Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

L’Ecocardiogramma Semeiotico-Biofisico-Quantistico fornisce al Medico, in modo rapido ed attendibile, una notevole quantità di informazioni sul modo di essere e di funzionare delle diverse componenti del cuore in condizioni fisiologiche e patologiche, magari silenti.

 

Nell’esaminando in posizione supina, psico-fisicamente rilassato e con gli occhi aperti per ridurre al minimo la secrezione di melatonina, viene esercitata una pressione manuale medio-intensa sopra la proiezione cutanea del fegato, finalizzata a spingerne il sangue nella vena  sovra-epatica, poi nella cava inferiore ed infine nell’atrio destro.

 

L’aumento pressorio, esercitato in successione sopra le pareti delle due vene e delle cavità cardiache, causa una serie di “riflessi”, tra cui quelli gastrici aspecifi – i più facili da valutare da parte del  Medico non ancora esperto in SBQ.

 

Se si riportano i valori parametrici di questi “riflessi” sopra un sistema di assi cartesiani, magari solo mentalmente – i tempi sull’ascissa e le intensità sulla ordinata – si ottengono interessanti diagrammi ricchi di informazione su struttura e funzione del miocardio, delle valvole cardiache, della pervietà del setto inter-atriale e inter-ventricolare, etc.

 

Nel sano, il diagramma inizia “simultaneamente” alla manovra pressoria a seguito della realtà non-locale presente nei sistemi biologici, da me descritta per la prima volta (Bibliografia in www.semeioticabiofisica.it).  

 

Si osservano, uno dopo l’altro, due piccoli riflessi gastrici, della durata ciascuno di 3 sec. con intensità inferiore ad 1 cm. Si tratta del sovra-riempimento della vena epatica e rispettivamente della cava inferiore.

 

Segue il III riflesso gastrico aspecifico, la cui intensità è inferiore a 2 cm. con durata di 6 sec. esatti, che informa sulle condizioni strutturali e funzionali dell’atrio destro.

 

Il quarto riflesso non supera i 3 cm, dura 6 sec. ed informa su struttura e funzione del ventricolo destro. Da notare che la rapida realizzazione di questo riflesso (= 1 sec.) indica che la dilatazione ventricolare destra è fisiologica.

 

A questo punto,  scomparso il IV riflesso, il diagramma coincide con l’ascissa per 5 sec. esatti:  il “bolo ematico”  attraversa arterie e vene polmonari per giungere all’atrio sinistro.

 

A questo punto, nel diagramma appare un V riflesso, espressione dell’atrio sinistro, identico al III riflesso,  relativo all’atrio destro.

 

Infine, si osserva il VI  ed ultimo riflesso cardio-gastrico aspecifico, che informa su struttura e funzione del ventricolo sinistro. I valori parametrici di questo riflesso sono praticamente  sovrapponibili  a quelli del  IV riflesso, perché entrambi rappresentano la geometrizzazione delle strutture e delle dinamiche ventricolari.

 

In mezzo minuto, usando un comune fonendoscopio il Medico è informato su dimensioni, dilatabilità, contrattilità delle camere cardiache, sul modo di essere e funzionare della valvole del cuore e dei setti inter-atriale e inter-ventricolare.

 To be continued …

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: