Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Archivio per settembre, 2015

La Manovra di De Lisi affidabile nella Diagnosi di Predisposizione all’Aterosclerosi Cerebrale

Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita
incontrerai tante maschere e pochi volti.
(Luigi Pirandello)

Nel precedente articolo introduttivo (1), per la prima volta, ho illustrato i meccanismi microangiologici clinici e fisiopatologici alla base dei numerosi segni clinici semeiotico-biofisico-quantistici, a dimostrazione che il cervelletto è un affidabile sensore della predisposizione all’Aterosclerosi Cerebrale.

Dal momento che per poter ripetere questi raffinati procedimenti il Medico deve possedere una sicura conoscenza della Semeiotica Biofisica Quantistica e della Microangiologia Clinica (2) , di seguito descrivo un metodo diagnostico che richiede al Medico la sola conoscenza del Riflesso Gastrico Aspecifico (3), decisamente più facile da applicare ma ugualmente affidabile.

Nel sano, la pressione “intensa” (1000 dyne/cm2 ca.), esercitata sopra una grande articolazione, subito dopo che il Medico ha iniziato la stimolazione manuale di moderata intensità dei trigger-points cerebellari (in pratica, premendo leggermente con una mano sopra la parte inferiore della nuca), provoca simultaneamente il Riflesso Gastrico Aspecifico: Manovra di De Lisi Negativa.

Al contrario, nel soggetto con predisposizione all’ATS cerebrale, come i figli di madre aterosclerotica cerebrale oppure positiva al suo Reale Rischio Congenito (1), a partire dalla nascita, il riflesso cerebello-gastrico aspecifico, nella condizione sperimentale descritta sopra, compare dopo un Tempo di Latenza di 2-5 sec., in relazione alla gravità della predisposizione alla cerebropatia arteriosclerotica: Manovra di De Lisi positiva.

Per la sicura comprensione dei meccanismi fisiopatologici alla base di questa manovra è utile analizzare gli eventi microangiologici clinici che si succedono nel cervelletto durante questa originale indagine diagnostica.
Nel sano, la pressione digitale moderata-media (500-700 dyne/cm2), applicata sopra il polpastrello di un dito del piede mentre viene esercitata una pressione manuale di identica intensità sopra la proiezione delle circonvoluzioni parietali dell’emisfero contro-laterale, provoca i Riflesso gastrico-aspecifico dopo un Tempo di Latenza di 7 sec. esatti.

In realtà, se, nelle identiche condizioni sperimentali, si valuta la microcircolazione nelle suddette circonvoluzioni cerebrali, si osserva attivazione microcircolatoria associata, di tipo I, fisiologica, dopo 7 sec. esatti dall’inizio della stimolazione del polpastrello di un dito del piede (4-8), a cui immediatamente segue il Riflesso Gastrico Aspecifico.
Quando invece la pressione applicata sopra il polpastrello di un dito del piede è “intensa” (1000 dyne/cm2 ca.), a causa della realtà non-locale nei sistemi biologici (9, 10), l’attivazione microcircolatoria di tipo I, associata, nelle circonvoluzioni parietali dell’emisfero contro laterale appare simultanea, come pure il riflesso gastrico aspecifico.

Chi è esperto in Semeiotica Biofisica Quantistica conosce l’importanza dell’intensità della stimolazione dei trigger-points ai fini della quantità di informazione ottenuta. Infatti, la stimolazione intensa – 1000 dyne/cm2 – offre una informazione di tipo binario, aperto/chiuso, si’/no, presente/assente.
Al contrario, la stimolazione lieve, moderata, media – rispettivamente di circa 300, 500 e 700 dyne/cm2 – fornisce rapidamente al Medico precise informazioni che permettono l’accurata, affidabile, diagnosi differenziale.

Ai fini della diagnosi di Reale Rischio Congenito in generale, e in particolare di quello di Aterosclerosi cerebrale, di cui si parla, si è rivelata particolarmente utile l’Attivazione Microcircolatorio basale, di tipo II, in cui il cuore periferico, secondo Allegra, già a riposo è attivato: Attivazione Microcircolatoria dissociata di tipo II (11).
In poche parole, a causa della presenza dei Dispositivi di Blocco Endoarteriolari neoformati-patologici, di tipo I, sottotipo b) aspecifico, nel microcircolo del III medio cerebellare, le piccole arterie, secondo Hammersen, già a riposo sono attivate per permettere che sia mantenuta nei capillari nutrizionali la fisiologica flowmotion che lentamente si riduce col progredire della gravità dell’ostacolo al flusso sanguigno con il lento evolversi della ATS cerebrale.

* Il Prof. Lionello De Lisi, Maestro di Neurologia e di Umanità, fu mio insegnante all’Università di Genova nel 1955.

Bibliografia.
1) Stagnaro Sergio. Il Cervelletto è un Sensore della Predisposizione all’Aterosclerosi Cerebrale. Articolo introduttivo. https://sergiostagnaro.wordpress.com/2015/09/06/il-cervelletto-e-un-sensore-della-predisposizione-allaterosclerosi-cerebrale-articolo-introduttivo/
2) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm
3) Simone Caramel. 2015. Percussione Ascoltata dello Stomaco, secondo Sergio Stagnaro, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cardiogarap_manuale_it.pdf
4) Stagnaro S., Auscultatory Percussion Therapeutic Monitoring and Cerebral Dominance in Rheumatology. 2nd World Congress of Inflammation, Antirheumatics, analgesics, immunomodulators. Abstracts, A. Book 1, pg. 116, March 19-22, 1986, Montecarlo.
5) ) Stagnaro S., Aritmia splenica, segno attendibile di patologia bilio-duodenale. Min. Med. 76, 1426, 1985 [Medline]
6) Stagnaro S., Auscultatory Percussion of Rheumatic Diseases. X European Congress of Rheumatology. Moscow. 26 June-July, 1983, Proceedings, pg 175.
7) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Indagine clinica percusso-ascoltatoria delle unità microvascolotessutali della plica ungueale. Acta Med. Medit. 4, 91, 1988.
8) Stagnaro S., Percussione Ascoltata degli Attacchi Ischemici Transitori. Ruolo dei Potenziali Cerebrali Evocati. Min. Med. 76, 1211, 1985. [Medline]
9) Sergio Stagnaro. Dall’Esperimento di Lory alla Diagnostica Psicocinetica. Ruolo fondamentale della Realtà Non Locale in Biologia. http://www.fcenews.it, gennaio 2010. http://www.fceonline.it/images/docs/lory.pdf
10) Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli. L’Esperimento di Lory. Scienza e Conoscenza, N° 23, 13 Marzo 2008. http://www.scienzaeconoscenza.it//articolo.php?id=17775
11) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). Allegra’s* Syndrome plays a central Role in bedside clinical Diagnostics. http://www.sisbq.org, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/allegrassyndrome.pdf

Il Cervelletto è un Sensore della Predisposizione all’Aterosclerosi Cerebrale. Articolo introduttivo.

Chiunque si pone come arbitro in materia di conoscenza,

è destinato a naufragare nella risata degli dei.

(Albert Einstein)

 

Premessa.

Per generale ammissione degli Autori e delle competenti Autorità Sanitarie, l’Aterosclerosi, il T2DM, l’Osteoporosi e il Cancro sono epidemie in continuo aumento. Una volta insorte, queste malattie non sono guaribile. Ne consegue che la Prevenzione Pre-Primaria e Primaria rappresenta al momento l’arma vincente.

Grazie alla Semeiotica Biofisica Quantistica (1), con un comune fonendoscopio i Medici possono riconoscere anche la predisposizione all’ATS cerebrale, a partire dalla nascita ed eliminarla con la non costosa Terapia Quantistica, se il Reale Rischio Congenito Aterosclerotico è prontamente riconosciuto, come avviene per tutti gli altri Reali Rischi Congeniti (21).

Introduzione.

Le molteplici funzioni del cervelletto, valutate accuratamente bedside con lo strumento clinico offerto dalla Microangiologia Clinica (2-9), mi hanno suggerito la possibile esistenza di una stretta relazione tra cervelletto e predisposizione all’Aterosclerosi Cerebrale, suggerendomi una indagine, tuttora in corso, condotta con l’aiuto indispensabile della Diagnostica Psicocinetica (10), sul cervelletto come possibile sensore della futura patologia vascolare cerebrale. Detto brevemente, ho iniziato una ricerca clinica finalizzata a riconoscere il possibile Reale Rischio Congenito di Aterosclerosi Cerebrale, dopo le altre numerose indagini che hanno permesso di scoprire un notevole numero di Reali Rischi Congeniti, dipendenti dalle relative Costituzioni semeiotico-biofisico-quantistiche, eliminati poi con Terapia Quantistica (11-20).

Il Metodo clinico semeiotico-biofisico-quantistico.

Il metodo impiegato è lo stesso rivelatosi efficace nelle altre analoghe ricerche sulle Costituzioni SBQ e sui dipendenti Reali Rischi Congeniti.

In 38 pazienti – maschi 15 e femmine 23, in età superiore agli 75 anni – affetti da ATS cerebrale manifesta, ho studiato la microcircolazione negli emisferi cerebellari, selettivamente nell’area superiore, media ed inferiore. Il dato più interessante emerso finora è risultata l’Attivazione Microcircolatoria di tipo II o III, dissociato, patologico, nella sola parte media dei due emisferi cerebellari (1, 9).

Successivamente, ho accertato che, mentre nei sani (68 casi divisi in modo uguale tra maschi e femmine in età giovane e adulta) la stimolazione pressoria (10) sopra il terzo medio degli emisferi cerebellari (V. Avanti) simultaneamente provoca attivazione intensa e rapida della microcircolazione dell’area limbica.

Al contrario, nei pazienti affetti da ATS cerebrale sintomatica, le identiche condizioni sperimentali causano attivazione microcircolatoria meno intensa e lenta, preceduta da un Tempo di Latenza variabile, uguale o superiore ai 3 sec., la cui spiegazione è la stessa per tutti gli altri RRC, cioè il Rimodellamento Microcircolatorio.

Come noto, il cervelletto armonizza i movimenti muscolari, senza però provocarli.

Nel sano, già il solo pensare di ruotare il capo è accompagnato dall’attivazione micro- circolatoria di tipo I, associato, fisiologico, nel cervelletto.

Al contrario, nei pazienti aterosclerotici cerebrali della casistica tra il “pensare” di ruotare il capo e l’attivazione microcircolatoria cerebellare passa un Tempo di latenza di 3-4 sec. a causa del locale rimodellamento microcircolatorio alla base del Reale Rischio Congenito.

A differenza delle aree superiore ed inferiore, il terzo medio degli emisferi cerebellari controlla le diverse strutture dell’area limbica.

Nel sano, la stimolazione pressoria intensa del terzo medio cerebellare mediante il pensiero (10) provoca simultaneamente l’intensa attivazione microcircolatoria di tipo I, associato nelle circonvoluzioni limbiche.

Al contrario, nel RRC di ATS cerebrale l’attivazione non è simultanea ma preceduta da un Tempo di latenza di 2-4 sec. ed è meno intensa.

Tenendo presente la funzione cerebellare propriocettiva, ho messo a punto il seguente metodo di indagine dell’attività del cervelletto, che mi ha permesso di realizzare una manovra di estrema semplicità e rapida esecuzione per riconoscere in modo quantitativo il RRC di ATS Cerebrale, utilizzabile anche da Medici poco esperti in Semeiotica Biofisica Quantistica.

Nel sano, la pressione digitale o manuale intensa applicata sopra una grande articolazione (meno pratica, ma ugualmente utile l’estensione di un arto) provoca simultaneamente la rapida ed intensa attivazione microcirclatoria, associata, di tipo I nel terzo medio dei due emisferi cerebellari.

Al contrario, nei soggetti predisposti all’ATS cerebrale, nelle identiche condizioni sperimentali, sopra illustrate, l’attivazione microcircolatoria, di tipo II, patologica, è preceduta da un Tempo di Latenza di 2 o più secondi, in relazione diretta con la gravità della sottostante predisposizione alla patologia vascolare cerebrale.

Infine, ho messo a punto un metodo semplice per valutare facilmente le modificazioni del microcircolo cerebellare nelle condizioni descritte, anche per il Medico con scarsa esperienza con la Semeiotica Biofisica Quantistica, che conosce almeno il Riflesso Gastrico Aspecifico (22).

Descritta nel prossimo articolo, la Manovra di De Lisi rappresenta uno strumento clinico facile da applicare ed affidabile nel riconoscere il Reale Rischio Congenito di Aterosclerosi cerebrale a partire dalla nascita dei singoli soggetti.

To be continued……

* Il Prof. Lionello De Lisi *, Maestro di Neurologia e di Umanità, fu mio insegnante all’Università di Genova nel 1955,

Bibliografia
1) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004.   http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm

2) Stagnaro S., Auscultatory Percussion Therapeutic Monitoring and Cerebral Dominance in Rheumatology. 2nd World Congress of Inflammation, Antirheumatics, analgesics, immunomodulators. Abstracts, A. Book 1, pg. 116, March 19-22, 1986, Montecarlo.

3) Stagnaro S., Aritmia splenica, segno attendibile di patologia bilio-duodenale. Min. Med. 76, 1426, 1985 [Medline]

4) Stagnaro S., Auscultatory Percussion of Rheumatic Diseases. X European Congress of Rheumatology. Moscow. 26 June-July, 1983, Proceedings, pg 175.

5) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Indagine clinica percusso-ascoltatoria delle unità microvascolotessutali della plica ungueale. Acta Med. Medit. 4, 91, 1988.

6)  Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Modificazioni della viscosità ematica totale e della riserva funzionale microcircolatoria in individui a rischio di arteriosclerosi valutate con la percussione ascoltata durante lavoro muscolare isometrico. Acta Med. Medit. 6, 131-136, 1990.  

7) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Auscultatory Percussion Evaluation of Arterio-venous Anastomoses Dysfunction in early Arteriosclerosis. Acta Med. Medit. 5, 141, 1989.

8) Stagnaro S., Percussione Ascoltata degli Attacchi Ischemici Transitori. Ruolo dei Potenziali Cerebrali Evocati. Min. Med. 76, 1211, 1985. [Medline]    

9) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). Allegra’s* Syndrome plays a central Role in bedside clinical Diagnostics. www.sisbq.org, Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/allegrassyndrome.pdf

10) Sergio Stagnaro.  Semeiotica Biofisica Quantistica. Diagnostica Psicocinetica. E-book in rete nel sito  www.sisbq.org; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/dp_libro.pdf

11) Sergio Stagnaro, Marco Marchionni, Simone Caramel (2014). Early recognition of high risk patients using Biophysical Semeiotics Tests. Neurology, Published October 2, 2014, http://www.neurology.org/content/83/9/776/reply#neurology_el_61750

12) Simone Caramel, Marco Marchionni and Sergio Stagnaro (2014). The Glycocalyx Bedside Evaluation Plays A Central Role in Diagnosing Type 2 Diabetes Mellitus and in its Primary Prevention. Treatment Strategies – Diagnosing Diabetes, Cambridge Research Centre, Volume 6 Issue 1, Pg 41-43. http://viewer.zmags.com/publication/0aafcae9#/0aafcae9/1

13) Marco Marchionni, Simone Caramel, Sergio Stagnaro. The Role of ‘Modified Mediterranean Diet’ and Quantum Therapy In Alzheimer’s Disease Primary Prevention. Letter to the Editor, The Journal of Nutrition, Health & Aging, Volume 18, Number 1, 2014, Springer Ed. http://link.springer.com/article/10.1007/s12603-013-0435-7 [Medline]

14) Simone Caramel and Sergio Stagnaro. Vascular calcification and Inherited Real Risk of lithiasis. Front. In Encocrin. 3:119. doi: 10.3389/fendo.2012.00119 http://www.frontiersin.org/Bone_Research/10.3389/fendo.2012.00119/full [Medline]

15) . Sergio Stagnaro and Simone Caramel.   Inherited Real Risk of Type 2 Diabetes Mellitus: bedside diagnosis, pathophysiology and primary prevention. Frontiers in Endocrinology. Front Endocrinol (Lausanne). 2013; 4: 17. Published online Feb 26, 2013. doi: 10.3389/fendo.2013.00017. http://www.frontiersin.org/Review/ReviewForum.aspx; http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3581808/ [Medline]

16) Sergio Stagnaro and Simone Caramel. The Inherited Real Risk of Coronary Artery Disease, Nature PG., EJCN, European Journal Clinical Nutrition, Nature PG.,   http://www.nature.com/ejcn/journal/v67/n6/full/ejcn201337a.html [Medline]


17) Sergio Stagnaro and Simone Caramel. BRCA-1 and BRCA-2 mutation bedside detection and breast cancer clinical primary prevention. Front. Genet. | doi: 10.3389/fgene.2013.00039. http://www.frontiersin.org/Cancer_Genetics/10.3389/fgene.2013.00039/full [MEDLINE]

18) Simone Caramel, Marco Marchionni and Sergio Stagnaro (2014). The Glycocalyx Bedside Evaluation Plays A Central Role in Diagnosing Type 2 Diabetes Mellitus and in its Primary Prevention. Treatment Strategies – Diagnosing Diabetes, Cambridge Research Centre, Volume 6 Issue 1, Pg 41-43. http://viewer.zmags.com/publication/0aafcae9#/0aafcae9/1


19) Marco Marchionni, Simone Caramel, Sergio Stagnaro. The Auscultatory Percussion of the Stomach Plays a Central Role in Bedside Diagnosis and Primary Prevention of Neurodegenerative Diseases and their Inherited Real Risks. 5th Annual World Congress Neotalk, Nijang, China, http: //www.bitlifesciences.com/neurotalk2014/program_path1.asp#p1-2

20) Sergio Stagnaro (2014).   “Prevenzione Semeiotico-Biofisico-Quantistica, Pre-Primaria e Primaria, del Cancro del Seno”, conferenza al I Festival Nazionale dell’Acqua, Porretta Terme, 19 settembre 2014; Video in www.sisbq.org, http://www.youtube.com/watch?v=xYTnTQaSXr0

21) Stagnaro Sergio. Reale Rischio Semeiotico Biofisico. I Dispositivi Endoarteriolari di Blocco neoformati, patologici, tipo I, sottotipo a) oncologico, e b) aspecifico. Ediz. Travel Factory, www.travelfactory.it, Roma, 2009.

22) Simone Caramel. 2015. Percussione Ascoltata dello Stomaco, secondo Sergio Stagnaro, http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cardiogarap_manuale_it.pdf

La misura oggettiva del valore scientifico degli articoli nell’Era dei Lumi Spenti.

Un Docente Universitario mi scrisse, in una mail (sic!), che il valore scientifico di un articolo è in funzione della sua lunghezza  e dell’autorità della peer-review che lo pubblica.

Per comprendere la sciocchezza espressa dal docente, leggete i titoli degli articoli di una simile rivista in un qualsiasi numero: tutti gli articoli sono falsati da credenze fondate su assiomi.

Per es., secondo le Linee Guida (= scritte dalle massime Autorità mondiali!), tutti gli individui devono sottoporsi a screening per la CVD, il T2DM, Osteoporosi e Cancro. Notate che queste malattie sono epidemie in aumento, nonostante il Metodo Scientifico Unico, e pertanto Dogmatico, della presente Medicina della Sconfitta e  milioni di eccellenti e lunghi articoli, scritti da Luminari e pubblicati su peer-reviews.

Stagnaro Sergio.  Not all mice are created equal! BioMedCentral Physiology, 3 December, 2009. http://www.biomedcentral.com/1472-6793/9/21/comments#384660

Stagnaro Sergio. Overlooking Oncological Terrain-Dependent Inherited Real Risk such as Research is fundamentally Biased. PLoS ONE. 12 December 2009. http://www.plosone.org/article/comments/info%3Adoi%2F10.1371%2Fjournal.pone.0008180

Sia i “professori” sia gli anonimi super-critici dell’autorevole blog de la Bestia Sapiente, vestali candide dell’Unico Metodo Scientifico Ipotetico-Deduttivo e quindi Dogmatico, risponderebbero che si tratta di Bufale pubblicate come modesto “commento” e che siamo tutti esposti a tutte le malattie, ignorando al momento l’apologia  in favore della genetica molecolare!

Era dei Lumi Spenti.

Se a Bologna il 17 ottobre pv. venisse dall’Università di Harvard il docente  di Chirurgia del pancreas a spiegare perché la Diagnosi Clinica, fatta con un fonendoscopio, del Cancro Pancreatico, a partire dal suo Reale Rischio Congenito, è facile, tutte le agenzie di (cosiddetta) informazione scriverebbero la velina per le Redazioni dei massimi quotidiani liberi.   Dopo di ché il Professore USA si vedrebbe costretto ad andare in pensione anticipata!

Nessuna preoccupazione, caro Lettore: nè all’Università di  Harvard nè in qualsiasi altra Università, compresa quella di Bologna, esiste un solo Docente di Medicina che conosce senso e significato del Reale Rischio Congenito di Cancro del Pancreas e lo sa riconoscere quantitativamente con un obsoleto fonendoscopio.

Sergio Stagnaro. Semeiotica Biofisica Quantistica. Diagnostica Psicocinetica. E-book in rete nel sito www.sisbq.org; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/dp_libro.pdf

 

Vivo per questo, come Medico.

Ricevo da una cara amica la seguente mail che, ottenuta la gentile autorizzazione, riferisco per rallegrare, oltre la mia, tante altre “anime empedoclee”. Buona Lettura.

Il 03/09/2015 20:14, mara.germano ha scritto:

Caro Dottore,

l’estate volge ormai al termine, portandosi via l’afa, ma anche il tempo delle vacanze, che, proprio perché vacanze, sono sempre belle, anche con afa o brutto tempo.

A me sembra che il motivo per cui si va in vacanza sia legato non ai luoghi visitati o alle esperienze vissute in quel breve lasso di tempo, ma sia dovuto piuttosto a quella tregua dalla vita, per così dire, che la vacanza ci offre. In altre parole, non è tanto importante quel che si fa o quel che si vede in vacanza – che spesso viene anche presto dimenticato –  quanto piuttosto quel modo del tutto particolare di vivere quella finestrella temporale che straordinariamente si apre nelle nostre vite, spesso scandite da un lavoro monotono e poco gratificante. In questo senso la vacanza è un po’ simile alla scuola, altra meravigliosa e irripetibile tregua in cui possiamo conoscere la Bellezza prima di essere catapultati, ahimè, in un mondo dove le regole che contano sono ben altre, di certo non quelle che abbiamo appreso durante il felice periodo della nostra formazione.

Leggo sempre con piacere la Sua monografia Il fattore C e a volte seguo i Suoi interventi in rete su La Voce, sempre allettata, oltre che dai contenuti, anche dalle citazioni che spesso ricorrono all’inizio della trattazione, oppure nei titoli, come accade nel recente articolo indirizzato al Papa, che constata amaramente: “Tu quoque, Franciscus?”.

Mi auguro che almeno Papa Francesco non rimanga del tutto insensibile al Suo appello.

Ricordo che in un suo recente incontro con i giovani a Torino, il Papa ha lasciato a mo’ di viatico 3 parole: amore – vita – amici.

Però mi viene da pensare: Di amore possiamo anche averne tanto, oltre al desiderio di elargirlo al prossimo. Di vita anche, finché ci è concessa. Ma gli amici? Dove trovarli?

Ed è qui che sta l’inghippo che spezza la triade: gli amici a cui dare il nostro amore non si trovano perché… non solo non sono disposti a contraccambiarlo, ma neppure lo vogliono da noi! È questa la realtà veramente abominevole cui assistiamo: se gli amici accogliessero il nostro sincero amore, come dovrebbero, ci renderebbero felici e diverrebbero a loro volta felici.

Ecco, a mio parere, un altro motivo per cui non si riesce, oggi, a fermare la strage degli innocenti: per fermarla, bisognerebbe avere il desiderio di essere felici.

Ma il desiderio di essere felici si scontra purtroppo, nella maggior parte degli animi, con il desiderio meschino di fare soldi, perfino a discapito della propria personale felicità, e così, per i famosi 30 denari… si rinuncia a vivere.

La svolta verso Amore – Vita – Amici non può quindi che essere affidata a un innalzamento del livello spirituale dell’uomo, e forse sta già avvenendo, anche se i risultati tardano a mostrarsi.

Un caro saluto e un abbraccio,

Mara

P.S.: in allegato due foto recenti di Miriam, che sembra star bene, per il momento. Continuiamo, come sempre, tutti e tre la terapia quantistica con acqua e bicarbonato, limone e acqua sulfurea (più il NONI, sul comodino di Miriam).

Aggiungo a quanto precede che Miriam è la seconda, non ultima,  paziente guarita da Epilessia dopo oltre un anno di cura con Terapia Quantistica non costosa e scaricabile gratuitamente:

http://www.sisbq.org/la-prevenzione-sbq.html,  http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/tq.pdf.

Medico ottuagenario in Pensione da 15 anni, vivo per creare queste ineffabili  storie d’Amore.

 

Appendicite Acuta: Terapia Medica o Chirurgica? Lo può decidere la Semeiotica Biofisica Quantistica.

Nelle News di oggi, la FNOMCEO analizza un articolo interessante e provocatorio: la Terapia Medica o Chirurgica dell’Appendicite Acuta:  Appendicite acuta: spesso evitabile il tavolo operatorio  http://www.fnomceo.it/fnomceo/showItem.2puntOT?id=135810

La mail, da me indirizzata alla FNOMCEO, per motivi tecnici, non è stata ritirata da due destinatari su tre: spero nel TERZO!  Ecco di seguito la mail; mi  auguro che i destinatari mancati possano leggerla:
——– Messaggio Inoltrato ——–

Oggetto: L’Appendicite Acuta e la sua Terapia vista da un Clinico
Data: Tue, 01 Sep 2015 07:25:12 +0200
Mittente: Sergio Stagnaro <dottsergio@semeioticabiofisica.it>
A: segreteria@pec.fnomceo.it, segreteria@fnomceo.it, presidenza@pec.fnomceo.it

Cari Coleghi FNOMCO,

da me letto tempo fa nella versione originale e prontamente  criticato in chiave clinica, semeiotico-biofisico-quantistica, la controversia sul tipo di terapia dell’appendicite acuta da adottare  durerà a lungo, fino a quando l’argomento non sarà affrontato  oltre che dalla EBM anche e soprattutto  dalla  SPBM:

Stagnaro  Sergio. Single Patient Based Medicine: its paramount role in Future Medicine. Public Library of Science. http://medicine.plosjournals.org/perlserv/?request=read-response

Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Le Costituzioni Semeiotico-Biofisiche.Strumento clinico fondamentale per la prevenzione primaria e la definizione della Single Patient Based Medicine. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/libro_costituzionisemeiotiche.htm

Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Single Patient Based Medicine.La Medicina Basata sul Singolo Paziente: Nuove Indicazioni della Melatonina. Travel Factory, Roma, 2005. http://www.travelfactory.it/libro_singlepatientbased.htm

In pensione dall’Ottobre 2000, una lunga esperienza clinica mi permette di affermare che il problema terapeutico dell’Appendicite Acuta è risolto solo se, al letto del malato, possiamo conoscere del Singolo Paziente, il valore attuale della SISRI, completa intermedia, incompleta (= VES, ma decisamente più sensibile e specifica!), della Sintesi Anticorpale Acuta, del livello della PCR, delle citochine in sede appendicolare,  della situazione peritoneale intorno all’appendice, etc. per procedere ad un sicuro Monitoraggio Terapeutico.

Stagnaro S., Il Ruolo della Percussione Ascoltata nella “difficile Diagnosi” di Appendicite. Biol. Med. 8, 71, 1986

Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Appendicite. Min. Med. 87, 183, 1996 [Medline]


Stagnaro S. Bed-side diagnosing acute appendicitis and gastrointestinal diseases. 2003. Gut.j.on line: http://gut.bmjjournals.com/cgi/eletters/52/5/770-a#100.

Sergio Stagnaro.  Biophysical-Semeiotics Diagnosis of Appendicitis. www.bmj.com ; 2 September, 2002 http://www.bmj.com/cgi/eletters/325/7363/505#25361

Sergio Stagnaro. Quantum-Biophysical-Semeiotic Bedside Diagnosis of Appendicitis. http://www.fcenews.it, 18 giugno 2010. http://www.fceonline.it/images/docs/appendicitis.pdf

In particolare, l’aggiornato  articolo nel mio Sito www.semeioticabiofisica.it, alla URL

http://www.semeioticabiofisica.it/semeioticabiofisica/Documenti/Ita/Appedicite%20lavoro%20aggiornato.doc

DIAGNOSI SEMEIOTICO-BIOFISICA DELL’ APPENDICITE ACUTA.  SEGNO DI BERTI-RIBOLI* E SEGNO DI BELLA**.
Sergio Stagnaro

Introduzione.

Diagnosi semeiotico-biofisica dell’appendicite.Segno della Contrazione Gastrica tonica, di Berti-Riboli e di Bella.

Microangiologia clinica dell’appendicite acuta.

Discussione.

Conclusione.
Bibliografia

In conclusione, lo scopo della mail è chiaro ed univoco: la Medicina presente, Medicina della Sconfitta e Serva dell’Economia, ritornerà ad essere Scienza e Arte se “potrà” liberarsi dalle catene che l’hanno imprigionata a partire dal 1948 a Framingham (USA), diventando quindi  la Medicina Basata sul Singolo Paziente che allo screening antepone la Prevenzione Pre-Primaria e Primaria, non costosa, applicabile razionalmete su vastissima scala.

 

Cloud dei tag