regina Elena , Roma). “Il glioblastoma (GBM) rappresenta da solo circa l’1% delle neoplasie dell’adulto, il 25% dei tumori primitivi cerebrali ed il 45-50% dei gliomi, con un incidenza di circa 5-6 casi per 100.000 persone adulte per anno. Il GBM è nella maggioranza dei casi una neoplasia degli adulti: i casi nella fascia d’età minore di 14 anni costituiscono lo 0.2% del totale. La frequenza aumenta con l’età, avendo un picco tra 65 e 75 anni. L’età media di insorgenza è tra i 50 ed i 60 anni ed esiste una differente distribuzione nei due sessi con un rapporto maschi/femmine di 1.6/1. La localizzazione sopratentoriale è la più frequente. Vi sono sindromi familiari tipo la sindrome di Turcot (poliposi familiare congenita), la S. di Li-Fraumeni (disordine autosomico dominante con alterazioni della P53), dove i GBM sono più frequenti”.

B. (EUROCARE, Berrino 2003). L’ analisi di sopravvivenza interessa 6513 adulti con una diagnosi di GBM durante il periodo 1990-94 e seguiti fino al 1999. La prognosi dei GBM è molto infausta . La sopravvivenza relativa per pazienti adulti con diagnosi di GBM durante il periodo 1990-94 è stata del 25% ad un anno, 5% a tre anni, 3% a cinque anni, senza nessuna differenza tra uomini e donne. La sopravvivenza relativa a cinque anni si riduceva marcatamente con l’età da 11% nel gruppo più giovane (15-45 anni) a 2% nel gruppo di pazienti più anziani (75 anni o oltre).

C. (State of the ART. Oncology in Europe). Sinora, non può essere raccomandata una prevenzione primaria per i tumori cerebrali, e non sono disponibili indagini di screening.

A questo punto  il Lettore può leggere e comprendere il delirio scientifico  della Società Italiana di Neurologia  attraverso la mail illuminante del suo Referente.

 

In Memoria di mio figlio Paolo, 41 aa., morto domenica 11 giugno 2017 al New York Presbyterian Hospital,

Weill Cornell Medical Center.

 

Il giorno stesso della morte di mio figlio Paolo, mi sono rivolto a Neurologi, Neurochirurghi e al mio Ordine dei Medici di Genova, per trovare collaborazione  nella ricerca di  precise risposte a domande fino allora senza risposta.  Trovata la soluzione dei problemi irrisolti,  avremmo potuto salvare migliaia di vite umane mediante la Prevenzione Pre-Primaria e Primaria, dato che non esiste oggi possibilità alcuna di guarigione del Glioblastoma con le attuali terapie.

Nessun Destinatario  mi ha risposto, come si può leggere in due articoli pubblicati in La Voce di SS.  Unica eccezione,   il Prof. Leandro Provinciali, Presidente della SIN, come si legge nelle seguenti mail:

Il 29/06/2017 17:23, Riccardo Soffietti ha scritto:

Gent.mo Dr. Stagnaro,

Le invio questa e-mail su indicazione del Prof. Provinciali, Presidente SIN, in quanto sono il Referente della Società Scientifica per i Tumori Cerebrali. Ho letto con attenzione la Sua lettera ad alcuni lavori in letteratura, che sicuramente sono interessanti come ipotesi. Devo, però, dire che questi concetti necessitano di una validazione in studi clinici ben disegnati prima di venire suggeriti e/o adottati nella pratica clinica. Purtroppo allo stato attuale, per lo meno, per quanto riguarda la medicina ufficiale, non esistono dati sull’origine congenita del glioblastoma e strumenti di prevenzione primaria.

Cordialmente

Riccardo Soffietti

Prof. Riccardo Soffietti

Professor of Neurology and Neuro-Oncology

Head, Department of Neuro-Oncology,

University of Turin and City of Health and Science Hospital

Via Cherasco 15 – 10126 Torino, Italy

Phone : +39.011.633.4904

Fax : +39.011.670.9351

E-mail : riccardo.soffietti@unito.it

La mia risposta alla desolante mail è stata immediata:

From: Sergio Stagnaro [mailto:dottsergio@semeioticabiofisica.it]
Sent: Thursday, June 29, 2017 12:02 PM
To: riccardo.soffietti@unito.it
Cc: Ricciardi Walter <walter.ricciardi@unicatt.it> SISBQ Amici <sisbq@yahoogroups.com>; JCO <JCO@asco.org>; Leandro Provinciali <l.provinciali@univpm.it>; ordinemedici@omceoge.eu; segreteriaministro@sanita.it; segreteria@fnomceo.it; info@sinch.it; mgangemi@unina.it
Subject: Re: Glioblastoma

Egregio Prof. Riccardo Soffietti,

Prof. Riccardo Soffietti

Professor of Neurology and Neuro-Oncology

Head, Department of Neuro-Oncology,

University of Turin and City of Health and Science Hospital

Via Cherasco 15 – 10126 Torino, Italy

Phone : +39.011.633.4904

Fax : +39.011.670.9351

E-mail : riccardo.soffietti@unito.it

considero la sua mail una preziosa spiegazione della principale causa dell’epidemia di cancro.  Per questo la ringrazio.

Le pongo una sola domanda: Perché, sulla base delle mie  scoperte cliniche, illustrate nei  miei scritti, sul Reale Rischio Congenito di Glioblastoma, sulla sua Diagnosi e sulla sua Guarigione, non sottoponiamo tutti insieme alla “……….  validazione in studi clinici ben disegnati prima di venire suggeriti e/o adottati nella pratica clinica?”.

Finalmente dopo i fallimenti desolanti della Neurologia mondiale, inizieremo a salvare, come sto facendo, vite umane.

Autore della Diagnostica  Psicocinetica, metodica ancora non validata,  al momento da me definita Ruota di Pietra,  posso dimostrare di aver iniziato a cancellare  da domenica  11 giugno 2017, data della morte di mio figlio Paolo a NY,  il RRC di Glioblastoma a  15 persone, di cui solo sei miei familiari.

Sergio Stagnaro.  Semeiotica Biofisica Quantistica. Diagnostica Psicocinetica. E-book in rete nel sito  www.sisbq.org; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/dp_libro.pdf

Infatti, tutte le madri (100%) di pazienti colpiti da Glioblastoma sono positive al Reale Rischio di Glioblastoma, nonostante che “allo stato attuale, per lo meno, per quanto riguarda la medicina ufficiale, non esistono dati sull’origine congenita del glioblastoma e strumenti di prevenzione primaria”.

Cordiali saluti

dr Sergio Stagnaro

Riva Trigoso – Genova –

Pensionato ENPAM dal I Ottobre 2000.

Con un comportamento tanatofilo, suicida-omicida,  palese offesa alla Ragione e al comune buon senso,  i professori insistono nell’attribuire fiducia al solo, unico, metodo di ricerca, quello scientifico-ipotetico-deduttivo, ignorando la natura dogmatica di fondo della loro Weltanschauung  ed il suo tragico fallimento, dimostrato, senza possibilità di contraddizione, dalle epidemie in continuo aumento di CVD/CAD, T2DM e Cancro.

Questo inefficace metodo adottato da scienziati acritici, conservatori incalliti, privi di fantasia creativa, è fondato sulla evidenza statistica dei grandi numeri, pubblicati su peer-reviews disposte a divulgare articoli provenienti da Università, Istituti Scientifici, Collegi Medici controllati dal potere economico, che non permetterebbe la diffusione di teorie scientifiche, facilmente falsificabili con un comune fonendoscopio, lontane dalla mainstream , pericolose per la conservazione dello status quo: per esempio, i Reali Rischi Congeniti, dipendenti dalle relative Costituzioni Semeiotico-Biofisico-Quantistiche, di CVD/CAD, Osteoporosi, T2DM, Cancro, diagnosticati dalla nascita con un fonendoscopio ed eliminati con Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante, fondamento della Prevenzione Pre-Primaria e Primaria..

Considero la seguente affermazione provocatoria, gratuita, irresponsabile e infondata: “Purtroppo allo stato attuale, per lo meno, per quanto riguarda la medicina ufficiale, non esistono dati sull’origine congenita del glioblastoma e strumenti di prevenzione primaria”.

Il fenotipo è il risultato delle influenze dell’ambiente sul genotipo: nonostante lo stesso ambiente, esistono famiglie i cui membri muoiono principalmente di CVD/CAD, mentre in altre la causa di morte in genere sono le complicazioni diabetiche e infine famiglie i cui appartenenti terminano la loro vita a causa del tumore maligno.

Per quanto si riferisce al Glioblastoma, ripeto una previsione facilmente falsificabile perché assai ricca di informazione: tutte le madri di pazienti malati o morti per questo  tumore maligno del cervello sono al 100% colpite dal suo Reale Rischio Congenito, evidenemente di lieve gravità, diagnosticato con un fonendoscopio ed eliminato con TQMR (1-5).

I nemici più dannoso all’umanità non sono le gravi e comuni patologie causa principale di morte, ma tutti coloro che pretendono di combatterle senza abbandonare i vecchi, fallimentari  paradigmi e gli inefficaci strumenti di lotta, aprendosi al dialogo con chi, come me,  offre una nuova via di Prevenzione Pre-Primaria e Primaria che ha già mostrato la sua efficacia, se gli Editori del Journal of Clinical Oncology, organo ufficiale dell’ American Society of ClinicalOncology, attendo di leggere e valutare un EDITORIALE sulla Diagnosi Clinica e Terapia del Glioblastoma, scritto da me e da miei due Discepoli-Collaboratori.

  1. Marco Marchionni, Simone Caramel, Sergio Stagnaro (2017) Glioblastoma: Prevenzione Pre-Primaria e Primaria con la Semeiotica Biofisica Quantistica. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/rccglioblastoma.pdf

  2. Sergio Stagnaro (2017). Glioblastoma: Diagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica ad iniziare dal suo Reale Rischio Congenito, https://sergiostagnaro.wordpress.com/tag/diagnosi-clinica-di-glioblastoma-dal-reale-rischio-congenito 
  3. Sergio Stagnaro (2017). Il Segno di Paolo nella diagnosi semeiotico-biofisico-quantistica di Glioblastoma a partire dal Reale Rischio Congenito. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/segnodipaolo.pdf                                                                                                                                                
  4. Caramel S., Marchionni M., Stagnaro S. Morinda citrifolia Plays a Central Role in the Primary Prevention of Mitochondrial-dependent Degenerative Disorders. Asian Pac J Cancer Prev. 2015;16(4):1675. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25743850[MEDLINE]

        5. Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2013). The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Oncological Primary Prevention.  Bentham PG., Current Nutrition & Food Science  ISSN (Print): 1573-4013;  ISSN (Online): 2212-3881. VOLUME: 9,  ISSUE: 1; DOI: 10.2174/1573401311309010011;  http://www.benthamscience.com/contents-JCode-CNF-Vol-00000009-Iss-00000001.htm

Cloud dei tag