Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Per comprendere quanto segue il Lettore deve conoscere la Manovra di Titti (1) e il Segno di Bilancini Lucchi (2). Nel trago hanno sede i trigger-points di numerosi sistemi biologici, inclusi quelli correlati col corpo pancreatico dove sono localizzate le Isole di Langherans.

Sono ormai numerosi i miei lavori sulla diagnosi clinica del T2DM a partire dalla nascita, cioè dal I Stadio diabetico (1-33). Pertanto, l’illustrazione di un nuovo segno è finalizzato specialmente a rinforzare la coerenza interna ed esterna della teoria semeiotico-biofisico-quantistica (sbq), i cui risultati molto spesso non sono passibili di falsificazione o corroborazione da parte del Laboratorio e del Dipartimento delle Immagini.

Un solo esempio: i Reali Rischi Congeniti dipendenti dalla relative Costituzioni sbq (34).

Come insegna la Semeiotica Biofisica Quantistica (35), la stimolazione molto intensa di un trigger-point ghiandolare blocca temporaneamente la secrezione del relativo ormone.

La stimolazione molto intensa del trago, compresso tra due polpastrelli digitali, simultaneamente causa l’Attivazione Microcircolatoria parziale, cioè delle sole piccole arterie ed arteriole, il cuore periferico, sec. Claudio Allegra, esclusivamente a livello del corpo pancreatico, sede delle Isole di Langherans (35). Simultaneamente allo stimolo intensissimo, questi microvasi si dilatano massimamente (= significativa dilatazione del Riflesso ureterale superiore), cessano di fluttuare restando fermi in diastole. Infatti, alla diastole non segue la sistole che spinge il sangue nei capillari e venule. Ne consegue che una parte del sangue è dirottato verso le anastomosi arterovenose (= dilatazione del Riflesso ureterale medio), a cui fa seguito la dilatazione stabile dei capillari nutrizionali (= Riflesso ureterale inferiore).

Nel sano, il margine inferiore del solo corpo pancreatico, simultaneamente alla stimolazione del trago, rapidamente ed intensamente si abbassa (3 cm. circa) per la durata esatta di 20 sec.

Al contrario, nel tipo II del Diabete Mellito, a partire dal suo I Stadio di Reale Rischio Congenito diabetico, preceduto magari da un patologico tempo di latenza variabile da 1 a 3 sec. in rapporto al dismetabolismo glicidico, il tratto indicato del margine pancreatico inferiore si abbassa lentamente, meno intensamente che nel sano e per circa 10 sec. I valori parametrici del segno sono in relazione allo stadio diabetico.

Le descritte modificazioni dell’unità microvascolotessutale nel corpo pancreatico, esitando nel temporaneo arresto del rifornimento di O2,  glucosio  e joni (tra cui quelli di Ca) alla cellula-β pancreatica, blocca la secrezione insulinica e provoca acidosi istangica.

Due evidenze sperimentali corroborano quanto sopra.

Nel sano, diminuisce lievemente il tempo di latenza del rinforzo del Segno di Bilancini-Lucchi, che scende dai fisiolocigi 5 sec. a 3 ec. (=  l’aumento live della glicemia aumenta la permeabilità capillare in modo non significativo), mentre il Tempo di Latenza del riflesso gastrico aspecifico persiste normale: 10 sec. Segno di Lorenza Negativo.

Al contrario, nel tipo II del Diabete Mellito, a partire dal suo I Stadio, cioè dalla nascita, il Tempo di Latenza, già patologico di base, si riduce ulteriormente così come il tempo di latenza del suo rinforzo. Segno di Lorenza Positivo.

Come accade in tutti gli altri numerosi segni sbq, il valore dei parametri del riflesso è correlato indirettamente con la gravità della sottostante patologia.

* Ho dedicato questo segno a mia nipote Lorenza Cretì, Lory, che mi suggerì l’Esperimento di Lory (37), su cui è fondata la Diagnostica Psicocinetica.

Bibliografia

       1) Sergio Stagnaro. Manovra di Titti.  sisbq.org, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930    /manovradititti.pdf

       2) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Il Segno di Bilancini-Lucchi nella diagnosi clinica del diabete mellito. The Pract. Ed. It. 176, 30, 1993.

       3) Stagnaro S., West PJ., Hu FB., Manson JE., Willett WC. Diet and Risk of Type 2 Diabetes. N Engl J Med. 2002 Jan 24;346(4):297-298. [Medline]

       4) Stagnaro S., Singh RB. Influence Of  Nutrition On Pre-Metabolic Syndrome And Vascular Variability Syndrome. Editorial, The Open Nutrition Journal. Bentham Sci. Publish. Nutraceuticals Journal, 2009, Volume 2, http://www.benthamscience.com/open/tonutraj/articles/V002/118TONUTRAJ.pdf

       5)Sergio Stagnaro.  New Renaissance in Medicina. Prevenzione Primaria del Diabete Mellito tipo 2. Sito del Convegno, http://qbsemeiotics.weebly.com/atti-del-convegno.html, 16 novembre 2010; http://qbsemeiotics.weebly.com/uploads/5/6/8/7/5687930/newrenaissance_prevenzionet2dm.pdf; english version http://qbsemeiotics.weebly.com/uploads/5/6/8/7/5687930/report_stagnaro.pdf

37) Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli.  L’Esperimento di Lory. Scienza e Conoscenza, N° 23, 13 Marzo 2008. http://www.scienzaeconoscenza.it//articolo.php?id=17775

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: