Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Il Segno di Antognetti Modificato’

Il Segno di Antognetti “modificato” nella Diagnosi clinica distrettuale di Arteriopatia.

La pressione digitale intensa (1.000 dyne/cm. 2), applicata sopra una arteria femorale comune (oppure sopra altra arteria) nel sano non provoca simultaneamente il Riflesso Gastrico Aspecifico, che compare dopo 16 sec. (= precondizionamento).

Al contrario, in caso di lesione arteriosa, simultaneamente si osserva il Riflesso Gastrico Aspecifico (1) che, in caso di microcalcificazioni della parete arteriosa, subito dopo si riduce di 1/3 della sua intensità (Segno di Terziani)).

Nelle identiche condizioni sperimentali, sopra illustrate, il Riflesso Gastrico Aspecifico mostra lo stesso comportamento quando la pressione digitale è esercitata sopra una grossa vena, evidenziando la flebopatia: Segno di Antognetti variante (2).

Naturalmente, immediatamente dopo, usando segni specifici per i vari tratti dell’albero arterioso e rispettivamente venoso, il Medico localizza perfettamente la sede della vascolopatia.

Una interessante modificazione del Segno di Antognetti permette di riconoscere rapidamente la natura e la sede della lesiona arteriosclerotica, come di seguito illustrato.

Subito dopo l’applicazione della pressione digitale di media intensità, 700 dyne/cm.2, il Medico mentalmente conta il passare del tempo in secondi (= Tempo di Latenza) e osserva l’eventuale comparsa del Riflesso Gastrico Aspecifico:

Start Point.

Dopo 1 sec. – 3 sec. è esaminato il tratto addominale dell’Aorta, come dimostra il fatto che contemporaneamente si dilata.

Dopo 4 sec. – 6 sec. è studiato l’arco aortico toracico.

Dopo 7 sec. – 9 sec. si ottengono informazione sulle arterie coronariche.

Dopo 10 sec. – 13 sec. sono valutate le arterie carotidi, inclusi i rami terminali endocerebrali.

Dopo 14 sec. – 16 sec. si studiano i vasi cerebrali.

La facilità e la rapidità di esecuzione della modificazione del Segno di Antognetti, la ricchezza dei dati affidabili raccolti, suggeriscono di introdurre l’originale metodo nell’Esame Obiettivo comune.

 

Biblografia.

 

Cloud dei tag