Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Anche nella versione dell’articolo sul Segno di Adezati-Giordano (1), inviata al Presidente del mio Ordine dei Medici per una possibile pubblicazione sull’Organo Ufficiale Genova-Medica

(Messaggio Inoltrato

Oggetto: Fwd: Articolo: Il Segno di Adezati-Giordano
Data: Sat, 18 Apr 2015 17:18:33 +0200
Mittente: Sergio Stagnaro <dottsergio@semeioticabiofisica.it>
A: Simone Caramel <simonecaramel@yahoo.it>, Giorgio celfood Terziani <info@eurodream.net>
si legge:

” in Allegato ti invio l’articolo Il Segno di Adezati-Giordano, affidabile nel diagnosticare il Diabete Mellito tipo 2 in dieci secondi”.

Qualche lettore attento, che non conosce però la Microangiologia Clinica e possiede una vaga conoscenza della Semeiotica Biofisica Quantistica, penserà che i conti non tornano.

Infatti, se nei primi tre Stadi il Tempo di Latenza del Tessuto Adiposo Bruno (BAT)-Gastrico aspecifico può essere ancora fisiologico (NN = 8 sec.) la durata appare già patologica: 4 sec.-6 sec.

Ne consegue che il Medico dovrà spendere più di 10 sec. ( 14 sec. – 16 sec.) per porre la corretta diagnosi. Questa critica è apparentemente corretta per chi ignora la Microangiologia Clinica e non conosce i meccanismi patogenetici alla base del valore del parametro VELOCITA’ con cui il Riflesso Gastrico aspecifico si instaura.

Nel sano, magari con la valutazione diagnostico-psicocinetica (2), il Medico osserva le note fluttuazioni di base delle piccole arterie e arteriole, secondo Hammersen, nel BAT usando la pressione manuale di “lieve” intensità.

All’inizio della sistole del “cuore periferico”, secondo Allegra, quando il Riflesso Ureterale superiore è appena scomparso, la pressione manuale di “media intensità”, rapidamente impiegata, causa la massima intensificazione delle fluttuazioni arteriolari (= dilatazione del terzo superiore ureterale) nel tempo di 1 sec., cioè velocemente, per la Durata esatta di 8 sec. (= Tempo di Latenza).

In questo preciso momento, la fluttuazione (= flow-motion microvascolare) cessa per > 3sec. – 4 sec. < (= durata del Riflesso, espressione di Acidosi istangica).

Al contrario, nei Cinque Stadi del T2DM, nelle stesse condizioni sperimentali illustrate sopra, i valori parametrici riferiti risultano alterati: minore la velocità di massima attivazione della dinamica microcircolatoria, che impiega 2-3 sec.; minore è l’intensità della diastole del cuore periferico; nel IV e V Stadio la durata della diastole del cuore periferico scende a 7 sec. come il Tempo di Latenza.

In conclusione, il Medico, esperto in Semeiotica Biofisica Quantistica e in Microangiologia Clinica, in 10 sec. può riconoscere i Cinque Stadi del T2DM.

 

1) Sergio Stagnaro Il Segno di Adezati-Giordano: I Cinque Stadi del Diabete Mellito tipo 2 riconosciuti in Dieci Secondi. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/segnodiadezatigiordano.pdf

2) Sergio Stagnaro.  Semeiotica Biofisica Quantistica. Diagnostica Psicocinetica. E-book in rete nel sito  www.sisbq.org; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/dp_libro.pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: