Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Notoriamente la massa ossea e la sua forza sono in stretta relazione col peso corporeo; individui magri sono più predisposti all’osteoporosi dei normo peso. In realtà, senza la Costituzione Osteoporotica semeiotico-biofisico-quantistica non è possibile l’insorgenza di osteoporosi, sia primaria sia secondaria (1-5).

La biologia dell’osso è compresa in concetti fondamentali (Legge di Wolff della Trasformazione dell’Osso, Modello Meccanostatico di Harold Frost, Ipotesi della Matrice Funzionale di Melvin Moss ) che rendono ragione della capacità dell’adattamento osseo allo sforzo fisico, a cui è costantemente sottoposto. Infatti, il muscolo è la sorgente primaria di stimoli meccanici per l’osso, sia intensi sia di normale intensità.

Non dimentichiamo che l’osso non va considerato soltanto, com’è avvenuto fino a poco tempo fa, un deposito di minerali, principalmente deputato a sostenere il corpo, ma anche un organo endocrino, come ha dimostrato, dal punto di vista clinico, la Semeiotica Biofisica Quantistica (SBQ), per esempio, col Segno di Raggi, lesione ossea (6) e col Test all’Osteocalcina per ricooscere il DMT2 a partire dal suo I Stadio (7, 8).

Recentemente è assai migliorata la nostra conoscenza della relazione tra peso corporeo e massa ossea, con l’acquisizione dei meccanismi d’azione mediati dal tessuto adiposo – inteso come “ghiandola” a secrezione interna – nei confronti della formazione e del riassorbimento osseo, realizzata tramite le adipochine, come ho dimostrato anni or sono con la SBQ (V. http://www.semeioticabiofisica.it.

Sono ormai numerosi gli esperimenti che evidenziano l’importanza del contatto muscolo scheletrico-osseo nel riparare fratture, suggerendo la secrezione di numerose sostanze, miochine, influenzanti l’attività metabolica ossea (9), sia nel senso edel riassorbimento osseo (IL-6) sia stimolando l’azione degli osteoblasti (LIF = fattor di inibizione leucemica).

Questi fatti mi hanno suggerito il seguente segno, utilizzabile nella diagnosi clinica di osteoporosi ad iniziare dal suo Reale Rischio Congenito. Il corretto uso di questo segno permette di escludere la predisposizione all’osteoporosi in un secondo .

Il Medico valuta di base i valori parametrici del Riflesso Vertebra lombare- gastrico aspecifico: tempo di latenza e durata in sec. Subito dopo comprime “intensamente” un muscolo scheletrico (molto pratico, il muscolo bicipite) ed immediatamente dopo valuta una seconda volta gli stessi valori parametrici.

Nel sano, il tempo di latenza di 8 sec. sale a 16 sec. raddoppiando; la durata del riflesso è costante .

Al contrario, in caso di osteoporosi, nella valutazione di base il tempo di latenza nel I stadio di Reale Rischio Congenito è ancora normale (NN = 8 sec.) ma la durata è patologica, uguale a 4 sec. o più.

Nella seconda valutazione, eseguita dopo la stimolazione “intensa” del muscolo scheletrico, si osservano interessanti dati, che recitano un ruolo diagnostico significativo. Infatti il tempo di latenza non raddoppia mai, risultando tanto più inferiore ai fisiologici 16 sec. quanto più grave è lo stadio osteoporotico.

Naturalmente è assai più elegante e ricca di informazioni la non facile valutazione dell’attivazione microcircolatoria nell’osso di base e poi simultaneamente alla compressione “intensa” del muscolo scheletrico.

In estrema sintesi, i meccanismi patogenetici alla base degli eventi sopra illustrati sono fondati sulla Realtà Non-Locale esistente nei sistemi biologici, da me scoperta con metodo clinico (10-12).

Bibliografia.

1) Stagnaro-Neri M, Stagnaro S.Co Q10 in the prevention and treatment of primary osteoporosis. Preliminary data. Clin Ter.;146(3):215-9 [MEDLINE]

2) Stagnaro Sergio. Osteoporosis occurs exclusively in presence of Osteoporosis Inherited Real Risk. Canadian Medical Association Journal, 20 June 2008. http://www.cmaj.ca/cgi/eletters/178/13/1660

3) Sergio Stagnaro (2011). Quantum Biophysical Semeiotics: Recognizing and Treating Osteoporosis, starting from Osteoporosis Inherited Real Risk. Journal of Quantum Biophysical Semeiotics. 25 July, 2011. http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/qbs_osteoporosis.pdf

4) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). “The Role of Mediterranean Diet, CoQ10 and Conjugated-Melatonin in Osteoporosis Primary Prevention and Therapy” “Current Nutrition & Food Science” Vol. 8, No.1, 2012.

5) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012). Quantum Therapy: A New Way in Osteoporosis Primary Prevention and Treatment. Journal of Pharmacy and Nutrition Sciences, (27 June 2012) | doi:10.1038/ejcn.2012.76, http://www.lifescienceglobal.com/pms/index.php/jpans/article/view/297. PMID:22739250 [Medline]

6) Sergio Stagnaro. The Sign of Raggi* In Early, and Rapid Bedside Diagnosing Bone Lesion, Including The Mestastasis.7 January, 2011. http://www.sci-vox.com, http://www.sci-vox.com/stories/story/2011-01-07raggi%27s+sign.+bedside+diagnosing+bone+marrow+disorders..html; http://stagnaro.wordpress.com/2011/01/07/the-sign-of-raggi-in-early-and-rapid-bedside-diagnosing-bone-lesion-including-the-mestastasis/

7) Stagnaro Sergio. Il test Semeiotico-Biofisico della Osteocalcina nella prevenzione primaria del diabete mellito. http://www.fce.it Febbraio 2008. http://www.fcenews.it/index.php?option=com_content&task=view&id=909&Itemid=47

8) Stagnaro Sergio. Osteocalcin Quantum-Biophysical-Semeiotic Manoeuvre in bedside Recognizing Diabetes, even in initial stage of diabetic Constitution, April 16, 2009, at URL http://sciphu.com, and at URL http://wwwshiphusemeioticscom-stagnaro.blogspot.com/

9) Pedersen B. Muscle as an endocrine organ: IL-6 and other myokines. J Appl Physiol. 2009;107:1006–1014. [Medline]

10) Stagnaro Sergio e Manzelli Paolo. Semeiotica Biofisica Quantistica: Livello di Energia libera tessutale e Realtà non locale nei Sistemi biologici. http://www.fce.it , 29 maggio 2008, http://www.fcenews.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1421&Itemid=47

11) Stagnaro Sergio. Non Local Realm. Response to Selection for Social Signalling Drives the Evolution of Chameleon Colour Change. (01 February 2008). http://www.plos.com, http://biology.plosjournals.org/perlserv/?request=read-response&doi=10.1371/journal.pbio.0060025
12) Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli. L’Esperimento di Lory. Scienza e Conoscenza, N° 23, 13 Marzo 2008. http://www.scienzaeconoscenza.it//articolo.php?id=17775

* Dedicato al Dr Franco Castagnola di Sestri Levante, mio carissimo amico, Anestesista presso l’Ospedale di Chiavari e Sestri Levante. ASL 4 Chiavarese

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: