Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Articoli con tag ‘Cancro; Semeiotica Biofisica Quantistica’

Le “Nuove” Strategie per fermare l’Epidemia Cancro compiono diciotto Anni.

Nel lontano 2003, il British Journal of Medicine accettò e pubblicò il seguente commento, che purtroppo nessuna autorità competente prese in considerazione. Quante vite umane avrebbero potuto salvarsi se la mia datata Teoria sul Terreno Oncologico fosse stata sottoposta a critica severa ed onesta?

https://www.bmj.com/rapid-response/2011/10/29/role-oncological-terrain-cancer-prevention.

Editorials

Liver cancer in low and middle income countries

BMJ 2003; 326 doi: https://doi.org/10.1136/bmj.326.7397.994 (Published 10 May 2003) Cite this as: BMJ 2003;326:994

Role of Oncological Terrain in Cancer Prevention.

Sirs.

More than half of people with hepatocellular carcinoma (more than 500.000
cases globally annually with a five year mortality exceeding 95%) are
notoriously in China. Andrew J Hall and Christopher P Wild state in their
article (1): “The causes of most of these cancers are now known, and their
prevention is possible”. My first question: “In whom hepatocellular
carcinoma primary prevention has to be performed? For instance, in “all”
Chinese individuals?”. In additon, the same authors, in agreement with
others, continue: “More than 50% of hepatocellular carcinomas are due to
persistent (as opposed to transient) hepatitis B infection, and around 25%
are due to persistent hepatitis C virus”. It is plain that some, but “not
all” subjects , who suffered from such as infectious viral disease,
present hepatocellular carcinomas (75% of diseased subjects present HC: it
is too much in my 46-year-long clinical experience!). Certainly, I agree
with the autors on the fact that “Preventing infection (i.e., Hepatitis B
vaccination) with these two hepatitis viruses is one key strategy to
reduce the burden of liver cancer”.

However, I like to put my third, and
least, but not last, question: “Who must undergo to hepatitis – B, C –
vaccination in order to prevent cancer?” In my opinion, Primary Prevention
of the most common and dangerous human pathologies, including
hepatocellular carcinoma, depends mainly on easy and quick bed-side
detecting individuals at “real” risk, e.g., of cancer (See
www.piazzetta.sfera.it,
http://digilander.libero.it/piazzettamedici/professione/professione.htm,
as well as
http://digilander.iol.it/semeioticabiofisica, Oncological Terrain,
Oncogenesis, three articles: Biophysical-Semeiotic Constitutions) (2, 3,
4). To define clinically a particular constitution, which does not exclude
the presence of others, it is necessary to think over the current
possibility of gathering at the bed-side “biophysical-semeiotic” data,
providing biological and molecular-biological information on the various
human organs, tissues and apparatus, so that doctor can describe numerous
types of constitutions, even from the quantitative point of view. Without
any doubt, these data can not be observed at all by the aid of traditional
physic semeiotics, unable of carrying molecular-biological events to
clincal dimension, which really represents the most original and fertile
aspect of Biophysical Semeiotics. In conclusion, we must recognize, at
first, individual involved by “Oncological Terrain”, i.e., “Oncological
Constitution”, and then localized precisely the real risk of cancer in a
quantitative way, so that the prevention can be perform in individuals
clinically (i.e., on very large scale) and rationally selected, regardless of
the level of country income.

Sergio Stagnaro MD.,Member NYAS. (Nel 2003 ero ancora Membro della New York Academy of Science, da cui ho preso le distanze … per incompatibilità di carattere. NdR!)

1) Hall AJ., Wild CP.Liver cancer in low and middle income countries
Prevention should target vaccination, contaminated needles, and aflatoxins
BMJ 2003;326:994-995 ( 10 May ).

2) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Cancro della Mammella: Prevenzione
Primaria e Diagnosi clinica precoce con la Percussione Ascolata. Gazz.
Med. It-Arch. Sci.Med. 152, 447-457, 1993.

3) Stagnaro S., Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica
condizione necessaria non sufficiente della oncogenesi. XI Congr. Naz.
Soc. It. di Microangiologia e Microcircolaz. Abstracts, pg 38, 28
Settembre-1 Ottobre, Bellagio,1983

4) Stagnaro S., Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica. Una
Patologia Mitocondriale Ignorata. Gazz Med. It. – Arch. Sci. Med. 144,
423, 1985 (Infotrieve)

Annunci

Il Tessuto Adiposo Bianco, sensor di longevità, recita un Ruolo diagnostico centrale nella CVD, T2DM e Cancro.

Secondo la Medicina dell’Attesa, della Sconfitta, Serva dell’Economia, il tessuto adiposo bianco (WAT), sottocutaneo e peri-viscerale, va considerato poco più che un deposito di materiale energetico.

Le mie ricerche cliniche, consegnate ad una esauriente letteratura, hanno dimostrato che il WAT svolge importantissime funzioni biologiche (1-8), rivelandosi di primaria importanza nella diagnostica clinica dei Reali Rischi Congeniti di CVD, T2DM e Cancro. Infatti, la negatività della Low Grade Chronic Inflammation nel WAT, a partire dalla nascita, permette di escludere queste gravi e mortali patologie in 10 secondi (1-8).

Il fatto che i mitocondri in generale e quelli del WAT, in particolare, a causa dei rapporti evidentemente esistenti con le malattie sopra riferite, sono collegati con la longevità (9-16), affermazione corroborata da un mio studio non ancora pubblicato, condotto in 25 individui di 90 aa. di età ed oltre, mi ha sollecitato ad indagare sui meccanismi fisiopatologici alla base di questo fatto.

Nel sano, privo di Costituzioni Semeiotico-Biofisico-Quantistiche, la pressione digitale intensa (1.000 dyne/cm.2), applicata sui trigger points del PNEI – due centimetri sopra l’elice di destra (= regione temporale destra), provoca attivazione microcircolatoria associata, tipo I, fisiologica, nel WAT. Il tempo di latenza WAT- Riflesso Gastrico Aspecifico da 8 sec. di base sale a 18 sec.

Al contrario, in presenza di RRC di Cancro, CVD e T2DM, si osserva intensa attivazione della microcircolazione ma di tipo 2, dissociata: il TL. del riflesso sale a 28 sec.

Interessante che nelle condizioni patologiche sopra ricordate nel WAT è presente la Low Grade Chronic Inflammation a partire dalla nascita:

nel RRC diabetico, il Riflesso dell’Infiammazione (= pressione ungueale sul WAT) il Tempo di Latenza del riflesso gastrico aspecifico scende a 9-8 sec. con Durata da 4-5 sec. (NN = < 3 sec. – 4 sec.<);

nel RRC di CVD, il TL. scende a 7-5 sec.;

nel RRC di Cancro il TL. del riflesso scende sotto i 5 sec.

In conclusione, la sicura implicazione del WAT nei RRC, sopra riferiti, verosimilmente va attribuita al rimodellamento microcircolatorio del WAT, provocato con un meccanismo di biorisonanza dai centri neuronali del PNEI, modificati patologicamente.

Bibliografia

  1. Sergio Stagnaro.   Ruolo del Tessuto Adiposo della Mammella nell’Insorgenza del Cancro del Seno. www.sisbq.org. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tessuto_adiposo_cancro_mammella_2014.pdf
  2. Sergio Stagnaro.  Valutazione Semeiotico-Biofisico-Quantistica dell’Attività della Resistina con un Fonendoscopio. Ruolo Fondamentale della Costituzione Diabetica nella Relazione Resistina, Infiammazione del Tessuto Adiposo Bianco, Diabete Mellito e Obesità. www.sisbq.org,   http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/valutazionesbqresistina.pdfSergio Stagnaro.   Articoli su Tessuto Adiposo della Mammella.  Ruolo del Tessuto Adiposo della Mammella nell’Insorgenza del Cancro del Senhttp://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tessuto_adiposo_cancro_mammella_agg9_.pdf
  3. Sergio Stagnaro.   Articoli su Tessuto Adiposo della Mammella.  Ruolo del Tessuto Adiposo della Mammella nell’Insorgenza del Cancro del Seno. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tessuto_adiposo_cancro_mammella_agg9_.pdf
  4. Sergio Stagnaro (2018). Il Tessuto Adiposo Bianco Sottocutaneo e Periviscerale di Tipo B, secondo la Semeiotica Biofisica Quantistica, è un sensore di CVD, T2DM e Cancro
  5. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tessutoadipososensore.pdf
  6. Sergio Stagnaro (2018). Ruolo del Tessuto Adiposo Bianco nella Patogenesi del Diabete Mellito Tipo 2. Marzo 16, 2018.  https://dabpensiero.wordpress.com/2018/03/16/ruolo-del-tessuto-adiposo-bianco-nella-patogenesi-del-diabete-mellito-tipo-2/
  7. Sergio Stagnaro (2018).  Il Ruolo del Tessuto Adiposo Bianco nella Regolazione della Formazione del Tessuto Osseo, Valutato clinicamente con la Semeiotico-Biofisico-Quantistica.
  8. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/adipososbq.pdf
  9. Linnane AW, et al. Mitochondrial DNA mutations as an important contributor to ageing and degenerative diseases. Lancet. 1989;1(8639):642–5. [PubMed]
  10. Wallace DC. A mitochondrial paradigm of metabolic and degenerative diseases, aging, and cancer: a dawn for evolutionary medicine. Annu Rev Genet. 2005;39:359–407. [PubMed]
  11. Greenberg ER, et al. A clinical trial of antioxidant vitamins to prevent colorectal adenoma. Polyp Prevention Study Group. N Engl J Med. 1994;331(3):141–7. [PubMed]
  12. Wallace SS. Biological consequences of free radical-damaged DNA bases. Free Radic Biol Med. 2002;33(1):1–14. [PubMed]
  13. Srivastava S, Moraes CT. Double-strand breaks of mouse muscle mtDNA promote large deletions similar to multiple mtDNA deletions in humans. Hum Mol Genet. 2005;14(7):893–902 [PubMed]
  14. Oka S, et al. Two distinct pathways of cell death triggered by oxidative damage to nuclear and mitochondrial DNAs. Embo J. 2008;27(2):421–32. [PubMed]
  15. Shokolenko I, et al. Oxidative stress induces degradation of mitochondrial DNA. Nucleic Acids Res. 2009;37(8):2539–48.  [PubMed]
  16. Vendelbo M. H. and K. S. Nair. Mitochondrial Longevity Pathways. Biochim Biophys Acta. 2011 Apr; 1813(4): 634–644.  Published online 2011 Feb 2. doi:  10.1016/j.bbamcr.2011.01.029. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3071741/

 

 

Nuovo Segno Clinico di Diabete Mellito Tipo 2: Manovra di Redistribuzione Ematica durante il Picco Acuto di Secrezione del GH-RH.

In precedenti articoli ho utilizzato a scopo diagnostico in diabetologia l’aumento della produzione e secrezione del GH, secondario all’incremento del GH-RH, tipico del Diabete Mellito (1-6).

In realtà, sorprende che nessuno abbia pensato di impiegare nella diagnostica clinica del T2DM l’aumentata secrezione di GH, ben nota da sempre, se si pensa che nel mondo i diabetici sono oggi circa 2.700.000 e che altrettanti diabetici nei Cinque Stadi della Semeiotica Biofisica Quantistica non sono ancora diagnosticati (7-13).

Ho congetturato – ipotesi 0 – che l’elevata secrezione di GH-RH, e quindi di GH, nel diabete mellito a partire dalla nascita, cioè dal primo dei Cinque Stadi, dovesse provocare la down-regulation dei recettori ubiquitari del GH, con la conseguenza di una alterata redistribuzione del sangue durante l’esecuzione del test della stimolazione del picco acuto della secrezione di GH-RH (1-5).

L’ormone della crescita svolge le sue molteplici azioni biologiche, metaboliche e nucleari, iniziando dal legame tra l’ormone e i suoi recettori, growth hormone receptors, situati nella membrana plasmatica delle cellule bersaglio.

In seguito alla formazione del complesso recettore/GH, si svolgono le varie funzioni biologiche nelle diverse cellule. I recettori del GH sono presenti in tutte le cellule del corpo. Ogni molecola lega due recettori favorendo la dimerizzazione, il processo  essenziale per l’inizializzazione del segnale intracellulare.

Nel sano, la pressione digitale intensa (1.000 dyne/cm.2), applicata sopra il trigger point del GH-RH, cioè 2 cm. sopra la parte media dell’elice di destra, simultaneamente provoca aumento netto e rapido della milza e del fegato, mentre i vasi arteriosi si contraggono, come dimostra il Riflesso Coledocico in contrazione (14). La durata della redistribuzione ematica è di 30 secondi.

Interessante il fatto che dopo 5 sec. dall’inizio, si nota un significativo aumento del volume epato-splenico, a dimostrazione dell’azione bifasica ormonale, da me scoperta (15).

Al contrario, ad iniziare dalla nascita (I Stadio del T2DM), nel diabetico, l’aumento di volume della milza e del fegato nelle identiche condizioni sperimentali, mostra un Tempo di Latenza variabile da 1 sec. a 3 sec.; l’aumento si realizza lentamente, è meno intenso e mostra una durata inferiore ai 25 sec.

Come sempre, i valori parametrici riferiti sono in relazione alla gravità della sottostante patologia.

Merita di segnalazione il minimo aumento volumetrico della milza e del fegato dopo 5 sec. dall’inizio del test del picco acuto di secrezione del GH-RH, a dimostrazione della prevista down-regulation recettoriale.

Bibliografia.

 

  1. Stagnaro Sergio (2009). Quantum Biophysical Semeiotics Evaluation of pancreatic beta-Cell  Function by means of acute pick stimulation of GH-RH  secretion. 6 May 2009, http://sciphu.com/, http://sciphu.com/2009/05/quantum-biophysical-semeiotics.html
  2. Sergio Stagnaro, Simone Caramel (2013).  Bardi’s Manoeuvre:  GH-RH  on bedside Diagnosing Insulin-Secretion and Arterial Hypertension with the Aid of Quantum Biophysical Semeiotics. –  http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/bardimanouvre.pdf
  3. Sergio Stagnaro (2013).    Manovra di Butturini: Diagnosi Clinica della Costituzione Diabetica, del suo Reale Rischio Congenito e del DM in atto, in 5 secondi. https://sergiostagnaro.wordpress.com/2013/10/24/manovra-di-butturini-diagnosi-clinica-della-costituzione-diabetica-del-suo-reale-rischio-congenito-e-del-dm-in-atto-in-5-secondi/
  4. Sergio Stagnaro (2013).  Diabetologia Semeiotico-Biofisico-Quantistica in Progresso: il Segno di Gazzano. https://sergiostagnaro.wordpress.com/2013/11/17/diabetologia-semeiotico-biofisico-quantistica-in-progresso-il-segno-di-gazzano/
  5. Sergio Stagnaro (2014). Valutazione semeiotico-biofisica clinica della funzione della cellula beta-pancreatica mediante il picco acuto di secrezione del GH-RH. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/valutazioneghrh.pdf
  6. Sergio Stagnaro (2014). Il Segno di Di Perri. Diagnosi clinica SBQ endocrinologica di appendicite: attivazione microcircolatoria nel centro neuronale del GH-RH. www.sisbq.org; http://www.sisbq.org/ultimissime.html
  7. Sergio Stagnaro (2010).    Il I Stadio Semeiotico-Biofisico-Quantistico del Diabete Mellito: Nosografia e Patogenesi. http://www.fcenews.it 17 novembre 2010. http://www.fceonline.it/images/docs/diagnosi diabete.pdf; http://qbsemeiotics.weebly.com/uploads/5/6/8/7/5687930/newrenaissance_prevenzionet2dm.pdf
  8. Sergio Stagnaro (2010).     Ruolo del DNA Antenna nella Diagnosi Semeiotica Biofisica Quantistica dei Primi due Stadi del Diabete Mellito tipo 2. http://www.fcenews.it, 19 novembre 2010. http://www.fceonline.it/images/docs/dna_diabete.pdf; http://qbsemeiotics.weebly.com/uploads/5/6/8/7/5687930/dna_t2dm.pdf
  9. Sergio Stagnaro (2010).  Il Test della Osteocalcina endogena nella Diagnosi di I e II Stadio del Diabete Mellito tipo 2. 23 novembre 2010. http://qbsemeiotics.weebly.com/uploads/5/6/8/7/5687930/osteocalcina_t2dm.pdf
  10. Sergio Stagnaro. Il Segno di Adezati-Giordano: I Cinque Stadi del Diabete Mellito tipo 2  riconosciuti in Dieci Secondi. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/segnodiadezatigiordano.pdf
  11. Sergio Stagnaro. Il Segno di Artemisia: Il Diabete Mellito diagnosticato in un secondo a partire dal suo Primo Stadio di Reale Rischio Congenito, Dipendente

dalla Costituzione Diabetica. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/segnodiartemisia.pdf

  1. Sergio Stagnaro.  La Taileverina, prodotta nella Coda del Pancreas, svolge un ruolo importante nella diagnosi clinica dei Cinque Stadi diabetici. https://sergiostagnaro.wordpress.com/2017/02/02/la-taileverina-prodotta-nella-coda-del-pancreas-svolge-un-ruolo-importante-nella-diagnosi-clinica-dei-cinque-stadi-diabetici/
  2. Sergio Stagnaro (2018). La Manovra di Montano. Ruolo Centrale della Valutazione della Up-Regulation Insulino-Recettoriale del Muscolo Scheletrico nella Diagnosi dei Cinque Stadi Diabetici. La Voce di SS. https://sergiostagnaro.wordpress.com/2018/02/09/la-manovra-di-montano-ruolo-centrale-della-valutazione-della-up-regulation-insulino-recettoriale-del-muscolo-scheletrico-nella-diagnosi-dei-cinque-stadi-diabetici/
  3. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S (2004). Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004.   http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm
  4. Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli (2007). Semeiotica Biofisica Endocrinologica: Meccanica Quantistica e Meccanismi d’Azione Ormonali. Dicembre 2007, www.fce.ithttp://www.fcenews.it/index.php?option=com_content&task=view&id=816&Itemid=45

 

Inizio dell’oncogenesi riconosciuto col fonendoscopio: attivazione del Reale Rischio Congenito del Cancro.

“Per le persone assennate l’impossibile non esiste.”

DENIS IVANOVIČ FONVIZIN

Sono trascorsi 14 mesi da quando ho pubblicato in La Voce di SS Appunti di uno Studente di Medicina del 2050. Il Reale Rischio Congenito di Cancro del Pancreas, disattivato e attivato”. Nonostante l’epidemia di cancro in continuo aumento, la Medicina Ufficiale e l’Oncologia Mondiale non hanno saputo cogliere il suggerimento originale della mia efficace lotta clinica al tumore maligno.

Spontaneo sorge il sospetto che l’attenzione delle competenti autorità sia rivolta esclusivamente al costoso, riduttivo, scarsamente utile screening.

https://sergiostagnaro.wordpress.com/2016/11/30/appunti-di-uno-studente-di-medicina-del-2050-il-reale-rischio-congenito-di-cancro-del-pancreas-disattivato-e-attivato/

Prof. Oxintai Abumal, Docente di Clinica Chirurgica all’Università di Thaitown:

“Alla fine del 2016, un solo medico al mondo era capace di diagnosticare il Reale Rischio Congenito di Cancro del Pancreas, disattivato e attivato, da lui scoperto, come dimostrano le mail da lui inviate, senza ricevere una sola risposta, alla celebre Harvard University, all’IEO e all’INT di Milano e agli altri Istituti più famosi ed università (1-4).

Allora la Medicina era ancora asservita al potere economico, che dettava persino le Linee Guida e aveva convinto quasi tutti gli addetti ai lavori che solo gli articoli politicamente ed economicamente corretti, divulgati da una stampa servile, avevano valore scientifico”.

Le conseguenze della desolante situazione in cui versava allora la Medicina sono ben note : CVD/CAD, T2DM, Osteoporosi e Cancro fino al 2017 erano epidemie in aumento, nella totale indifferenza dei numerosi probiviri.

Il Reale Rischio Congenito di Cancro (RRC) del Pancreas non  attivato  può rimanere tale fino alla fine della vita del soggetto colpito, se questo conduce una vita sana in ambiente con pochi fattori di rischio.

Definizione di RRC di cancro disattivato: un RRC che mostra una microcircolazione nei capillari nutrizionali ancora nella norma, grazie all’aumentata attività sisto-diastolica del cuore periferico, sec. Claudio Allegra.

Tre tipi di valutazione della situazione del RRC di cancro disattivato.

  1. A) Valutazione mediante il Riflesso Testa del Pancreas- Gastrico Aspecifico: Tempo di Latenza del riflesso ancora normale (8 sec.) ma Durata patologica di 4 sec. (NN: < 3 sec. 4 sec.<)
  1. B) Valutazione Microcircolatoria locale: Attivazione Microcircolatoria Dissociata, tipo II, con incremento lieve della sola vasomotility, cioè diastole delle piccole arterie , sec Hammersen, di 7 sec. (NN = 6 sec.) ma con normale vasomotion, dilatazione dei capillari nutrizionali di 6 sec.
  1. C) Valutazione mediante il Segno dell’Infiammazione. Il Tempo di Latenza del Segno dell’Infiammazione è ancora normale, come al punto A), ma la durata è patologica: 4 sec. (NN: < 3 sec. 4 sec.<), espressione di una Low Grade Chronic Inflammation presente sebbene di lieve intesità.

Prof. Oxintai Abumal (importante all’esame…) :

“E’ affascinante ed illuminante al tempo stesso la coerenza interna ed esterna di questi dati raffinati, raccolti con tre metodi differenti per eleganza e difficoltà. Come vi ho spiegato in una precedente lezione, la Low Grade Chronic Inflammation , che Rudolf Virchow e Otto Heinrich Warburg attribuivano erroneamente al cancro, per mancanza di conoscenza dei Mitocondri e quindi della Microangiologia Clinica, è osservabile oggi a partire dalla nascita sebbene di lieve intensità, conseguenza della microcirulatory maldistribution, provocata nella precisa sede dei RRC dai Dispostivi Endoarteriolari di Blocco, neo-formati patologici, Tipo I, sottotipo a) oncologici, che causano una significativa apertura delle Anastomosi Artero-Venose, tipo I e II, secondo Bucciante, in progressivo aumento, se il Medico non instaura prontamente la Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante (4).

L’aumentata, patologica, pressione esercitata dal sangue sugli endoteli all’inizio dell’afferenza venosa è la causa dell’eccessivo passaggio di globuli bianchi (in particolare, i monociti prima circolanti, che poi diventano macrofagi-1, dando inizio alla Low Grade Chronic Inflammation) attraverso la parete dei vasi di scambio. Ricordatevi che gli endoteli sono poveri di Mitocondri, poveri di energia e quando sono sofferenti, esprimono sulla loro parete ICAM, Selectina ed altri ligandi le cellule ematiche rotolanti fisisologicamente sopra la parete luminale. Mitocondri “questi sconosciuti” fino al 2010.

La mia prossima lezione sarà dedicata alla valutazione del RRC di cancro del pancreas attivato, cioè in lenta evoluzione verso il cancro del pancreas in atto, ancora oggi incurabile”.

To be continued…..

Bibliografia

1) Sergio Stagnaro. Originale Ruolo svolto dai PPARγ-1 nella Diagnosi Clinica di Cancro del Pancreas a partire dal suo Reale Rischio Congenito. La Voce di SS., www.sergiostagnarowordpress.comhttp://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/ppars_diagnosicancropancreas2015.pdf

2) Sergio Stagnaro.Stagnaro’s *Sign in detecting every gastrointestinal Disorder, even initial or symptomless. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/stagnarosign.pdf

3)Sergio Stagnaro. Early bedside Diagnosis of Pancreas Cancer, starting from its Oncological Terrain-Dependent, Inherited Real Risk http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/norimbergasign_pancreascancer_updated.pdf; Slide Presentation  at URL http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cancropancreas_2015.pdf

4) Caramel S., Marchionni M., Stagnaro S. Morinda citrifolia Plays a Central Role in the Primary Prevention of Mitochondrial-dependent Degenerative Disorders. Asian Pac J Cancer Prev. 2015;16(4):1675. https://www.researchgate.net/publication/273147071_Morinda_citrifolia_Plays_a_Central_Role_in_the_Primary_Prevention_of_Mitochondrial-dependent_Degenerative_Disorders

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25743850 [MEDLINE]

Mutatis mutandis, quanto scritto sopra a proposito del RRC di cancro al pancreas vale per tutti gli altri rischi di tumore maligno. Pertanto, se i gestori della pubblica salute lo permettessero, oggi siamo in grado di riconoscere i Reali Rischi Congeniti disattivati e attivati e pertanto possiamo prevenire l’evoluzione oncologica.

Questo è l’aspetto importante da sottolineare nella differenza tra Prevenzione Pre-Primaria ,Primaria e lo screening , da cui nasce il successo della Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante prontamente instaurata.

Glioblastoma: La Mia Lotta Ignorata dalle Autorità Sanitarie. Mail al Ministero della Sanità

Not to autumn will I yield,  Not to winter even!

(Robert Louis Stevenson. The Vagabond)

E’ psico-diverso chiunque pensi che, dopo la morte di mio figlio Paolo, 42 aa.,  avvenuta domenica 11 giugno 2017 al New York Presbyterian Hospital a causa di un glioblastoma esordito clinicamente 4 mesi prima, il sospetto silenzio delle sedicenti autorità sanitarie italiane porrà fine alla mia lotta per trasformare il  sacrificio di Paolo nel riscatto di milioni di persone che, continueranno a vivere la loro vita, evitando la morte sicura da Glioblastoma (1-3).

Nel Ministero della Salute, nel Ministero dell’Informazione-Università-Ricerca, nell’Istituto Superiore di Sanità, nella Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, nell’Ordine dei Medici di Genova, nel Dipartimento di Neurochirurgia del Gaslini, nella Società Italiana di Neurologia e in quella d Neurochirurgia, si possono incontrare eccellenti studiosi del Glioblastoma, ai quali mi sono rivolto per ottenere la loro autorevole collaborazione nella mia lotta clinica alla malattia che ha ucciso mio figlio, negativo al Terreno Oncologico.

Nessuno mi ha risposto, tranne – unica bella eccezione – il Prof. Leandro Provinciali, Presidente della SIN.

In un recente articolo su La Voce di SS ho riferito ogni particolare della triste vicenda, resa ancora più vergognosa dal fatto che molti di questi Signori, stanno seguendo la Prevenzione Primaria con Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante (4), da me suggerita loro, in alcuni casi soltanto per obbedire alla volontà di mio figlio Paolo.

Prima di concludere mi rivolgo ai Membri dell’Ufficio Stampa del Ministero della Salute. Non chiedetevi per quale strano motivo “questo qui” si è rivolto anche a voi.

Come fondatore della Diagnostica Pscicocinetica (5-11), nel rispetto della privacy, vi informo che in molti avete micidiali Spade di Damocle sospese sul capo. Se volete potete cancellarle con la Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante, da consigliare  pure ai vostri cari della Linea Materna.

Buona Lettura.

——– Messaggio Inoltrato ——–

Oggetto: La mia lotta clinica al Glioblastoma
Data: Sat, 1 Jul 2017 18:57:15 +0200
Mittente: Sergio Stagnaro <dottsergio@semeioticabiofisica.it>
A: ufficiostampa@sanita.it, segreteriaministro@sanita.it

 

All’Ufficio Stampa del Mimistero di Sanità,

Alla Segreteria del Ministero di Sanità

Alla cortese attenzione della Ministra On. Beatrice Lorenzin,

la recente morte di mio figlio Paolo, 42 aa., sebbene privo di Terreno Oncologico, causata da un Glioblastoma dopo 4 mesi dall’esordio della sintomatologia clinica, avvenuta domenica 11 Giugno 2017, al Presbyterian Hospital , Weill Corneill Medical Center di NY, città dove viveva Paolo, ha distrutto il padre ma ha stimolato lo scienziato a rispondere a tante domande  fino ad allora senza risposta da parte di Neurochirurgi, Neurologi e del mio Ordine dei Medici di Genova, a i quali mi sono inutilmente rivolto.

Le mie risposte, ottenute da solo, non avendo ottenuto collaborazione da parte di nessuno, ma certamente ispirato nella ricerca da mio figlio,  si trovano  nei seguenti lavori:

Sergio Stagnaro
(2017). Glioblastoma: Diagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica ad iniziare dal suo Reale Rischio Congenito, https://sergiostagnaro.wordpress.com/tag/diagnosi-clinica-di-glioblastoma-dal-reale-rischio-congenito/

Sergio Stagnaro (2017). Il Segno di Paolo nella diagnosi semeiotico-biofisico-quantistica di Glioblastoma a partire dal Reale Rischio Congenito. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/segnodipaolo.pdf


Marco Marchionni, Simone Caramel, Sergio Stagnaro (2017)  Glioblastoma: Prevenzione Pre-Primaria e Primaria con la Semeiotica Biofisica Quantistica. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/rccglioblastoma.pdf

Sconosciuto finora a  Neurochirurghi, Docenti Universitari e  Medici di MG, Oncologi,  il Reale Rischio Congenito del Glioblastoma, presente dalla nascita anche in soggetti negativi al Terreno Oncologico, ora diagnosticato con un fonendoscopio ed eliminato con Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante (TQMR), Caramel S., Marchionni M., Stagnaro S. Morinda citrifolia Plays a Central Role in the Primary Prevention of Mitochondrial-dependent Degenerative Disorders. Asian Pac J Cancer Prev. 2015;16(4):1675. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25743850[MEDLINE] meriterebbe  di essere divulgato da fonti autorevoli dopo tentativi seri e onesti di falsificazione , nell’interesse anche di molti miei Colleghi, di giornalisti e di Membri di Istituti Scientifici.

Autore della Diagnostica Psicocinetica, Sergio Stagnaro.  Semeiotica Biofisica Quantistica. Diagnostica Psicocinetica. E-book in rete nel sito  www.sisbq.org; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/dp_libro.pdf affermo che il Reale Rischio Congenito di Glioblastoma  è molto più frequente di quanto oggi si pensi.

In Allegato, la provvisoria Presentazione di Diapositive che dovrebbe sottolineare la scientificità della mia ricerca, che ha certamente lo scopo di salvare vite umane ma anche quello di evitare ad altri genitori il dolore che proviamo mia moglie ed io.

Distinti saluti

Dr Sergio Stagnaro

Medico di MG in Pensione dal I Ottobre del 2000

Sergio Stagnaro MD

Via Erasmo Piaggio 23/8

16039 Riva Trigoso (Genoa) Italy

Founder of Quantum Biophysical Semeiotics

Honorary President of International Society of

Quantum Biophysical Semeiotics

Cell. 3338631439

dottsergio@semeioticabiofisica.it

www.semeioticabiofisica.it

www.sisbq.org

www.sergiostagnaro.wordpress.com

Bibliografia.

  1. Sergio Stagnaro (2017). Glioblastoma: Diagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica ad iniziare dal suo Reale Rischio Congenito, https://sergiostagnaro.wordpress.com/tag/diagnosi-clinica-di-glioblastoma-dal-reale-rischio-congenito/

2) Sergio Stagnaro (2017). Il Segno di Paolo nella diagnosi semeiotico-biofisico-quantistica di Glioblastoma a partire dal Reale Rischio Congenito. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/segnodipaolo.pdf


3) Marco Marchionni, Simone Caramel, Sergio Stagnaro (2017)  Glioblastoma: Prevenzione Pre-Primaria e Primaria con la Semeiotica Biofisica Quantistica. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/rccglioblastoma.pdf

4) Caramel S., Marchionni M., Stagnaro S. Morinda citrifolia Plays a Central Role in the Primary Prevention of Mitochondrial-dependent Degenerative Disorders. Asian Pac J Cancer Prev. 2015;16(4):1675. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25743850[MEDLINE]

5) Sergio Stagnaro.      Psychokinetic Diagnostics, Quantum Biophysica Semeiotics Evolution. http://sciphu, 12 March 2010, http://sciphu.com/2010/03/psychokinetic-diagnostics-quantum.html  and  http://wwwshiphusemeioticscom-stagnaro.blogspot.com/2010/03/psychokinetic-diagnostics-quantum.html

6) . Caramel S., Stagnaro S.  Quantum Biophysics Semeiotics and Psychokinetic Diagnostics. 7 luglio 2010,   http://ilfattorec.altervista.org/DP.pdf

7) Sergio Stagnaro.   Psychokinetic Diagnostics Practical Aspects. http://www.sci-vox.com, 2010-08-12, http://www.sci-vox.com/stories/submit.html

8) Sergio Stagnaro. Psychokinetic Diagnosis and two Dimensions of Time, T1 and T2. http://www.sci-vox.com, 23 August, 2010. http://www.sci-vox.com/stories/submit.html

9) Sergio Stagnaro. Psychokinetic Diagnostics. Mind, Matter and Energy-Information.  http://www.sci-vox.com, 16 September, 2010.  http://www.sci-vox.com/stories/story/2010-09-16psychokinetic+diagnostics.+mind%2C+matter+and+energy-information..html

10) Simone Caramel and Sergio Stagnaro Quantum Biophysics Semeiotics and Psychokinetic Diagnostics. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/dp.pdf

11) Sergio Stagnaro.  Semeiotica Biofisica Quantistica. Diagnostica Psicocinetica. E-book in rete nel sito  www.sisbq.org; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/dp_libro.pdf

Il Piede Diabetico? Il Piede NEL Diabetico!

Il Pensiero Debole ha invaso ogni dimensione del sapere, come se si trattasse in un tipo di pensiero politicamente corretto, dominando anche nella Medicina. Le sue conseguenze sono ormai una  desolante realtà: CVD, T2DM e Cancro sono epidemie in inarrestabile aumento. Infatti, rimescolare la vecchia minestra senza modificarne gli ingredienti non ne migliora la qualità

Se il T2DM è una epidemia in continuo aumento, il motivo deve necessariamente esistere.  A mio parere, nella epidemia diabetica in aumento, un importante ruolo è svolto dalla grande confusione terminologica dei diabetologi e dei medici, conseguenza del mancato aggiornamento sulla fisiopatologia di questa sindrome metabolica, di cui esistono Cinque Stadi. Il primo stadio, il Reale Rischio Congenito, Dipendente dalla Costituzione Diabetica,  sericonosciuto a partire dalla nascita con un fonendoscopio, è eliminato con la non costosa Terapia Quantistica. Vedere Avanti.

Il LOGO di questa morbigena confusione lo si trova  nel termine “Piede Diabetico”, che rivela al tempo stesso il Pensiero Debole dominante non solo nella Filosofia ma anche, purtroppo, nella Medicina.
Mi sono rivolto – via mail (!) – a celebri Podo-Diabetologi, italiani e stranieri, chiedendo il loro punto di vista e un eventuale confronto di idee, ma non ho ottenuto alcuna risposta.  Pensate che il cosiddetto “piede diabetico” è curato ma non guarisce!
Eppure è be noto che non tutti i diabetici soffrono del cosiddetto  “Piede Diabetico“. Questa inconfutabile realtà dovrebbe far sorgere un piccolo, ma significativo, dubbio nei laureati in Medicina, invitandoli  a domandarsi il perché di questo fatto.
Tutti sono d’accordo che alla base del “Piede Diabetico” sono le “complicazioni” diabetiche – in vero, se presenti, sono riconosciute dalla nascita, in forma  potenziale – a carico di nervi, di macro- e microvasi.
In verità, la gettonata microangiopatia diabetica non esiste!

Esiste una sola alterazione istologica microcircolatoria caratteristica, quando è presente, mentre tutte le altre sono osservate anche in altre forme di microangiopatia, come la microangiopatia senile.

A mia conoscenza, soltanto l’alterazione microvascolare a carico del tratto intermedio S del glomo di Hoyer-Gausset (Honey-coomb-like degeneration) è il dato tipico del DM: troppo poco, in verità, per parlare di microangiopatia diabetica.  Per questi motivi, l’ottimo Clinico parmense, il Prof. Butturini, che ho avuto l’onore di conoscere e al quale ho dedicato un Segno affidabile per diagnosticare la predisposizione al T2DM, nel secolo scorso parlava di Microangiopatia NEL Diabetico, termine condivisibile e certamente rispettoso della Adequatio Rei et Intellectus.

Non si può  pensare di combattere con successo il Piede nel Diabetico senza conoscere il Reale Rischio Congenito di CVD (1, 2), dipendente dalla Costituzione SBQ Aterosclerotica, “e” il Reale Rischio Congenito di T2DM (3), dipendente dalla Costituzione SBQ Diabetica, presenti alla nascita e riconosciuti con un fonendoscopio –  col  Segno di Antognetti e rispettivamete col Segno di Siniscalchi – ed eliminati con Terapia Quantistica che non costa nulla? (4)

Per onestà intellettuale, ammetto di fronte ai “professori” e a tutti i miei fratelli in Cristo, senza provare alcun imbarazzo, che a 84 anni, dopo una intensa e continua vita di Ricercatore e Medico di MG., a causa dell’inevitabile apoptosi neuronale e della compromessa plasticità dei neuroni rimasti, non si possa escludere di “prendere lucciole per lanterna“. Tuttavia, secondo il mio senecente giudizio, l’Era dei Lumi Spenti è palpabile  anche nel Regno della Medicina, in generale, e della Diabetologia in particolare.

Ho invitato gettonati esperti del Piede nel Diabetico a venire a Porretta Terme, sabato 23 Maggio 2015, nell’Auditorium dell’Hotel Santoli, per discutere di questi argomenti al fine di poterli eliminare in un prossimo futuro, come suggerisce la Semeiotica Biofisica Quantistica: ho ricevuto una sola (gentile) risposta da un grande diabetologo del Nord del Paese.

1) Stagnaro Sergio. CAD Inherited Real Risk, Based on Newborn-Pathological, Type I, Subtype B, Aspecific, Coronary Endoarteriolar Blocking Devices. Diagnostic Role of Myocardial Oxygenation and Biophysical-Semeiotic Preconditioning. International Atherosclerosis Society. http://www.athero.org, 29 April, 2009 http://www.athero.org/commentaries/comm907.asp
2) Sergio Stagnaro and Simone Caramel. The Inherited Real Risk of Coronary Artery Disease, Nature PG., EJCN, European Journal Clinical Nutrition, Nature PG., http://www.nature.com/ejcn/journal/v67/n6/full/ejcn201337a.html [Medline]
3) Sergio Stagnaro and Simone Caramel. Inherited Real Risk of Type 2 Diabetes Mellitus: bedside diagnosis, pathophysiology and primary prevention. Frontiers in Endocrinology. Front Endocrinol (Lausanne). 2013; 4: 17. Published online Feb 26, 2013. doi: 10.3389/fendo.2013.00017. http://www.frontiersin.org/Review/ReviewForum.aspx; http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3581808/ [Medline]

4) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2013). The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Type 2 Diabetes Mellitus Primary Prevention. LifeScienceGlobal February 2013, Journal of Pharmacy and Nutrition Sciences, 2013, 3, http://www.lifescienceglobal.com/home/cart?view=product&id=376
_

Perché il Medico deve studiare la Semeiotica Biofisica Quantistica.

Elencare tutti i motivi per cui il Medico deve studiare la Semeiotica Biofisica Quantistica impiegherebbe un tempo infinito, http://www.sisbq.org. Pertanto di seguito ne segnalo alcuni, certamente sufficienti per far comprendere, anche allo scolaretto di Gregory B., che la semeiotica fisica non si è fermata alla prima metà del secolo scorso, come pensano “professori, ministri della salute e ghiornalisti, veline dipendenti, tutti non aggiornati, come potrei dimostrare in un conronto con chiunque di loro, salute permettendomelo!
1) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisica capace di offrire al futuro Medico la metodologia per studiare microcircolo e microcircolazione nei sistemi biologici col solo fonendoscopio.
2) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisica in grado di evidenziare i Reali Rischi Congeniti delle più comuni e gravi patologie umane, come, per esempio, CVD, DM tipo2, Cancro, eliminati (sic!) con la non costosa Terapia quantistica.
3) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisicache permetta di fare Diagnosi di Sinroe di Saint in 10 secondi.
4) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisica che permetta al medico di fare diagnosi di microlitiasi in qualsiasi tessuto, coronarie incluse, in 5 sec.
5) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisica che permette lo studio del modo di essere e funzionare del timo (Il Timo Questo Sconosciuto!), una ghiandola che è attivata in ogni situazione di stress, dall’INIZIO di una Virosi Influenzale, allo stadio iniziale dell’Oncogenesi.
6) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisica capace di far riconoscere i CINQUE stadi del DM tipo 2. Il I stadio, RRC diabetico, SE RICONOCIUTO nei primi due decenni di vita è eliminato con la Terapia Quantistica.
7) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisica in frado di permettere la diagnosi di Reale Rischio Congenito di Cancro al seno, con o senza recettori estrogenici.
8) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisica chepermette al Medico di riconoscere una lesione, nodo, neoformazione del FEGATO e di procedere nella sua diagnosi differenziale.
9) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisicache permette di fare la diagnosi di FOCUS EPILETTOGENO. Se questa diagnosi fosse oggi post di routine in giovani spose PRIMA di iniziare la gravidanza, non nascerebbere individui epilettici!
10) Non esiste una Università nel mondo dove venga insegnata una Semeiotica Fisica che permette al Medico di osservare la deformazione iniziale della diastole ventricolare cardiaca, presente nela cosiddetta “Fase Isometrica della Diastole”.
PS
Come definire la semeiotica disica ortodossa, accademica?

Tag Cloud