Semeiotica Biofisica Quantistica. Il Nuovo Rinascimento della Medicina. www.sisbq.org

Nel sito della Fondazione del Prof. U. Veronesi,  si può leggere una desolante ma illuminante intervista, alla URL

http://www.fondazioneveronesi.it/la-tua-salute/le-vostre-domande/cosa-fare-se-c-una-familiarit-per-cancro-al-seno-/5843   “Cosa fare se c’è una familiarità per cancro al seno?

Risponde Emma D’Andrea, professore associato del Dipartimento Universitario di Scienze Chirurgiche, Oncologiche e Gastroenterologiche, in convenzione con l’Istituto Oncologico Veneto di Padova (Iov, Struttura per i Tumori eredo-familiari di mammella e ovaio)”.

 

Nell’intervista, la Prof.ssa Emma D’Andrea,  a proposito degli esami di genetica molecolare per riconoscere il BRCA-1 e BRCA-2,  afferma: “Va detto che, a priori, solo metà dei membri di una famiglia sono a rischio e va a buon fine solo nel 20-25 per cento dei casi”.

 

E’ evidente che. Dopo 12 anni dalla scoperta, la Prof.ssa  Emma D’Andrea  non conoscere il Reale Rischio Congenito di cancro del seno, dipendente dal Terreno Oncologico.

 

Nella affermazione conclusiva è implicita la tragicità  del persistere dell’epidemia del cancro negli anni a venire, se non seguiremo nuove ed originali vie di lotta al cancro ,  come quelle da me suggerite, fino ad oggi invano.

 

“Che suggerire dunque per la sorveglianza della sua figlioccia oggi? La sua storia familiare riguarda solo il cancro della mammella e solo di questo ci preoccupiamo: dai 25 anni ai 35, le linee guida nazionali ed internazionali suggeriscono ecografia, risonanza magnetica nucleare (con e senza contrasto) e visita clinica, annuali. Si tratta di persone sane, che non si devono sentire ammalate (neanche in pericolo) e, in assenza di una sintomatologia precisa, non devono frequentare troppo i presidii sanitari”.

 

Ecco il mio commento nel sito citato:

Sergio Stagnaro. Come potete leggere nel mio blog http://www.facebook.com/pages/Semeiotica-Biofisica-Quantistica/219462041468111, ho commentato l’articolo sulla Prevenzione del Cancro della mammella della Prof. Emma D’Andrea, a cui ho scritto pure una mail, facendo notare che il Reale Rischio Congenito di cancro del seno è riconosciuto in un secondo col fonendoscopio, a partire dalla nascita, ed eliminato con la Terapia Blu. Vi assicuro che scrivere in modo educato un commento ad un articolo non aggiornato, terrorizzante, politicamente corretto ma non aggiornato, è costato assai al mio cuore infartuato e vecchio. Che cosa avranno mai nel cervello i “professori”? Pensate che il commento sarà messo in rete nel sito della Fondazione U. Veronesi?

 

Semeiotica Biofisica Quantistica

Per essere informati correttamente sulla Semeiotica biofisica Quantistica, consultare www.sisbq.org e www.semeioticabiofisica.it

Pagina: Piace a 131 persone

 

Con  scarsa speranza di successo, ma  più che mai deciso a lottare per la sconfitta del cancro, incluso quello della mammella, ripropongo l’attualissima Lettera Aperta al Presidente Berlusconi  sulla   Prevenzione Pre-Primaria e Primaria del Cancro del Seno che gli Oncologi dell’IEO sembrano ignorare…

 

 

Dal sito  www.masterviaggi.it; M.V. Anno X – Nr.  330 del 26.04.2011 http://www.masterviaggi.it/news/categoria_news/41243-prevenzione_pre-primaria_e_primaria_del_cancro_del_seno.php

il cancro, incluso quello della mammella, è una epidemia in continuo aumento per ammissione delle stesse competenti Autorità dell’WHO. E’ evidente che c’è qualcosa di errato nella politica sanitaria di lotta al tumore maligno finora adottata,

Riva Trigoso (Genova)

25 aprile 2011

Lettera Aperta al Presidente del Consiglio On. Silvio Berlusconi.

Prevenzione Pre-Primaria e Primaria del Cancro del Seno

 
On Silvio Berlusconi,

 

il cancro, incluso quello della mammella, è una epidemia in continuo aumento per ammissione delle stesse competenti Autorità dell’WHO. E’ evidente che c’è qualcosa di errato nella politica sanitaria di lotta al tumore maligno finora adottata, fondata su conoscenze mediche obsolete e sul costoso e fallimentare screening, dove la mammografia recita un ruolo centrale.

 

In realtà, ignorando sia il Terreno Oncologico, da me recentemente ribattezzato di Di Bella, sia il Dipendente Reale Rischio Congenito, diagnosticati clinicamente a iniziare dalla nascita (1-13), lo screening del cancro non può che risultare fallimentare, come l’esperienza dimostra: tutti i SSN, in Italia e nel mondo, hanno condotto e conducono, con spese notevoli e generando un desolante Terrorismo Psicologico Jatrogenetico, limitati, irrazionali e non efficaci screening per il cancro della mammella, ma mai una reale campagna di prevenzione pre-primaria e primaria, razionalmente eseguita sulla popolazione intera, maschile e femminile (anche il sesso maschile può essere colpito dal cancro del seno!), arruolando esclusivamente chi è positivo per il Reale Rischio Congenito di Cancro del Seno, clinicamente riconoscibile a partire dalla nascita.

 

 

In realtà, per poter realizzare con successo la prevenzione pre-primaria (V. Manuel’s Story alle URL http://www.sisbq.org/sbq-magazine.html e http://spagna.blogosfere.it/2011/03/il-bambino-ogm-nato-a-barcellona-e-la-manuels-story.html) e primaria di un tumore tra i più diffusi e causa di ineffabile sofferenza ed elevata mortalità (circa un terzo di chi è colpito da cancro al seno muore), medici e competenti Autorità sanitarie devono necessariamente conoscere la costituzione oncologica, cioè il Terreno Oncologico ora noto come TO. di Di Bella, ed il Reale Rischio Congenito Oncologico, localizzato in un quadrante – raramente più quadranti – della ghiandola mammaria (1-13) (http://www.semeioticabiofisica.it http://www.sisbq.org).
In considerazione della benevole accoglienza della mia precedente Lettera (A*: i Riferimenti a fondo Pagina), a cui è seguita l’intervista da me rilasciata al dott. Stefano Lorenzetto, pubblicata su Il Giornale (Domenica 8 marzo 2009,

http://www.ilgiornale.it/lp_n.pic1?PAGE=99388&PDF_NUM=1431),Signor Presidente del Consiglio, le scrivo questa lettera aperta sulla prevenzione pre-primaria e primaria del cancro mammario, con la fondata speranza di non incontrare il silenzio di Ministri della Salute, Oncologi famosi e Giornalisti, con la sola eccezione, ricordata sopra.

 
A) Una lunga esperienza clinica di 55 anni mi permette di affermare che la prevenzione pre-primaria e primaria del cancro del seno deve inevitabilmente essere preceduta dalla razionale selezione degli individui, di entrambi i sessi, colpiti dal Terreno Oncologico “e” dal Reale Rischio Congenito Oncologico, localizzato in un quadrante mammario (o più), facilmente riconoscibili e passibili di quantificazione con la Semeiotica Biofisica.

Infatti, l’assenza del Reale Rischio Congenito Oncologico nella mammella, in un soggetto portatore di Terreno Oncologico, esclude la possibilità d’insorgenza del cancro del seno (unica eccezione il paziente cachettico!).

 
B) Da sempre condivido il seguente pensiero di uno tra i massimi Clinici italiani del secolo XIX: “E’ difficile rimuovere metodi perfettamente organizzati, dalla lunga tradizione, sostenuti da nomi anche illustri, basati su un corredo dottrinario elegante ma errato; forte sotto l’aspetto politico, economico, organizzativo, finanziario, pseudo-sociale. Osiamo affrontare l’immane problema, più che nella convinzione di riuscire e risolvere, per non sentirci in colpa verso noi stessi”.(Luigi Di Bella: “Cancro: siamo sulla strada giusta?”. Edizioni Travel Factory Srl – Roma, 2001).
L’attuazione di questo originale intervento di prevenzione primaria del cancro del seno, sicuramente tutt’altro che dispendioso ed interessante tutti i cittadini, maschi e femmine, a Rischio Reale Congenito Oncologico, localizzato alla ghiandola mammaria, necessita dell’essenziale ed attiva partecipazione dei Medici di Medicina Generale, il cui ruolo è di primaria importanza.

La Prevenzione Primaria non può essere gestita che dai Medici di Medicina Generale, ovviamente.

 

La dettagliata descrizione operativa e l’importanza della Prevenzione Pre-Primaria del cancro è ormai definitivamente illustrata dalla Manuel’s Story.

 

 

Le tappe della prevenzione primaria del cancro del seno possono essere, in linea generale, stabilite come segue, in attesa ovviamente del contributo definitivo sia delle Autorità specializzate in questo tipo di operazioni interessanti la salute e sia dei Comitati etici (alla eventuale prevedibile obiezione riguardante la discriminazione dei cittadini positivi per il Terreno Oncologico, io, ex-portatore di costituzione oncologica, pongo la domanda:

 

 

Che senso ha spendere ingenti somme di denaro in ricerche sul codice genetico e sulle mutazioni del “solo” DNA nucleare, alla luce di una simile sospetta emarginazione?

 

1) In una città, Provincia o Regione, innanzitutto i Medici esperti in Semeiotica Biofisica Quantistica selezionano, rapidamente ed in modo affidabile gli individui con Terreno Oncologico e con Reale Rischio Oncologico mammario, impiegando inizialmente il Segno di Rinaldi (10), registrati in modo dettagliato su un apposito documento, da utilizzare nei successivi controlli. Questi individui, resi consapevoli, e quindi motivati, dei significati, delle cause e dei fini della prevenzione, sono arruolati nella campagna di prevenzione primaria organizzata e diretta tramite le locali ASLs, in modi da stabilire con precisione;

 

2) Tutti i soggetti selezionati ed arruolati sono tempestivamente sottoposti alle misure preventive sia dietetiche, intendendo la dieta in senso etimologico come programma del giorno, sia terapeutiche, somministrate in dosi personalizzate monitorandoli successivamente a seconda del bisogno, fino alla scomparsa del Terreno Oncologico, e quindi del Dipendente Reale Rischio Congenito.

Nella prevenzione da me suggerita utilizzo Melatonina-Adenosina (o altri preparati efficaci esistenti in commercio, come la Melatonina Clavis) – compresse da 2 mgr e 9 mgr. ciascuna, rispettivamente – due cpr al momento di coricarsi, come posologia media, associata a Cell-food, personalizzate applicazioni di LLLT-NIR LED, che provocano la trasformazione nella variante residua sia del Terreno Oncologico sia del Dipendente Reale Rischio Congenito.

 

Interessante è la recente applicazione di Cem-Tech, strumento di origine russa, venduto in tutto il mondo, ma non in Italia, che sulla base di mie ricerche è in grado di far scomparire la citopatologia mitocondriale alla base della costituzione oncologica (1, 10-15), e, quindi, il Terreno Oncologico e del Reale Rischio Oncologico. La sperimentazione col Cem-Tech ha fornito risultati assai omogenei e pertanto significativi, nonostante il limitato numero di casi osservati, e quindi merita di essere condotta su una ben più vasta popolazione per il necessario tempo.
3) Il primo controllo clinico delle risposte alla terapia è consigliabile che sia eseguito non dopo due settimane di terapia al fine di accertare la persistenza della scomparsa della citopatologia mitocondriale, ICAEM, alla base della costituzione oncologica (1, 10-15), e, quindi, del Terreno Oncologico ed infine del Reale Rischio Oncologico. In caso di insuccesso, al momento mai osservati nella mia sperimentazione, si modificherà opportunamente la terapia con l’aggiunta di altri farmaci (somatostatina, soluzione di vitamine antiossidanti, aghi “radioattivi” in loco, inseriti nell’esatta sede del reale rischio, ed infine si potrà ricorrere all’intervento chirurgico).

 

4) Scomparsi gli eventi biologico-molecolari e microcircolatori che hanno motivato la prevenzione, il monitoraggio terapeutico potrà essere condotto ogni mese per tre mesi successivi, e poi in caso di successo ogni sei mesi, registrando naturalmente l’incidenza di tumore al seno in tutta la popolazione, trattata e non.

 

5) Dopo 5 o più anni potrà essere corroborata o falsificata l’efficacia della prevenzione primaria così instaurata, i cui benefici chiaramente sono tenuti sotto rigido controllo – monitoraggio – a partire dal suo inizio.

 
Le mie condizioni di salute e l’età, non mi permettono di partecipare attivamente alla prevenzione pre-primaria e primaria, da me suggerita, alla quale posso solo assicurare tutto il mio contributo teorico e di competenza nella Semeiotica Biofisica Quantistica.

A mio parere, i Membri della Società Internazionale di Semeiotica Biofisica Quantistica (http://www.sisbq.org) sono ben preparati e adatti a dirigere una simile impresa.

 
Nel ringraziarla, Signor Presidente del Consiglio, On. Silvio Berlusconi, per l’accoglienza riservatami, Le porgo con i migliori saluti l’augurio di Ogni Bene.

 

 

Sergio Stagnaro

 

 

Sergio Stagnaro MD

Via Erasmo Piaggio 23/8,

16039 Riva Trigoso (Genoa) Italy

Founder of Quantum Biophysical Semeiotics,

Honorary President of International Society of

Quantum Biophysical Semeiotics (SISBQ)

Who’s Who in the World (and America)

since 1996 to 2010

Ph 0039-0185-42315

Cell. 3338631439

http://www.semeioticabiofisica.it 

http://www.sisbq.org  

dottsergio@semeioticabiofisica.it

 

Bibliografia.

1) Stagnaro Sergio, Stagnaro-Neri Marina. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno oncologico. Travel Factory SRL., Roma, 2004.

http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm

 

2) Stagnaro Sergio.   Overloking Oncological Terrain and oncological Real Risk, no paper is up-dated!  18 January 2008, Annals of Internal Medicine  http://www.annals.org/cgi/eletters/147/11/775

3) Stagnaro Sergio. There is another clinical, and overlooked tool, reliable in breast cancer prognosis evaluation, BioMed Central, 2005. http://www.biomedcentral.com/1471-2407/5/70/comments#204473

 

 

4) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Cancro della mammella: : prevenzione primaria e diagnosi precoce con la percussione ascoltata. Gazz. Med. It.; Arch.  Sc.  Med. 152, 447, 1993.
5)  Stagnaro Sergio. A new way in the war against breast cancer, fortunately Breast Cancer Res 2005,. http://breast-cancer research.com/content/7/2/R210/comments
6)  Stagnaro S. Lettera aperta al Ministro della Salute, Prof. G. Sirchia, sulla prevenzione primaria clinica del cancro mammario.

http://www.katamed.it/Notizia.asp?id=8094&lingua=IT&idcat=999;
http://xoomer.virgilio.it/piazzetta/professione/professione.htm
http://bmj.bmjjournals.com/cgi/eletters?lookup=by_date&days=1#72216
27 August 2004

7) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M. Single Patient Based Medicine. La Medicina Basata sul Singolo Paziente: Nuove Indicazioni della Melatonina. Travel Factory SRL., Roma, 2005. http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm

 

 

8) Stagnaro Sergio. “Genes, Oncological Terrain, and Breast Cancer” World Journal of Surgical Oncology., 2005, http://www.wjso.com/content/3/1/45/comments#205475

 

9) Stagnaro  Sergio Mitochondrial Bed-Side Evaluation: a new Way in the War against Cancer (21 December 2005). Cancer Cell International

http://www.cancerci.com/content/5/1/34/comments#218502

 

10) Stagnaro Sergio. Reale Rischio Semeiotico Biofisico. I Dispositivi Endoarteriolari di Blocco neoformati, patologici, tipo I, sottotipo a) oncologico, e b) aspecifico. Ediz. Travel Factory,

http://www.travelfactory.it, Roma, 2009.

 

11) Caramel S., Stagnaro S. The role of mitochondria and mit-DNA in Oncogenesis. http://ilfattorec.altervista.org/mitDNA&oncogenesis_english.pdf;

Quantum Biosystems 2010, 2, 221-248

 

12) Stagnaro Sergio.    Il Segno di Rinaldi nella Diagnosi del Terreno Oncologico di

Di Bella e del Cancro, solido e liquido, in atto. II Convegno Nzionale della SISBQ, Chiusi (Siena), 28-29 maggio 2011. Versione italiana:

http://www.sisbq.org/atti-del-secondo-convegno.html,

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/

rinaldisign_it.pdf ;

english version:

http://www.sisbq.org/acts-of-the-second-conference.html

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/

5687930/rinaldisign_eng.pdf

 

13) Simone Caramel and Sergio Stagnaro (2011) Quantum Biophysical Semeiotics of Oncological Inherited Real Risk of Myelopathy: The diagnostic role of glycocalyx.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/qbs_

myelopathy_glycocalyx_english.pdf

 

14) Simone Caramel and Sergio Stagnaro (2011)The role of glycocalyx  in QBS diagnosis of Di Bella’s Oncological Terrain.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/oncological_

glycocalyx2011.pdf

 

15) Simone Caramel and Sergio Stagnaro (2011)

Quantum Biophysical Semeiotics and mit-Genome’s fractal dimension 

Journal of Quantum Biophysical Semeiotics, 1  1-27,

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/

joqbs_mitgenome.pdf

 

16) Simone Caramel and Sergio Stagnaro (2011)

Quantum Biophysical Semeiotics of Oncological Inherited Real Risk of Myelopathy:

The diagnostic role of glycocalyx.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/qbs_

myelopathy_glycocalyx_english.pdf
16b) SimoneCaramel and Sergio Stagnaro (2011)

The role of glycocalyx  in QBS diagnosis of Di Bella’s Oncological Terrain

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/

oncological_glycocalyx2011.pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: